Come leggere il libretto dell’auto: la guida

Come leggere il libretto dell’auto: la guida
5 (100%) 2 votes
di | 04-04-2019 | Auto

Molte persone guardano il Libretto di Circolazione ed a stento riescono a riconoscere i propri dati, ed il marchio con il modello della propria autovettura. Questo per carità, non è completamente sbagliato, poiché sulla Carta di Circolazione ci sono una miriade di dati… Dall’altra parte però, sapere cosa c’è scritto vi permette di evitare tante rogne. Ad esempio, sapere quale normativa Euro rispetta il vostro veicolo vi evita sanzioni per determinate ZTL, oppure, le misure corrette dei pneumatici da poter montare. Vediamo dunque insieme, come si legge…

Sommario

Carta di Circolazione: cosa è?

La Carta di Circolazione è fondamentalmente un foglio di carta, stampato fronte retro, ove sono riportati i dati di omologazione del veicolo. È rilasciato dalla Motorizzazione Civile, ed ogni mezzo ne ha uno. Fondamentalmente è il documento di identità della vettura. Qui vi sono riportati i vostri dati, e tutta una serie di parametri inerenti al mezzo, dal Costruttore, passando per il modello, la targa e dei numeri che più in basso impareremo come leggere.

I quattro riquadri anteriori

Come è fatta la carta di circolazione? Come già detto, c’è una parte frontale ed una posteriore. Entrambe le facciate sono suddivise in quattro sezioni. Iniziamo dalla parte anteriore. Questa prevede nel riquadro numero 1, quello in alto a sinistra, i dati del primo proprietario dell’auto, insieme al numero della targa. La seconda sezione, in alto a destra, insieme alla terza sezione, in basso a sinistra, vedono invece tutti i dati inerenti al veicolo. Infine, il quarto ed ultimo riquadro, è lasciato in bianco.

I quattro riquadri posteriori

Veniamo ora all’altra facciata, dove troviamo una sorta di legenda, chiamata in gergo tecnico “Significato dei codici comunitari armonizzati”. Posizionato nel primo riquadro, funziona da “guida” per tutto ciò che troveremo nei pannelli successivi (più nello specifico, il numero 2). Gli altri pannelli, riportano le Revisioni della vettura in un box, e nell’altro riquadro ancora, i cambi di residenza e gli eventuali passaggi di proprietà dell’auto.

Box 2: il più “complicato”

Se tutti i riquadri sono molto intuivi, è il riquadro numero 2 della pagina posteriore a richiedere un po’ di concentrazione in più. La “legenda” , che come dicevamo sopra è il Significato dei codici comunitari armonizzati, vanta tutta una serie di codici. Vediamo intanto quali sono i dati riportati nel primo box della nostra carta di circolazione.

A – Numero di immatricolazione
B – Dati della prima immatricolazione
C – Dati del proprietario o intestatario, che scendono nel dettaglio
C.1.1 e C.1.2 – Intestatario della carta di circolazione
C.2.1 e C.2.2 – Nome e cognome del proprietario del veicolo
C.3 – Persona fisica che può disporre del mezzo a titolo diverso da quello del proprietario; C.3.1 – C.3.2 – C.3.3: nome, cognome e indirizzo del soggetto
C.5, C.6 e C.7 – Voci presenti qualora intervenga un cambiamento dei dati nominativi (C.1) ma non venga rilasciato un nuovo libretto.

Le caratteristiche della nostra automobile

D.1 – Marca
D.2 – Modello
D.3 – Denominazione commerciale
E – Numero di identificazione del veicolo, numero del telaio
F – Massa
F.1 – Massa massima ammissibile
F.2 – Massa massima ammissibile del veicolo in servizio nello Stato di immatricolazione
F.3 – Massa massima ammessa dell’insieme
G – Massa del veicolo in servizio carrozzato in kg
H – Durata di validità, se non illimitata
I – Data di immatricolazione alla quale si riferisce la carta di circolazione
J – Categoria del veicolo;
J.1 – Destinazione e uso;
J.2 – Carrozzeria
K – Numero di omologazione
L – Numero di assi
M – Interasse
N – Per i veicoli di massa superiore alle 3.500 kg, che indica la ripartizione della massa sui vari assi, identificati come N.1; N.2; N.3; N.4; N.5
O – Massa massima ammessa a rimorchio
O.1 – Rimorchio frenato (espresso in kg);
O.2 – Rimorchio non frenato (espresso in kg)
P – Motore
P.1 – cilindrata;
P.2 – potenza massima in kilowatt;
P.3 – Alimentazione (benzina/diesel);
P.4 – regime in giri/min al quale è espressa la potenza;
P.5 – Numero di serie del motore
Q – rapporto potenza/massa (per i motocicli), riportato in kW/kg
R – Colore
S – Posti a sedere;
S.1 numero di posti a sedere compreso il conducente;
S.2 – Numero di posti in piedi eventualmente disponibili
T – Velocità massima
U – Rumorosità in decibel;
U.1 – a veicolo fermo;
U.2 – regime motore in giri/min
U.3 – a veicolo in marcia
V – Emissioni inquinanti (espresse in g/km o g/kwh)
V.1 – Co2; V.2- HC; V.3 NOx; V.4 – HC + NOx; V.5 particolato (per motori diesel); V.6 – regime di assorbimento per motori diesel (in giri/min); V.7 – Co2; V.8 – consumo dichiarato in litri/100 km nel ciclo misto; V.9 – Classe di emissioni inquinanti (Euro 1, Euro 2, Euro 6, ecc…) espressa con dicitura della versione applicabile
W – Capacità del serbatoio

Box 3: “un momento di attenzione”

Siamo alla fine del nostro “viaggio” inerente alla nostra Carta di Circolazione. E’ il box numero 3, importantissimo e che sarebbe il caso di imparare a leggere. Questo riquadro, insieme al n. 1 della pagina frontale, riporta infatti dei dati che vengono sempre controllati, sia in caso di revisione, che in caso di controllo da parte degli organi di Polizia. E’ qui che infatti sono riportate le misure dei pneumatici e la classe di omologazione relativa alle normative in tema di inquinamento.

Come evitare le multe

Ricordatevi dunque che montare sulla propria auto dei pneumatici non riportati sul libretto, comporta al sequestro del mezzo da parte delle Forze dell’Ordine, senza contare che in caso di sinistro, la vostra assicurazione non vi “coprirebbe”. Quanto alla normativa antinquinamento, invece, trovate la nostra guida sulle varie categorie e come leggerle. Anche qui, entrare in una ZTL, con la “Euro errata”, significa multa certa. E’ dunque per questo che è importante saper leggere la propria Carta di Circolazione, perché come si dice, la legge, non ammette ignoranza…

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
02 20011111

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.