Arbitro assicurativo: chi è e cosa fa questa figura professionale

Arbitro assicurativo: chi è e cosa fa questa figura professionale
5 (100%) 3 votes
di | 12-12-2018 | Assicurazioni, News e Varie

È arrivato anche in Italia l’Arbitro assicurativo, una figura che si occuperà della risoluzione extragiudiziale delle controversie in materia di assicurazioni. L’Arbitro assicurativo si affiancherà all’Arbitro per le controversie finanziarie (ACF) e all’Arbitro bancario e finanziario (ABF) competente sulle controversie di natura bancaria. Secondo un comunicato stampa dell’IVASS – l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni – le assicurazioni operanti nel mercato italiano hanno ricevuto, soltanto nei primi sei mesi del 2018, un totale di 52.592 reclami. Il 47,8% di questi reclami – ossia quasi la metà – sono reclami contro le RC Auto. Considerando che i tempi medi per la risoluzione delle controversie tra consumatori e compagnie assicuratrici si aggira intorno agli 8 anni, possiamo immaginare i costi che una tale situazione ha comportato. Infatti, non esistendo una figura terza che potesse mediare e risolvere in via extragiudiziale i conflitti tra le due parti coinvolte – assicurati e assicurazioni – il ricorso alle vie giudiziarie è aumentato di anno in anno. L’effetto di questa situazione è stato un aumento senza controllo dei costi, tanto da parte dei consumatori, obbligati a pagare di tasca propria l’assistenza legale, quanto da parte delle compagnie assicuratrici, costrette ad alzare i propri tariffari, e delle istituzioni pubbliche che, con le loro risorse limitate, si sono trovate a gestire un volume di lavoro spropositato. Per far fronte a questa situazione il Governo italiano ha finalmente istituito – con il Decreto Legge del 21 maggio 2018 – la figura dell’Arbitro assicurativo. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Sommario

L’Arbitro assicurativo: la direttiva europea

Come molte delle normative volte alla tutela dei consumatori, anche l’istituzione dell’Arbitro assicurativo in Italia arriva da una direttiva europea. Stiamo parlando della Direttiva UE 2016/97, nata con l’obiettivo di rafforzare i diritti dei consumatori dell’Unione e di dotarli di migliori garanzie nei confronti delle assicurazioni. Nello specifico, l’art. 15 comma 1 della Direttiva dal titolo “Risoluzione stragiudiziale delle controversie” recita: “Gli Stati membri garantiscono che siano istituite, in conformità dei pertinenti atti legislativi dell’Unione e del diritto nazionale, procedure di reclamo e di risoluzione stragiudiziale delle controversie adeguate, efficaci, imparziali e indipendenti, per la risoluzione delle controversie insorte fra i clienti e i distributori di prodotti assicurativi aventi come oggetto i diritti e gli obblighi derivanti dalla presente direttiva, avvalendosi eventualmente di organi già esistenti. Gli Stati membri garantiscono che tali procedure siano applicate ai distributori di prodotti assicurativi nei confronti dei quali sono state avviate le procedure e che agli stessi si estenda la competenza del pertinente organo”.

L’Arbitro assicurativo: cosa cambierà in Italia

Da un punto di vista legislativo, il recepimento della Direttiva Europea da parte della legge italiana dovrà essere accompagnato da alcune modifiche al Codice del Consumo e al Codice delle Assicurazioni. Nello specifico, gli articoli 141 e 141-octies del Codice del Consumo dovranno essere aggiornati per inserire l’IVASS tra le autorità competenti in materia di metodi alternativi di risoluzione delle controversie. L’obiettivo è quello di offrire una soluzione rapida, semplice ed extragiudiziale per la conclusione delle controversie tra consumatori e imprese, in tal caso assicurazioni. Il Codice delle Assicurazioni dovrà dotarsi all’interno del Titolo XIII sulla “Trasparenza delle operazioni e protezione dell’assicurato” di un nuovo articolo, l’art. 187/ter dal titolo “Sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie”. Qui dovrà essere inserita nel dettaglio la procedura per la risoluzione extragiudiziale delle controversie tra assicurato e assicurazione. Da un punto di vista pratico in sostanza tutte le compagnie assicuratrici operanti nel mercato italiano e sottoposte alla vigilanza dell’IVASS, dovranno riconoscere la nuova figura dell’Arbitro assicurativo e aderire alla nuova procedura della risoluzione extragiudiziale delle controversie. L’Arbitro assicurativo verrà gestito dall’IVASS e avrà le stesse caratteristiche e le stesse funzioni che hanno attualmente l’ABF (Arbitro Bancario Finanziario)e l’ACF (Arbitro Controversie Finanziarie).

I vantaggi dell’Arbitro assicurativo

Come abbiamo anticipato all’inizio di questa guida, l’obiettivo principale dell’istituzione dell’Arbitro assicurativo è quello di ridurre i costi legati alle controversie legali tra assicurati e assicurazioni. L’introduzione di un sistema più snello ed efficace, la riduzione del ricorso alle vie legali, la diminuzione dei tempi della giustizia avranno effetti positivi non solo per i consumatori ma anche per le stesse compagnie assicuratrici.

Reclamo  alla compagnia assicuratrice: come fare

In attesa che l’Arbitro assicurativo diventi operativo, come comportarsi nel caso in cui ci sia bisogno di presentare un reclamo alla propria compagnia assicuratrice? Se avete un reclamo da avanzare nei confronti della vostra assicurazione rivolgetevi all’Ufficio Reclami dell’assicurazione stessa, allegando tutta la documentazione necessaria. L’assicurazione deve rispondere al vostro reclamo entro 45 giorni. Se non lo fa o se la sua risposta è insoddisfacente, potete fare ricorso presso l’IVASS inviando all’istituto una copia del reclamo inviato e di tutta la documentazione che certifica la corrispondenza intercorsa tra voi e l’impresa assicuratrice. Il compito dell’IVASS sarà quello di risolvere la controversia tra le parti verificando il comportamento di entrambe le parti e chiedendo alla stessa assicurazione di fornire o di modificare la risposta al problema esposto dal consumatore. L’indagine dell’IVASS dovrà concludersi entro un periodo di tempo che varia tra i 90 e i 120 giorni. Qualora l’Istituto trovi delle inadempienze da parte dell’assicurazione, potrà avviare un procedimento sanzionatorio. La prassi per attivare un reclamo cambia in base all’importo contestato dall’assicurato. Se la somma richiesta è inferiore ai 15 mila euro, è necessario prima contattare un’associazione dei consumatori che cercherà di trovare una soluzione che soddisfi entrambe le parti. Per somme superiori ai 15 mila euro, l’assicurato deve rivolgersi direttamente all’IVASS.

Avete un contenzioso aperto con la vostra assicurazione e nel frattempo state cercando un’alternativa valida? Grazie al nostro servizio di comparazione gratuito e senza impegno, è possibile ottenere un preventivo personalizzato in base alle vostre esigenze. Cliccate sul pulsante qui in basso, inserite i vostri dati e quelli del veicolo o della casa da assicurare, le garanzie accessorie di cui avete bisogno e ottenete un preventivo su misura per voi. Preferite parlare con un esperto? In tal caso digitate il numero 0321 085 995 dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 20:00 e parlate con uno dei nostri consulenti esperti di assicurazioni. Saranno felici di consigliarvi il preventivo più adatto alle vostre esigenze e alle vostre tasche.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
02 20011111

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.