Noleggio lungo termine: auto ibride

Noleggio lungo termine: auto ibride
5 (100%) 3 votes
di | 21-11-2017 | Auto, Come risparmiare

Spesso e volentieri, le pubblicità delle auto parlano del “futuro”. Se ci pensiamo però… come sarà il futuro? Dirvi come saranno le automobili tra 50, 100 o 200 anni è praticamente impossibile. Forse… voleranno, o forse non esisteranno più. Ciò che possiamo però darvi per certo, è che i combustibili, saranno sempre più sostituiti da energie alternative e pulite. Il futuro prossimo, dunque, sta nell’ibrido. Proviamo dunque a fornirvi una breve storia delle auto ibride, per poi offrirvi una lista di modelli attualmente in vendita o disponibili per il noleggio a lungo termine. Prima di tutto però la domanda è lecita: cos’è, un’auto ibrida? In due parole, è un veicolo dotato di due motori che lavorano in tandem.

Auto ibrida: le origini

Riuscire a definire le origini delle auto ibride è difficile, visto che i documenti sono pochi, ma la storia parla del 1897 come il debutto sul mercato del primo ibrido. Parliamo di un carrello, realizzato da un certo Justus Entz, ingegnere americano che la presenta due anni dopo al Salone di Parigi, contemporaneamente ad un auto realizzata da Kreiger Hybrid, prodotta poi nel lontano 1903. Il brevetto del sistema ibrido però, risale ad un certo Ferdinand Porsche. Vi dice nulla?

L’ingegnere austriaco, progetta un veicolo dotato di ben quattro motori elettrici. La “k.u.k-Hofwagenfabrik Jakob Lohner & Co.” di Florisdorf, dunque, inizia la vera storia dell’ibrido. Qualche anno di sviluppo, e vedremo la prima vera ibrida. Motore quattro cilindri Daimler per ricaricare le batterie, e una versione “da gara” che raggiunge ben 80 Km/h. Il suo nome è Lohner-Porsche Mixte Hybrid, mezzo che apre lo sviluppo ingegneristico del Mondo auto, all’ibrido.

Auto ibrida: gli anni di “stallo”

Dopo l’ingegnere austriaco, in molti proveranno a sviluppare il concetto di ibrido. I fondi però, vanno tutti sulle motorizzazioni a benzina, più prestazionale e più facile da sviluppare. Il belga Henri Pieper ad inizio secolo detta le basi per una tecnologia che sarà utilizzata dalla Auto-Mixte, ma lo “stallo” nello sviluppo arriva a causa di Henry Ford. I motori a benzina puzzano di meno, fanno meno rumore e vibrano meno. La catena di montaggio sarà la soluzione definitiva per l’avvio di questi propulsori in favore delle grandi masse. A nulla serve la Dual Power, auto realizzata dalla Woods Motor Vehicle, capace di 15 Km/h con il solo motore elettrico. Le auto a benzina, sono capaci di ben altre prestazioni!

Auto ibrida: EMT, la tecnologia della svolta

Questa volta sono i giapponesi a proporre studi in grado di prendere vita; Toyota (siamo negli anni ’60) inizia a studiare la cosa con interesse, andando di pari passo con gli americani della TRW, che grazie ai tecnici con il nome di Neal Richardson, Baruch Berman e George Gelb, realizzano la EMT, una trasmissione elettromeccanica in grado di ridurre le emissioni ed i consumi, senza “togliere cavalli”. Da lì a poco, nasce la prima auto denominata GM 512 by General Motors, microcar a due posti capace di 250 Km di autonomia, 16 Km/h in elettrico e 25 Km/h in ibrido. Motori ibridi a gas o gasolio? Fatto: il primo fu nel ’96 con la EV1, poco dopo l’altro.

Non mancheranno altre invenzioni particolari, quali la Buick Skylark Hybrid dotata di un motore elettrico da 20 CV, ibrido con motore Wankel, oppure il famoso Volkswagen Taxi su base T2, passando per la Opel GT dotata di frenata rigenerativa (siamo negli anni ’70), fino ad arrivare all’Audi Duo, realizzata su base 100 Avant Quattro (siamo negli anni ’80). Quest’ultima, diversi anni dopo (parlamo di fine ’90), getterà le basi per la A4 Avant, auto che sfrutterà il motore diesel 1.9 TDI ed un elettrico da 29 CV, forse la prima vera diesel ibrida mai realizzata. Nello stesso periodo, arriverà la Volvo ECC su base 850, dotata di turbina a gas per la produzione di energia.

