Andamento mercato assicurazione auto quarto trimestre 2017

Andamento mercato assicurazione auto quarto trimestre 2017
5 (100%) 1 vote
di | 10-04-2018 | Assicurazioni, Auto

Cosa è successo nel mercato dell’assicurazione auto negli ultimi mesi del 2017? A dircelo sono i dati pubblicati recentemente dall’IVASS, che dipingono un quadro generale di un trend interessante per i consumatori e gli addetti del settore assicurativo.

Dai dati, alcuni spunti di riflessione per un mercato in continua evoluzione e che, nel breve, vedrà ancora nuove trasformazioni legate alle tecnologie e ai nuovi modi di concepire la mobilità privata.

Premio medio RC auto in diminuzione

I prezzi per la copertura assicurativa obbligatoria per i veicoli, nel quarto trimestre del 2017, sono in diminuzione rispetto al trimestre precedente. I dati IVASS parlano di un decremento medio dello 0,8%. Anche su base annuale si registra un calo: -0,6% confrontando i mesi ottobre, novembre e dicembre 2016 e 2017. Il premio medio è di 417 euro per la RC. Per il 50% degli assicurati, tale valore non supera i 375 euro all’anno.

I fattori che hanno contribuito al calo dei prezzi delle assicurazioni sono, secondo l’analisi Ania, sono i seguenti:

  • Diminuzione dei sinistri, anche grazie alle misure di contrasto alle frodi assicurative.
  • Diffusione dei device telematici.
  • Crescente competizione tra compagnie assicurative.

Su quest’ultimo punto, la riflessione dell’Ania sottolinea la possibilità, da parte delle compagnie assicurative, di gestire prodotti più convenienti grazie alla riduzione dei sinistri e all’abbattimento dei costi tecnici. Da leggere tra le righe di quest’ultimo elemento, aggiungiamo noi, anche il contributo della dematerializzazione delle polizze e la crescente competizione che si gioca sui comparatori online di assicurazioni per l’auto. Un mercato, quello delle vendite online attraverso i comparatori, che oggi rappresenta solo il 2,5% delle vendite complessive, ma che ha buon margine d’incremento.

Nonostante il calo dei prezzi, la RC auto italiana rimane tra le più care d’Europa.

Variabilità dei prezzi tra nord e sud

Una delle caratteristiche del mercato italiano delle assicurazioni auto è, senza dubbio, quello dell’estrema variabilità dei prezzi sul territorio. Una caratteristica dovuta dalla grande variazione dell’incidenza di sinistri tra le diverse aree del Paese, che trova la sua espressione nel divario tra prezzi nord-sud.

Nell’ultimo trimestre dell’anno scorso, tale divario sembra diminuire: si riduce il gap tra i premi medi della provincia più cara e quella più economica.

Polizze RC auto con device telematici: continua la crescita, anche se meno sostenuta

Una crescita meno sostenuta rispetto ai mesi precedenti, ma che prosegue un trend di mercato, è la sottoscrizione di prodotti assicurativi legati a device telematici. Il 20,5% delle polizze stipulate prevede clausole di riduzione del prezzo del premio a seguito dell’installazione della scatola nera.

Fedeltà degli assicurati

L’ultimo trimestre del 2017 ha segnato anche un aumento della fedeltà degli assicurati RC auto, in un confronto anno su anno. La mobilità degli assicurati da un’agenzia a un’altra è diminuita, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, dell’1,1%. I rinnovi presso altro assicuratore è stato del 9,9% dei contratti stipulati nel periodo.

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995