Rc Auto, cosa cambia con le nuove norme approvate dal Governo

Rc Auto, cosa cambia con le nuove norme approvate dal Governo
Il post ti è stato utile?
di | 25-02-2015 | Assicurazioni, Leggi Norme Regole

La scorsa settimana il Governo Renzi ha tra le altre cose approvato il ddl in materia di concorrenza che prevede diverse novità anche sul funzionamento e la disciplina che regola le Rc Auto.

Elenchiamo allora per punti le novità in fatto di assicurazioni approvate dal Governo:

 

  • Dovranno obbligatoriamente essere applicati sconti più consistenti sulle tariffe delle Rc Auto per chi:
    1. accetta l’installazione della scatola nera sulla vettura o il controllo preventivo del proprio veicolo;
    2. acconsente all’installazione di un meccanismo elettronico che blocchi in automatico l’accensione dell’automobile se sul guidatore viene rilevato un tasso alcolemico più elevato di quello ammesso dalla legge;
    3. accetta di far riparare le auto solo in officine convenzionate (decisione che ha mandato su tutte le furie, come prevedibile, tutti i carrozzieri).

 

  • I testimoni di un incidente con danni solo alle cose e non alle persone, non potranno più essere aggiunti in un secondo momento, ma dovranno essere identificati e segnalati in maniera obbligatoria contestualmente alla denuncia del sinistro, e mai dopo.
  • Il Governo, sempre col ddl concorrenza, ha tagliato sensibilmente i risarcimenti per i danni sugli incidenti. Le tabelle ufficiali non sono ancora state rese note, ma l’Esecutivo è intervenuto con le forbici sia sui danni più lievi (dai 795,91 euro attuali per un punto di invalidità, l’ammontare del risarcimento è stato ridotto a 674,78 euro, addirittura il 15,21% in meno), che anche su quelli molto gravi. E’ stato stimato che il risparmio delle compagnie potrebbe superare il 40% di media per i danni biologici di lieve entità, toccando il mezzo milione di euro di media a caso per i danni più gravi.
  • Viene abrogata infine la norma che affidava a Poste Italiane l’esclusiva sulla spedizione degli atti giudiziari e multe che, come ha ricordato lo stesso Premier Renzi nella conferenza stampa di presentazione del provvedimento, è una prassi che esiste o esisteva solo in Italia, Ungheria e Portogallo.

 

Noi intanto vi lasciamo alle tariffe che oggi applicano le varie compagnie presenti sul mercato in ambito di Rc Auto, Rc Moto e Rc Scooter, così da poter ricevere una panoramica informativa dettagliata e pensare ad un’idea sul da farsi. Il servizio del nostro comparatore, che aggiorna le tariffe quotidianamente, è offerto alle nostre lettrici ed ai nostri lettori cliccando qui, ovviamente in maniera del tutto gratuita.

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995