Passaggio di proprietà dell’auto fai da te in 5 passi

Passaggio di proprietà dell’auto fai da te in 5 passi
5 (100%) 2 votes
di | 17-04-2019 | Auto

Quando si acquista un’automobile o una moto usata, spesso la parola più importante è una: risparmiare! Chiaramente, la scelta del mezzo in base anche al proprio budget è strettamente personale, ma dove si può risparmiare ancora qualcosa? Avete mai pensato a fare il passaggio di proprietà… “fai da te”? Ecco, pensateci, perché così facendo si “tagliano” diverse spese, come le commissioni delle agenzie. Vediamo dunque insieme come si fa e quanto si spende.

Sommario

Le fasi obbligatorie

Quando si acquista una auto o una motocicletta usata, il passaggio di proprietà è una fase obbligatoria. Non basta pagare il venditore, ma bisogna aggiornare tutta una serie di documenti. Intanto è necessario autenticare la firma del venditore sull’atto di vendita. Va poi registrato il passaggio entro 60 giorni dall’autenticazione della firma all’ufficio dell’ACI. Quest’ultimo, rilascerà il certificato di proprietà digitale aggiornato (CDPD) ed a quel punto bisognerà richiedere alla Motorizzazione Civile l’aggiornamento della carta di circolazione.

Se vi state chiedendo dove si effettui l’autenticazione della firma, ecco la risposta. E’ necessario rivolgersi o presso lo Sportello Telematico dell’Automobilista, o al Pubblico Registro Automobilistico, o presso gli uffici della Motorizzazione Civile, o all’ACI. Volendo poi, ci si può recare presso gli uffici comunali (è richiesto il pagamento di una marca da bollo) o dai più dispendiosi notai. Vi ricordiamo poi che la richiesta del passaggio di proprietà (fai da te…) deve essere contestuale all’autenticazione della firma, o non si riuscirà nella cosa.

Quali documenti occorrono?

Il rivenditore dovrà presentare i seguenti documenti, indispensabili per vendere il proprio mezzo: la propria Carta di Identità, il Certificato di Proprietà del veicolo, una marca da bollo da 16 euro ed infine bisognerà pagare 0,52 euro per i diritti di segreteria.

Passaggio di Proprietà fai da te: quali sono i costi?

Diciamo che non esiste un costo fisso, o meglio, ci sono dei costi che sono fissi, ma poi l’importo varia a seconda dei kilowatt del mezzo e della Provincia di residenza. A variare in base ai kilowatt, è l’Imposta Provinciale di Trascrizione. Solitamente, varia tra i 4 ed i 5 euro a kilowatt.

Tra i costi fissi, invece, abbiamo gli Emolumenti ACI, che vengono 27 euro, l’Imposta di bollo per la registrazione al Pubblico Registro Automobilistico, che ha un prezzo fisso di 32 euro se si è in possesso del Certificato di Proprietà. Se non si ha il Certificato di Proprietà, lo si può richiedere ad un prezzo di 10 euro. Altri importi da pagare, sono i Diritti DTT (Dipartimento Trasporti Terrestri), per un importo di 10,20 euro e l’Imposta di bollo per l’aggiornamento della Carta di Circolazione, viene 16 euro.

Quali categorie non pagano l’Imposta Provinciale?

È importante sapere che ci sono alcune categorie che non pagano l’Imposta Provinciale. I motocicli sono esenti, ad eccezione di quelli d’epoca. Le minivolture, ovvero quando un privato vende ad una concessionaria. Le associazioni di volontariato, ed infine le categorie di disabili di cui agli art. 8 L. 449/97 e 30, comma 7, L. 388/00. Infine, vi ricordiamo che i veicoli storici e quelli speciali hanno diritto a una riduzione dell’Imposta, che può variare a seconda della Provincia.

Ultimo passaggio, il PRA

Una volta che avrete completato i passaggi sopra descritti, non vi resterà che, entro 60 giorni, recarsi al PRA e presentare la documentazione. Il Pubblico Registro Automobilistico vi rilascerà così un nuovo Certificato di Proprietà e un adesivo da attaccare sulla parte posteriore e nello spazio riservato, sulla carta di circolazione del veicolo.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
02 20011111

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.