È legale trainare un’auto in avaria? Cosa dice la legge

di | 30-07-2022 | News Assicurazioni, News Noleggio

Può capitare di "rimanere per strada" con l'auto, ma è possibile trainarla? Cosa dice il Codice della Strada sul tema traino? Scopriamolo insieme

È legale trainare un’auto in avaria? Cosa dice la legge
Confronta

Quante volte vi è capitato di vedere automobili in panne, a lato della strada? Purtroppo può succedere, un problema tecnico/meccanico, un guasto… Cosa fare? E’ possibile il traino dell’automobile in avaria? Non è disponibile il carro attrezzi, non lo vogliamo chiamare, o magari siamo veramente vicini a casa? La soluzione c’è, possiamo pensare di trainarla con una fune. Una catena? Una corda doppia o perché no, dei cavi elastici? Si può però fare, o rischiamo di beccarci una bella multa? Diciamo che ci sono delle cose che dobbiamo sapere, poiché l’operazione non sempre consentita. Vediamo cosa c’è da sapere.

Sommario

Auto in avaria e traino: le procedure

Come ogni cosa, si fa riferimento al Codice della Strada, in questo caso all’art. 165, che citiamo: “Al di fuori dei casi previsti dall’art. 63, il traino, per incombente situazione di emergenza, di un veicolo da parte di un altro deve avvenire attraverso un solido collegamento tra i veicoli stessi, da effettuarsi mediante aggancio con fune, catena, cavo, barra rigida od altro analogo attrezzo, purché idoneamente segnalati in modo tale da essere avvistati e risultare chiaramente percepibili da parte degli altri utenti della strada.

Durante le operazioni di traino il veicolo trainato deve mantenere attivato il dispositivo luminoso a luce intermittente di cui all’art. 151, lettera f), oppure, in mancanza di tale segnalazione, mantenere esposto sul lato rivolto alla circolazione il pannello di cui all’art. 164, comma 6, ovvero il segnale mobile di cui all’art. 162. Il veicolo trainante, ove ne sia munito, deve mantenere attivato l’apposito dispositivo a luce gialla prescritto dal regolamento per i veicoli di soccorso stradale. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 85 a 338 euro“.

Attenzione però, perché il C.d.S., prevede anche l’art. 63, che cita: “Nessun veicolo può trainare o essere trainato da più di un veicolo, salvo che ciò risulti necessario per l’effettuazione dei trasporti eccezionali di cui all’art. 10 e salvo quanto disposto dall’art. 105. Un autoveicolo può trainare un veicolo che non sia rimorchio se questo non è più atto a circolare per avaria o per mancanza di organi essenziali, ovvero nei casi previsti dall’art. 159.

La solidità dell’attacco, le modalità del traino, la condotta e le cautele di guida devono rispondere alle esigenze di sicurezza della circolazione. Salvo quanto indicato nel comma 2, il Ministero dei trasporti può autorizzare, per speciali esigenze, il traino con autoveicoli di veicoli non considerati rimorchi. Nel regolamento sono stabiliti i criteri per la determinazione della massa limite rimorchiabile, nonché le modalità e procedure per l’agganciamento. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 85 a 338 euro“.

Attenzione a “dove” trainare l’auto

Insomma, trainare l’auto è consentito, a patto che sia in panne. La cosa più importante, è il collegamento tra le due vetture, che, come detto, deve essere solido. Dobbiamo poi ricordarci di segnalare agli altri utenti della strada la cosa, con gli appositi dispositivi. Dove non si può trainare l’auto? E’ assolutamente vietato trainare le auto su autostrade e strade extraurbane.

Compila il modulo!

Sarai contattato gratuitamente da un nostro operatore per una consulenza sulle migliori offerte

  • Servizio Gratuito Nessuna commissione
  • Nessun obbligo Nessun impegno
  • Le migliori offerte Prezzi bassi

Richiedi Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.