Targa straniera: novità moto, confisca

Targa straniera: novità moto, confisca
Il post ti è stato utile?
di | 22-08-2019 | Assicurazioni

Il Decreto sicurezza, convertito in legge il 28 novembre 2018, ha stabilito interessanti novità sul versante delle targhe. Chiunque negli anni scorsi abbia circolato con targa straniera in Italia, non potrà più farlo. È stato infatti imposto lo stop alla pratica dell’esterovestizione, ovvero l’immatricolazione di veicoli di proprietà con targhe estere. Allo stesso modo non si potranno prendere mezzi targati all’estero in leasing o a noleggio attraverso operatori con sede in Italia.

Targa estera: chi la usa

Le due modifiche al Codice della Strada comportano pertanto una stretta su un argomento spinoso. Nel corso degli anni sono stati infatti molti i furbetti che, disponendo di una targa straniera, hanno evitato di pagare bolli moto, multe e revisioni, oltre a godere di premi esigui sulla propria assicurazione moto, che ricordiamo essere obbligatoria per legge, e a sottrarsi all’erario risultando di fatto invisibili.  Questa consuetudine era decisamente diffusa tra italiani che acquistavano vicoli di lussi o ne esportavano altri, sia per targarli nuovamente che per non pagare il superbollo. Ma anche da stranieri. Quelli regolari per acquistare un mezzo in Italia e immatricolarlo nel loro paese d’origine, quelli irregolari per sfuggire (con targa estera) all’identificazione.

Targa straniera: variazioni Codice della Strada

Ad essere stati integrati sono gli articoli 93 e 132 del Codice della Strada. Su quest’ultimo è stato inserito l’obbligo di rimpatriare il veicolo, consegnando contestualmente targhe e documenti esteri, dopo un anno dall’immatricolazione se non si è provveduto a reimmatricolarlo in Italia durante il suddetto periodo. Per quanto concerne l’articolo 93, invece, è stato inserito il divieto di circolare in Italia con un veicolo immatricolato all’estero ai residenti da oltre 60 giorni, a meno che a bordo non ci sia un documento di data certa sottoscritto dall’intestatario del veicolo dal quale risultino il titolo e la durata della disponibilità dello stesso. In caso di leasing o noleggio, per essere in regola basterà disporre di una dichiarazione della compagnia intestataria del mezzo, purché abbia sede all’estero.

Multe e sanzioni

Chiunque non rispetti le nuove normative sul tema targa moto e targa auto va incontro a una sanzione pecuniaria di almeno 712 euro. Inoltre sarà soggetto all’obbligo di conservare il veicolo in deposito e immatricolarlo entro 180 giorni. Al decorrere dei suddetti termini, si andrà incontro alla confisca. Una volta pagata la multa, si può in alternativa consegnare targhe e documenti alla Motorizzazione, che da par suo rilascerà il foglio di via e la targa provvisoria per condurre il veicolo al di fuori dei confini nazional.

Se ti ritrovi in queste categorie o, semplicemente, se vuoi saperne di più sulla targa moto, continua a navigare il nostro sito.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
02 20011111

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.