Auto GPL: vantaggi e svantaggi

di | 13-12-2020 | Auto

L'alimentazione a GPL ha dei pro, come dei contro. Ci sono dei costi extra, ma soprattutto le spese di manutenzione. Il risparmio sul carburante però è innegabile...

Auto GPL: vantaggi e svantaggi
Confronta

Avete mai pensato ad acquistare una automobile con alimentazione a GPL? Come tutte le cose, ci sono vantaggi e svantaggi, per un carburante “povero” e dedicato a chi ha le tasche vuote e non cerca certo le super prestazioni dalla propria autovettura. Quali sono dunque i pro ed i contro di questo tipo di alimentazione? Il GPL costa poco alla pompa di benzina, quindi, conviene. Gli automobilisti stanno scegliendo sempre più auto a gas, soprattutto in sfavore del metano.

La scelta di acquistare un’auto GPL piuttosto che a benzina o diesel è generalmente dovuta ai seguenti motivi:

  • risparmio sul carburante,
  • possibilità di accesso nelle zone a traffico limitato delle grandi città,
  • possibile risparmio sull’assicurazione per auto a GPL, ma per una specifica riguardo al costo della polizza assicurativa per auto GPL è consigliabile fare un confronto tra le varie offerte delle assicurazioni.

Sommario

Cos’è il GPL?

Come sempre, iniziamo per gradi, iniziando a capire cosa sia davvero il GPL. GPL è l’acronimo di gas di petrolio liquefatti, quindi non confondetelo con il gas propano liquido. Il GPL vede il propano come suo principale componente, ma non è l’unico, quindi non può essere definito, appunto, gas propano liquido. Il GPL vede infatti una miscela di idrocarburi alcani (a basso peso molecolare) che vede nella composizione principale, il già citato propano, ed il butano. Occasionalmente possiamo trovare piccole quantità di etano o di idrocarburi non saturi (etilene, butilene, etc). Una curiosità: il GPL “nasce” inodore. Solo successivamente viene odorizzato con etantiolo, così da poterlo distinguere per via della sua pericolosità (resta sempre un componente infiammabile).

Auto GPL: caratteristiche

Prima di acquistare una macchina a GPL è utile conoscerne le caratteristiche e anche le limitazioni. Le caratteristiche del serbatoio GPL sono le seguenti:

  • la forma ha quasi sempre forma toroidale (a ciambella),
  • la capacità varia da 38 litri a 45 litri
  • è posizionato nel vano della ruota di scorta,
  • è progettato per una pressione di 30 bar, tre volte la massima pressione di esercizio
  • è dotato di quattro valvole di sicurezza per evitare perdite di gas o rischio di esplosioni.

Il rifornimento del gas non può superare l’80% della capacità del serbatoio per lasciare lo spazio all’aumento di volume del Gpl quando aumenta la temperatura.
L’avviamento a freddo del motore avviene a benzina e l’alimentazione a gas va in funzione automaticamente quando il liquido di raffreddamento raggiunge la temperatura di circa 35 gradi, che consente il funzionamento del riduttore/evaporatore. Attraverso un commutatore, si passa da un tipo di alimentazione all’altro e quando si esaurisce il GPL, viene inserito il funzionamento a benzina.

Rispetto alle auto a benzina, gli automobilisti che posseggono auto alimentate a GPL devono rispettare alcune accortezze stabilite per legge. La normativa impone:

  • la possibilità di parcheggiare auto a Gpl in aree di sosta pubbliche solo fino al primo piano interrato e nei garage privati,
  • il gestore del parcheggio può imporre il divieto di parcheggio per auto a GPL.

GPL: conviene?

Rispetto al suo principale “rivale”, il metano, il GPL vanta un prezzo inferiore. Chiaramente, anche l’impianto è differente, quindi i due combustibili non possono assolutamente essere interscambiabili! Un po’ come benzina e diesel. O si acquista un’auto predisposta per il GPL o la si compra per il metano. Detto questo, veniamo al punto fondamentale: al consumatore, interessa il risparmio! Bene, le auto a GPL consentono di risparmiare. A seconda dei serbatoi, con 20 euro si fa il pieno.

Chiaramente, va aggiunta un’altra spesa, che per quanto minima, va considerata. Per avviare una automobile, è sempre consigliato l’utilizzo della benzina. Il GPL però, “magia” cavalli. Ha una combustione differente, quindi rispetto a quando l’auto va a benzina, avremo meno potenza. Come detto però, se ci si organizza bene con le stazioni di servizio, la benzina non viene quasi mai utilizzata. Questo consente un risparmio importante.

I costi di manutenzione

C’è, poi, il costo per la manutenzione. La manutenzione dell’impianto a gas consiste nel controllo della tenuta delle tubazioni e dei raccordi del carburante. Non si tratta di interventi troppo costosi, ma spesso le valvole del motore e le loro sedi sono sollecitate maggiormente dal funzionamento a GPL, così sono soggette ad un’usura maggiore se non sono state rinforzate adeguatamente dalla Casa costruttrice.

L’installazione

Chi ha un’auto a benzina e decide di installare un impianto GPL, deve però considerare il prezzo del montaggio e tutto ciò che gli gira intorno. L’installazione, che deve essere fatta presso una officina autorizzata, viene circa sui 2.000 euro. A conti fatti però, se fate strada, in pochi mesi potrete ammortizzare la cosa.

Attenzione poi, ricordatevi che il GPL, installato su auto che nascono come “solo benzina”, tendono a rovinare le valvole del motore. È dunque bene utilizzare ogni tanto un pieno esclusivamente di benzina, così da prevenire incrostazioni delle valvole stesse, magari, con un additivo specifico. Discorso diverso per le auto che nascono dalla fabbrica bi-fuel. L’ingegneria moderna ha sviluppato dei motori proprio per non avere problemi. Altri contro da valutare, sono il costo iniziale della bi-fuel, più cara, così come i tagliandi, che devono essere effettuati più spesso. Ricordiamoci poi, che si può parcheggiare al chiuso soltanto al primo piano interrato e non oltre.

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.