Che cos’è la patente C.Q.C.

di | 08-11-2020 | Auto

Che cos'è la patente C.Q.C.? A chi serve? Cerchiamo di fare chiarezza per questa patente... non patente

La C.Q.C. La C.Q.C. nante volte leggiamo la sigla C.Q.C., ma cos’è? Cosa significa? Chi la deve avere? Cerchiamo di dare risposta a tutte queste domande, le normative di riferimento e tutto quello che c’è da sapere. Leviamoci subito la prima domanda, cos’è la C.Q.C.? C.Q.C. è l’acronimo di “Carta di Qualificazione del Conducente” ed è una sorta upgrade della normale patente di guida, proprio perché è una Qualificazione. Non si tratta dunque di una patente, ma una qualifica che da accesso alla guida professionale. Questa, infatti, va ad aggiungersi ad altre patenti di guida: la categoria C, D, CE e DE.

Sommario

La C.Q.C.: chi deve averla?

La C.Q.C., è una qualifica per tutti coloro che trasportano le persone, ed è obbligatoria dal 10 settembre 2008. Se invece parliamo di trasporto merci, è obbligatoria dal 10 settembre 2009. Esattamente come la patente normale, la CQC segue il regime dei “Punti”. Questa abilitazione, dunque, è indispensabile per tutti coloro che trasportano persone e merci. Per finire, si parla di trasporto persone, quando superano i 9 posti, mentre per le merci, serve quando si superano le 3,5 t.

A chi serve: lo schema

Ricapitoliamo dunque, chi deve avere la C.Q.C.:

  • Trasporto merci per mezzi con massa complessiva (a pieno carico) superiore a 3,5 t
  • Trasporto persone per mezzi con 9 posti superiori compreso il conducente
  1. Per il trasporto merci – serve la CQC MERCI. Occorre seguire un corso che è composto da una parte comune per tutte le CQC, ed una parte specifica, dedicata alle merci. Ovviamente, bisognerà poi fare un esame.
  2. Per il trasporto persone – serve la CQC PERSONE. Come sopra, occorre il corso comune di cui sopra, più la parte specifica ed il relativo esame.

Quando non è richiesta la C.Q.C.?

Ci sono poi tutta una serie di casi, ove non è richiesta la Carta di Qualificazione del Conducente. Non è richiesta per i veicoli la cui velocità massima autorizzata non supera i 45 km/h. La C.Q.C: non serve per i veicoli ad uso delle forze armate, della protezione civile, dei pompieri e delle forze responsabili del mantenimento dell’ordine pubblico, o messi a loro disposizione. La C.Q.C. non occorre per chi guida dei veicoli sottoposti a prove su strada (perfezionamento tecnico, riparazione o manutenzione), possano essere nuovi o non ancora circolanti.

Non è prevista, ovviamente, per i veicoli utilizzati in servizio di emergenza (o destinati a missioni di salvataggio), così come per i veicoli utilizzati per: lezioni di guida (ai fini del conseguimento della patente di guida) e dei certificati di abilitazione professionale. La C.Q.C. non serve per i veicoli utilizzati per il trasporto di passeggeri o di merci a fini privati e non commerciali. Non occorre poi, nemmeno per i veicoli che trasportano materiale o attrezzature (parliamo di quelli sfruttati dal conducente nell’esercizio della propria attività), ma solo a condizione che la guida del veicolo non costituisca l’attività principale di chi conduce.

Per gli ultimi due punti poi, la circolare Prot. Div 677898/8.3 del 10 agosto 2007 del Dipartimento per i Trasporti Terrestri prevede che l’esclusione della CQC si riferisce ai conducenti di veicoli adibiti ad uso proprio e non si applica se il conducente sia assunto alle dipendenze di un’impresa con la qualifica di autista. Non occorre poi la CQC per i conducenti di scuolabus (serve la CAP KD). Coloro che lavorano presso le ditte di trasporto merci, a prescindere che sia per conto proprio o per conto di terzi, hanno poi altre specifiche da seguire. Questi ultimi, devono avere la CQC e devono fare i corsi di rinnovo, e la stessa cosa vale per il titolare dell’azienda. I privati, devono avere la CQC, devono fare ugualmente il corso di rinnovo.

I corsi C.Q.C.: durata ed ore richieste

Chi possiede una delle due, dovrà eseguire solo il corso specifico e non il comune, per effettuare poi l’esame specificio. Il corso comune più quello per persone o merci che sia, ha una durata di 130 ore di teoria e 10 ore di guida. Per chi deve solo fare quello della parte specifica poiché già ne possiede una, vede un corso di una durata di 35 ore di teoria più 2,5 ore di guida.

Il rinnovo e le scadenze del C.Q.C.

Come già accennato sopra, la normativa sul rinnovo della CQC richiede la frequenza di un corso obbligatorio, un corso che risulta essere solo teorico. Questo ammonta ad un totale di 35 ore e non è previsto esame finale. Ricordiamoci che la C.Q.C. scade dopo cinque anni dal giorno dell’ottenimento della C.Q.C. per esame od in ogni caso dopo cinque anni dall’aggiornamento sulla patente della frequenza del Corso Rinnovo C.Q.C.. Il rinnovo deve essere effettuato entro due anni, o si perde tutto ciò che si è fatto.

Cosa prevedono i corsi?

In breve, possiamo sintetizzare cosa prevedono i corsi per ottenere la C.Q.C.. Il tutto è diviso in moduli: A per la parte comune, B, per le merci e C, per le persone. Il modulo A è suddiviso in A1, A2 ed A3, mentre il modulo A1 prevede la conoscenza dei dispositivi del veicolo e la condotta di guida. Il modulo A2 prevede la conoscenza delle norme di comportamento e responsabilità del conducente. Infine, il modulo A3 prevede la conoscenza dei rischi professionali e le condizioni psicofisiche dei conducenti.

Veniamo poi alle parti specifiche iniziando dalle C.Q.C. Merci. Il modulo B1 prevede il carico e lo scarico delle merci e i compiti del conducente, mentre il modulo B2 prevede le disposizioni delle normative sul trasporto di cose. Per quanto concerne invece la C.Q.C Persone, abbiamo il modulo C1, che prevede i compiti del conducente nei confronti dell’azienda e dei passeggeri, ed il modulo C2, che vede le disposizioni e le normative sul trasporto di persone.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.