Auto ibirda: lo zampino di Clinton, ma Toyota vince su tutti!

Sono ancora gli anni ’90 i protagonisti. Bill Clinton decide di sviluppare un programma internazionale a favore della tecnologia ibrida, progetto che darà vita a tre prototipi. Sarà però Toyota ad arrivare prima, con la G21, la Global Car del 21° secolo. Frutto di 30 anni di studi, la Casa giapponese realizza due prototipi (su base Crown e Sport 800) e ne presenta uno al Salone di Tokyo del ’79: come già accennato la base è quella della Sport 800, dotata di una turbina a gas che attiva un generatore per produrre enerigia. Qualche anno dopo, la G21, dotata di batterie NiMh, alias nichel-metallo idruro, sviluppate da Panasonic.

Auto ibrida: la Toyota Prius, con oltre 3 milioni di immatricolazioni

La G21 aveva qualche problemino di affidabilità, ma la svolta, quella vera, arriva con la Toyota Prius, ibrida capace di due motori, ovviamente, uno a benzina da 72 CV e l’altro elettrico da 45 CV. Siamo nel ’97, ed il primo anno sono ben 18.000 i mezzi immatricolati. La Prius, sarà l’ibrida più venduta al Mondo e detterà le basi per la concorrenza a sviluppare e mettere in produzione dei veicoli con la motorizzazione combinata. La prima è Honda, con la Insight.

Auto ibrida e noleggio a lungo termine: piccole e medie

Dopo avervi parlato della storia dell’auto ibrida, vi proponiamo le automobili disponibili a noleggio a lungo termine, ovviamente… ibride. In promozione, troviamo l’entry level che guarda caso è proprio della Casa delle tre Ellissi, la Toyota Yaris 1.5 Hybrid Active, vostra con un anticipo di 2.000 euro e 48 mensilità da 215 euro (40.000 Km inclusi). Restando “in casa”, abbiamo la Toyota C-HR 1.8 Hybrid CVT Style, in promo, vostra con un anticipo di 3.500 euro e 36 mesi da 285 euro (40.000 Km).

Se cercate delle berline, per rimanere ancora in casa, c’è la Toyota Auris 1.8 Hybrid Cool, disponibile anche in versione Station Vagon. I coreani, offrono invece la Hyundai Ionic, ma se cercate qualcosa di più prestazionale, c’è la Ford Mondeo Hybrid 2.0 187 CV eCVT.  SUV o Crossover? Per il primo vi proponiamo il RAV4 2.5 Hybrid 2WD Style, per il secondo il BMW 225xe Active Tourer iPerformance automatic.

Auto ibrida: berline sopra i 40.000 euro

Se cercate qualcosa di più, e quindi il vostro budget vi consente di poter mettere in garage un’auto di dimensioni più grosse, il noleggio a lungo termine vi propone Lexus IS Hybrid Business, o magari un bel SUV/fuoristrada quale il Mitsubishi Outlander 2.0 MIVEC 4WD PHEV Instyle. Berlina di lusso? La risposta è Lexus GS Hybrid Business, o Infiniti Q50 Hybrid Premium Executive. Se poi preferite qualcosa Made in Germany, c’è la Mercedes-Benz GLC 350e 4Matic Executive o la BMW Serie 5 530e Sport. Budget sopra i 70.000 euro? Le risposte sono: Volvo XC60 T8 Twin Eng.AWD Geartronic R-Design, BMW X5 xDrive40e iPerformance Business, Mercedes-Benz GLE 500 e 4Matic Sport, Audi Q7 e-tron 3.0 TDI quattro tiptronic, Mercedes-Benz Classe S 300 h Premium e BMW Serie 7 740e Luxury. A voi la scelta! Stavamo per dimeticare il cliente supersportivo: BMW i8!

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV