Incentivi auto 2021

di | 22-02-2021 | Auto

Ecobonus. Tutto quello che c'è da sapere sugli inventivi per le auto ed i veicoli commerciali per l'anno in corso

Non si fa che parlare di legge di Bilancio 2021 e con essa, l’arrivo dei nuovi incentivi per l’acquisto di auto nuove che, devono essere rigorosamente a basso impatto ambientale. Dove si risparmia di più? Ovviamente con le automobili elettriche e le ibride plug-in, a patto che “offrano” emissioni di CO2 da 0 a 20 grammi ogni chilometro. Parliamo di uno sconto concesso con o senza rottamazione. Diverso, invece, per i veicoli Euro 6 che devono essere con emissioni di CO2 da 61 a 135 grammi ogni chilometro. In questo caso è richiesta la rottamazione di una vecchia veicolo che abbia dai 10 anni di vita in su. Non mancano anche i veicoli commerciali, ma vediamo cosa c’è da sapere.

Sommario

Auto elettriche ed ibride

Come detto, auto ibride ed elettriche sono quelle più “incentivate”. La cosa è disciplinata dalla Legge Bilancio ai commi 652 e 653. Il periodo di riferimento va tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2021. L’autoveicolo, nuovo, deve ricadere nella categoria M1 con emissioni da 0 a 60 g/km di CO2, a patto che il prezzo sia ai 50.000 euro, IVA esclusa. Si può acquistare senza o con rottamazione, a patto che, per l’ultimo caso, il mezzo sia di classe ambientale inferiore a Euro 6 e con immatricolazione precedente al 1° gennaio 2011. Avremo dunque 2.000 euro di bonus con la rottamazione e 1.000 euro senza.

In aggiunta, Ecobonus della legge di Bilancio 2019

La buona notizia è che i sopraccitati incentivi si affiancano e si cumulare all’ecobonus della Legge di Bilancio 2019 (l. n. 145/2018, articolo 1, comma 1031), valida anch’essa fino al 31 dicembre 2021. Le condizioni sono le medesime di cui sopra, ma vediamo come funziona. L’ecobonus per i veicoli con emissioni da 0 a 20 g/km di CO2 è di 6.000 euro, in caso di rottamazione di un veicolo della stessa categoria, omologato alle classi da Euro 0 a Euro 4. Si scende a 4.000 euro senza la rottamazione.

L’altro caso, è quello dell’acquisto di veicoli con emissioni da 21 a 60 g/km di CO2. Avremo rispettivamente 2.500 euro, con rottamazione di un veicolo della stessa categoria omologato alle classi da Euro 0 a Euro 4, e si scende a 1.500 euro senza la rottamazione. Attenzione alla clausola in caso di rottamazione: il mezzo da rottamare dovrà essere di vostra proprietà da almeno 12 mesi (valgono però i familiari conviventi).

Auto Euro 6, come funziona

Altra categoria, è quella delle auto Euro 6, regolata dalla legge di Bilancio 2021 (commi 654 e 655) e che interessa i veicoli con emissioni da 61 a 135 g/km di CO2. Anche in questo caso parliamo di categoria M1, ma con un prezzo inferiore a 40.000 euro, IVA esclusa. Lo Stato, offrirà un contributo di 1.500 euro, a patto che la concessionaria conceda uno sconto di almeno 2.000 euro. E’ importante sapere che per beneficiare della cosa, dovrete rottamare una auto omologato in una classe inferiore ad Euro 6 ed immatricolata prima del 1° gennaio 2011.
Per questo bonus, si parla di una scadenza al 30 giugno 2021, salvo esaurimento fondi.

E’ poi importante conoscere le tempistiche per la rottamazione, aumentate a 30 giorni. Il venditore, infatti, entro 30 giorni dalla data di consegna del veicolo nuovo, avrà l’obbligo di consegnare il mezzo al demolitore, pena il non riconoscimento del contributo statale. Bisognerà ovviamente procedere alla richiesta di demolizione presso lo sportello dell’automobilista.

Bonus con ISEE basso

Un’altra bella novità è l’aggiunta di un ulteriore bonus. Previsto ai commi da 77 a 79, interessa le famiglie con ISEE inferiore a 30.000 euro.
La validità del contributo vale per gli acquisti entro il 31 dicembre 2021. Attenzione però, poiché parliamo delle sole auto elettriche, e con prezzi di listino inferiori a 30.000 euro, IVA esclusa, e con potenza fino a 150 kW massimo. Non è però cumulabile con altri incentivi ed è pari al 40% del prezzo.

Veicoli commerciali

Infine, sono previsti dalla legge di Bilancio 2021, dei bonus per i veicoli commerciali (comma 657). Anche in questo caso, si fa riferimento ad un periodo che va dal 1° gennaio 2021 al 30 giugno 2021. I veicoli commerciali interessati sono quelli di categoria N1 nuovi di fabbrica o autoveicoli speciali di categoria M1. La cosa si fa leggeremente più complicata in questo caso, poiché il bonus varia a seconda della massa totale a terra del veicolo. Varia poi in base all’alimentazione (elettrica, ibrida o alimentazione alternativa) e chiaramente all’eventuale rottamazione di un veicolo (deve essere della stessa categoria di quello acquistato ed omologato in una classe fino ad Euro 4/IV).

Fasce di peso

Si va per fasce di peso. Vediamole insieme. Per la fascia di peso che va da 0 a 1,999 tonnellate, l’incentivo è pari a:

  • veicolo elettrico: 4.000 euro in caso di rottamazione oppure 3.200 euro senza rottamazione del mezzo
  • veicolo ibrido od alimentazione alternativa: 2.000 euro in caso di rottamazione e 1.200 euro senza rottamazione
  • veicolo con altre tipologie di alimentazione: 1.200 euro con rottamazione e 800 euro se non si approfitta della rottamazione

Nel caso in cui si ricada nella fascia di peso tra le 2 e le 3,299 tonnellate avremo un incentivo di:

  • veicolo elettrico: 5.600 euro con rottamazione e 4.800 euro senza
  • veicolo ibrido od alimentazione alternativa: 2.800 euro in caso di rottamazione e 2.000 euro senza
  • veicolo con altre tipologie di alimentazione: 2.000 euro con rottamazione e 1.200 euro senza la rottamazione

Ultima ipotesi, è quella che interessa la fascia di peso che va dalle 3,3 alle 3,5 tonnellate:

  • veicolo elettrico: 8.000 euro in caso di rottamazione e 6.400 euro senza la rottamazione
  • veicolo ibrido o alimentazione alternativa: 4.400 euro con rottamazione e 2.800 euro se non si sfrutta la rottamazione
  • veicolo con altre tipologie di alimentazione: 3.200 euro con la rottamazione e 2.000 euro senza la rottamazione

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.