Duc Auto, cos’è: tutto quello che devi sapere

di | 02-03-2022 | News Noleggio

Cos'è il Documento Unico di Circolazione (DUC) dell'auto?

Duc Auto, cos’è: tutto quello che devi sapere

Il Duc Auto diventa realtà. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il documento unico di circolazione e proprietà verrà introdotto il prossimo anno. Arriva a sostituire l’attuale libretto di circolazione, semplificando la vita degli automobilisti e riducendo i prezzi. Atteso già nel 2019, la sua introduzione è stata rimandata per migliorare i procedimenti informatici.

Sommario

Duc: cos’è

Il DUC, Documento Unico di Circolazione, è un nuovo modello unificato che ingloba la Carta di Circolazione rilasciata dalla Motorizzazione Civile e il certificato di proprietà rilasciato dall’ACI.

Il documento viene rilasciato in formato elettronico per alcune pratiche come le nuove immatricolazioni, i passaggi di proprietà, le radiazioni al PRA e le minivolture, escludendo di fatto solo le vetture in leasing o a noleggio e i mezzi pesanti adibiti a trasporto.

All’interno del Documento Unico di Circolazione saranno presenti tutte le informazioni principali del mezzo, dalla proprietà, ai dati tecnici e le indicazioni giuridiche relative al PRA. Il DUC è uno dei documenti obbligatori da tenere in auto e esibire nel caso di controlli, insieme a patente e assicurazione auto.

Duc Auto: quando in vigore

Il decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha approvato il Duc auto la cui entrata in vigore era prevista per l’1 gennaio 2020, ma che, a causa della pandemia è poi effettivamente entrato in vigore soltanto il 1° ottobre 2021. A partire da quella data sarà annullata la modulistica su immatricolazioni auto e sulla carta di circolazione ad oggi utilizzata da Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e Motorizzazione Civile. Questa verrà sostituita dal seguente documento. Prima di procedere al varo, inoltre, è stato approvato un regolamento propedeutico, che modifica il regolamento di esecuzione del Codice della Strada relativamente al flusso di informazioni tra Archivio nazionale veicoli della Motorizzazione e PRA.

Il nuovo Documento unico di circolazione e proprietà (DUC) non è obbligatorio per i veicoli acquistati prima di ottobre 2021: per questi rimane valido il vecchio libretto di circolazione. Per i veicoli immatricolati dopo la data del 1 ottobre 2021, sia nuovi che usati, il nuovo proprietario dovrà richiedere (anche per mezzo delle agenzie competenti) il rilascio del DUC al CED (Centro elaborazione dati della direzione generale della motorizzazione del MISE)

Duc Auto: quali informazioni contiene

All’interno del nuovo documento che sostituirà il libretto di circolazione auto sono contenute diverse informazioni quali:

  • Dati identificativi del veicolo
  • Dati sulla situazione giuridica e patrimoniale del veicolo: ipoteche, privilegi, provvedimenti amministrativi o giudiziari in corso

Contrassegnato dalla dicitura “Domanda di rilascio del documento unico di circolazione e di proprietà relativo ai veicoli a motore e loro rimorchi”, sarà formato da 8 pagine da compilare e 7 di istruzioni e informative.

Cosa cambia con il DUC?

Il DUC garantisce una maggior trasparenza, soprattutto in caso di compravendita auto usate in quanto contiene tutti i dati sulla situazione giuridico patrimoniale del veicolo. Inoltre con il Documento Unico di Circolazione si ha una semplificazione delle procedure di immatricolazione dovuta al fatto che se in passato con il passaggio di proprietà era necessario apporre sul libretto una apposita etichetta da stampare (dalla stampa al recapito dell’etichetta poteva passare anche un mese di tempo), adesso con il nuovo DUC, il sistema si aggiorna immediatamente.

DUC e Auto Storiche

Ma come funziona il DUC per le Auto Storiche o le Auto d’Epoca in generale? Come abbiamo visto il Documento unico di circolazione è entrato in vigore per le nuove immatricolazioni e per quelle relative a veicoli usati. Un’eccezione è pero prevista in merito all’assunzione del Documento Unico di Circolazione per le auto storiche, ovvero i veicoli di particolare valore e interesse storico o quelli immatricolati più di 30 anni fa. In questi casi pur rimanendo possibile ottenere il nuovo DUC, è necessario conservare anche i documenti originali della vettura.

Per evitare la distruzione del certificato cartaceo, indispensabile come testimonianza dello status di auto storica, al momento dell’emissione del DUC digitalizzato gli addetti dovranno procedere con una scansione del documento in formato PDF e dovranno restituire il certificato originale al proprietario, senza nessun tipo di indicazione in merito all’annullamento della sua validità.

Documento unico per le auto: costi

Il via libera al Duc, introdotto dal Dlgs 98/2017, permetterà infine agli automobilisti di risparmiare. I bolli da pagare passeranno infatti da 4 a 2, con conseguente risparmio di circa 40€ di spesa. Dagli attuali 100 euro i costi di una immatricolazione o un passaggio di proprietà scenderanno a 61 euro. Inoltre lo scambio telematico di informazioni tra ACI e PRA risolve un altro problema antico, quello della non coincidenza fra intestatario della carta di circolazione e intestatario del certificato di proprietà. Si riducono così ulteriormente anche i tempi per la parte burocratica, con un innegabile risparmio di tempo e soldi per l’utente.

Compila il modulo!

Sarai contattato gratuitamente da un nostro operatore per una consulenza sulle migliori offerte

  • Servizio Gratuito Nessuna commissione
  • Nessun obbligo Nessun impegno
  • Le migliori offerte Prezzi bassi

Richiedi Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.