Come verificare se un’auto è stata rottamata

di | 25-04-2020 | Auto

State cercando un’auto usata, l’avete trovata e desiderate finalizzare l’acquisto? Oppure magari in un capannone o in campagna c’è abbandonata sotto un telo l’auto del nonno e vorreste rimetterla a nuovo? La prima cosa da verificare, è se i documenti sono in regola, soprattutto quando si parla di auto ferme da tanto tempo. Queste, infatti, potrebbero essere già state rottamate, cosa che renderebbe difficile se non impossibile, un passaggio di proprietà. Vediamo allora come si fa a verificare se un’automobile è stata rottamata o meno.

Sommario

Il certificato di rottamazione

La prima cosa da cercare, è il certificato di rottamazione. Questo documento viene rilasciato dal demolitore quando distrugge l’auto e consegna le targhe. Un “semplice” foglio di carta, in questo caso, vale più di mille parole. E’ il documento che riesce a fare chiarezza sulla fine della vettura. Se però non lo abbiamo, o non lo troviamo? Procediamo dunque per gradi.

Fisicamente, allo sportello

Se non disponete di internet, non ci sapete fare con i servizi online, allora la cosa più semplice è recarsi al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) e chiedere di far fare una visura su un mezzo. Tramite la targa, infatti, l’ufficio ACI sarà in grado, previo pagamento di una determinata somma, di dirvi vita, morte e miracoli di un determinato mezzo.

La ricerca online

Basta andare su un motore di ricerca, digitare le parole “verificare rottamazione”, e si aprirà (quasi) un mondo. Il servizio è a pagamento per la maggior parte dei siti che troverete, se non tutti. L’importante è avere la possibilità dunque di pagare e di avere il numero di targa. Il documento, essendo rilasciato dalla banca dati telematica del PRA, riporterà non solo le informazioni che riguardano i dati tecnici del veicolo come marca, codice identificativo, numero di telaio, cilindrata e quant’altro, ma anche i dati anagrafici del proprietario e le eventuali ipoteche. Si può dunque sapere tutto su un determinato mezzo. Ricordiamoci però, che nella banca data del PRA, non sono registrati i ciclomotori (50cc), i veicoli agricoli, gli autobus, i caravan, le roulotte, i carrelli tenda, le barche ed i gommoni e le targhe di vecchio tipo (ad esempio NA 225678), ovvero quelle immatricolate prima del 1993.

Auto rottamata? Va reimmatricolata

Se l’auto è stata rottamata, bisognerà per forza immatricolarla una seconda volta, ma sono presenti targhe e carta di circolazione, basterà rivolgersi al PRA per una reiscrizione del veicolo e la successiva annotazione alla Motorizzazione Civile. Se manca la carta di circolazione, occorre procedere con la reimmatricolazione del veicolo, con il medesimo numero di targa. Infine, se non sono disponibili le targhe, la reimmatricolazione dovrà forzatamente essere richiesta direttamente alla Motorizzazione Civile. Questa, provvederà a rilasciare una nuova targa ed una nuova carta di circolazione. A questo punto, si può poi procedere con la reiscrizione al PRA.

Quali sono i costi?

Vediamo infine i costi di reimmatricolazione.  Gli emolumenti ACI/PRA, hanno un costo di 27 euro. Bisogna poi aggiungere l’imposta di bollo per l’iscrizione al PRA di 32 euro, i diritti della Motorizzazione Civile Diritti (10,20 euro), l’imposta di bollo per la reimmatricolazione (32 euro) ed il costo della targa, che va da 41,78 a 45,68 euro.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.