Sconti nelle Rc Auto se vi affidate alle officine delle assicurazioni: voi come la pensate?

Sconti nelle Rc Auto se vi affidate alle officine delle assicurazioni: voi come la pensate?
Il post ti è stato utile?
di | 12-03-2015 | Assicurazioni, Leggi Norme Regole

Assicurazione auto Tra i vari pre-requisiti che il disegno di legge in materia di concorrenza, opera del Governo Renzi, impone per ricevere degli sconti sulle Rc Auto, c’è quella di far riparare il proprio veicolo, in caso d’incidente, esclusivamente nelle officine convenzionate con la compagnia di assicurazione con la quale avete stipulato la polizza.

Il motivo è presto detto: si vogliono evitare i prezzi gonfiati ad hoc o le truffe con la collaborazione di carrozzieri di fiducia, dall’altra però si priva di una libertà fondamentale gli automobilisti e le automobiliste italiani/e e si mettono nei guai tutti i carrozzieri indipendenti che operano nel nostro Paese, che ora rischiano di rimanere con una quantità di lavoro molto inferiore rispetto al passato.

Aumentano quindi le polemiche su questa riforma delle Rc Auto, che rischia, come avevamo previsto, di favorire nuovamente soltanto le società di assicurazioni, già agevolate di loro da una diminuzione dell’ammontare in denaro dei risarcimenti danni, decisa dallo stesso Governo Renzi.

I primi soggetti istituzionali quindi cominciano raccogliere il grido d’allarme lanciato dalla Cna autoriparazioni, organismo che tutela il mondo delle carrozzerie indipendenti: lo hanno già fatto l’Automobile Club Livorno (l’Aci del capoluogo di provincia toscano), che si è espressa contro la legge ed a favore dei carrozzieri, ed il Consiglio Regionale della Toscana, che tra l’altro ha già presentato un progetto di legge differente, proprio per evitare l’approvazione di tale norma, giudicata palesemente ingiusta ed ingiustificata. La stessa Regione Toscana considera fumosa e senza parametri certi l’apertura sugli sconti, mentre con estrema chiarezza si toglie ai cittadini italiani la possibilità di far aggiustare, in caso d’incidente, le proprie macchine da un carrozziere di fiducia, di cui si conosce la professionalità e bravura, magari da molto tempo.

Riccardo Heusch, Presidente della Commissione Traffico e Mobilità, a tal proposito ha dichiarato: “Parlando delle assicurazioni la verità è che, con la scusa di limitare le frodi, le suddette cercano di mettere le mani sulle carrozzerie, costringendole a prezzi imposti ‘da fame’ e fornendo loro direttamente i ricambi. Se prima il cliente poteva scegliere quali ricambi e da quali carrozzerie di fiducia farsi assistere, d’ora in poi sarà soggetto alle decisioni imposte dall’alto dalle compagnie. Tutto ciò in barba alla democrazia ed alla, a questo punto, solo presunta libertà di scelta. Tutto questo senza contare che i vantaggi legati al risparmio risultano in pratica riservati solo alle stesse compagnie assicurative, mentre per gli automobilisti non credo cambi molto rispetto ad un’oculata scelta del rinnovo della polizza”.

0321.085995