Come calcolare consumo auto: ecco quanto ci costa viaggiare

Come calcolare consumo auto: ecco quanto ci costa viaggiare
Il post ti è stato utile?
di | 25-09-2019 | Auto

Vuoi sapere come calcolare il consumo della tua auto per capire se si tratti di un modello che può comportare spese ingenti in fase di gestione? Se sei in possesso di una vettura piuttosto recente, salvo casi particolari, puoi stare tranquillo: consumi ridotti e basse emissioni è ormai diventato un diktat per tutte le case automobilistiche che prestano particolare attenzione ai bisogni del cliente. Ben diversa invece può essere la situazione per un veicolo che ha ormai qualche anno di vita alle sue spalle: ogni dubbio può essere comunque facilmente risolto attraverso un’operazione che ci consente di capire quale sia la spesa da sostenere per un viaggio.

Sommario

Come calcolare consumo auto – Un’importante voce di spesa da considerare

Chiunque sia in possesso di un’auto sa bene come le spese da sostenere non si esauriscano al momento dell’acquisto, ma comprendano anche altre voci fisse quali l’assicurazione, indispensabile per essere tutelati qualora si dovesse essere coinvolti in un incidente, e il bollo, dovuto per il semplice possesso del mezzo (clicca qui per sapere tutte le informazioni necessaria sulla tassa automobilistica regionale). Fondamentale è poi eseguire anche la revisione periodica, che consente di viaggiare in assoluta sicurezza e non incorrere in sanzioni.

Non è però finita qui. Inevitabilmente, a questo si devono aggiungere anche i costi necessari per il carburante, indipendentemente dal tipo di alimentazione che si sceglie. Questo elemento non deve essere sottovalutato, ma finisce per incidere anche in modo rilevante sul bilancio mensile soprattutto per chi si sposta quotidianamente per motivi di lavoro.

Avere un’idea più chiara della spesa è comunque possibile. Tutte le case automobilistiche forniscono questa informazione sulla base di specifiche normative CEE attraverso dati che vengono rilevati in laboratorio e sulla base di tre parametri differenti: urbano, extraurbano e misto.

È bene comunque saper prendere le distanze da questa informazione, che difficilmente corrisponde alla realtà, ma nasce più che altro come indicazione. Ottenere un dato davvero affidabile non è poi così difficile, basta armarsi di un po’ di pazienza ed eseguire un’operazione matematica, ma tenendo ben presente come sia comunque possibile, attraverso uno stile di guida più mirato, provare a fare qualcosa di concreto per ridurre i consumi. In linea di massima, al di là del tipo di carburante utilizzato e della vettura di cui si è in possesso è consigliabile evitare brusche frenate e accelerazioni improvvise. Chi si trova al volante dovrebbe inoltre fare il possibile per mantenere una velocità di crociera tra i 50 e i 100Km/h. Questo potrà contribuire anche ad aumentare il ciclo di vita del veicolo e non danneggiare eccessivamente elementi importanti quali freno e frizione.

Calcolo consumo carburante viaggio – Come affrontare una partenza con serenità

Quando ci si appresta a partire per le vacanze molto spesso si deve affrontare un viaggio anche piuttosto lungo ed è necessario armarsi di pazienza non solo per il tempo necessario per arrivare a destinazione, ma anche per il traffico che si potrebbe trovare nel proprio percorso. Tutto questo, però, a seconda del numero di chilometri che si dovranno percorrere, comporta anche la necessità di verificare di avere anche il carburante necessario. In alternativa, sarà necessario fermarsi per fare rifornimento.

Ma questa esperienza quanto potrebbe influire sul nostro portafoglio?

Solitamente le case automobilistiche utilizzano un parametro che non sempre corrisponde a quanto vorremmo sapere, ovvero il numero di litri di carburante necessari per fare 100 km. In realtà, sarebbe necessario effettuare un’operazione inversa, ovvero trasformare il consumo espresso in l/100 km in un molto più efficace km/l. Questo servirà proprio a capire quanti chilometri si potranno percorrere con un litro di benzina (o di gasolio).

Basta effettuare il calcolo matematico espresso nel rapporto iniziale per ottenere il consumo per ogni km di percorrenza, e poi dividere i 100 km per il numero di litri necessari. Per rendere più immediato il concetto possiamo fare un esempio pratico. Se si sta utilizzando una vettura che consuma 3,8 l/100 km (secondo i dati ufficiali forniti dalla casa madre), allora va fatto il rapporto 100/3,8 che dà come risultato 26,3 km. Questo rappresenta il numero di chilometri che potranno essere percorsi con un litro di carburante.

In alternativa, è necessario agire in modo più “pratico”. Si dovrà fare il pieno e verificare quale sia il dato relativo al chilometraggio fino a quel momento (dato che può essere indicato come “Km A”. A quel punto ci si potrà mettere in viaggio e guidare fino a che il serbatoio sia arrivato a metà, ma facendo in modo di non superare il limite di velocità e di avere un’andatura il più possibile regolare.

Fatto questo,si dovrà fare nuovamente il pieno e annotare nuovamente il dato del chilometraggio aggiornato, oltre ad avere cura di segnare quanti siano i litri necessari di carburante per colmare completamente il serbatoio (questa informazione può essere indicata come “Km B”).

Ora possiamo sottrarre il Km A dal Km B. Il risultato di questo calcolo rappresenta i chilometri percorsi dall’ultima volta che abbiamo fatto il pieno. Successivamente si dovrà dividere questo valore, per i litri necessari per fare il secondo pieno. Attraverso questa procedurà si avrà ottenuto un valore che si avvicina al consumo Km/l del veicolo.

Calcolo litri benzina euro – Come si arriva al dato indicato dalle case automobilistiche

Uno dei dati a cui si dovrebbe prestare attenzione prima di provvedere all’acquisto di un’auto è relativo proprio al consumo che vienegarantito dalla vettura. Ormai da qualche tempo il rendimento un po’ in tutti i veicoli è migliorato, ma è bene ricordare come questo possa essere considerato un dato solo indicativo.

Per arrivare al dato che viene fornito dalla casa automobilistica si lavora su una vettura campione con almeno 3000 Km di percorrenza. La verifica viene eseguita mettendo la macchina u un banco prova, con temperatura controllata (di solito 20°) e pressione di 1000 mbar. A quel punto chi si metterà al volante dovrà essere una persona con un peso non superiore ai 75 kg sfruttando pneumatici di serie.

Il percorso che il tester dovrà eseguire potrà essere di tre tipi proprio per verificare la differente risposta del mezzo alle varie condizioni: urbano, extraurbano e misto.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.