Quale auto paga l’ecotassa nel 2019? Come si paga?

Quale auto paga l’ecotassa nel 2019? Come si paga?
5 (100%) 2 votes
di | 21-05-2019 | Auto

E’ già da un po’ che gli italiani hanno a che fare con questa “antipatica” tassa. Il suo nome è EcoTassa. Una tassa… ecologica? Non proprio, ma ha a che fare con l’ecologia, poiché si paga in base a quanto inquina l’auto. Tale tassa, si paga solo ed esclusivamente sul nuovo. E’ scattata il 1° marzo 2019, ed è conosciuta anche come Ecomalus. Ripetiamo, si applica alle auto da immatricolare e targare, quindi non è retroattiva. Si aggiunge alle solite, come l’IVA, l’IPT Provinciale, il bollo e, talvolta, il superbollo, e va pagata solo una volta.

Sommario

Che cos’è l’Ecotassa?

Come accennato sopra, è una tassa che si basa sulle emissioni di CO2 (anidride carbonica) del mezzo che state acquistando. Interessa tutti i mezzi che superano la soglia prestabilita in 160 g/km di CO2. Si va da un minimo di 1.100 euro ad un massimo di 2.500 euro. Gli scaglioni sono quattro e maggiori sono i CO2 (sono riportati sulla carta di circolazione, punto V.7 del foglio numero 2), più si paga.

Come detto, solo acune auto vengono interessate dalla tassa e solitamente si tratta di mezzi molto potenti, quindi spesso sportivi o con motori di “vecchia generazione”.

Chi paga e gli scaglioni

Chi deve pagare l’Ecotassa? Tutti, se il mezzo è considerato inquinante, dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, anche se in locazione finanziaria. La nuova Ecotassa CO2, interessa solo i veicoli di categoria M1, ovvero quelli a motore e con almeno quattro ruote, destinati al trasporto di persone (fino ad otto posti più il conducente), quindi se si superano le ruote, i posti, o se sono veicoli commerciali, se ne è esenti.

Gli scaglioni, sono così suddivisi:

  • 161-175 g/km 1.100 euro
  • 176-200 g/km 1.600 euro
  • 201-250 g/km 2.000 euro
  • oltre 250 g/km 2.500 euro

Difficile dire in due parole chi non la paga, ma ad esempio, chi è già proprietario di un’auto immatricolata in Italia non deve pagare. Non si paga se ovviamente l’auto è usata o è una Km 0. Ci sono poi alcune categorie definite “ad uso speciale“, che non ne sono interessati, come camper, caravan, autocaravan, ambulanze, carri funebri, veicoli blindati, gru mobili e veicoli con accesso per sedie a rotelle. Le auto destinate ai disabili, se superano il limite imposto, giustamente, pagano l’Ecotassa.

Come e quando si paga

Come tante altre tasse, l’Ecotassa viene pagata tramite il Modello F24 Elide (Elementi identificativi). Sì può quindi pagare presso gli sportelli bancari, quelli postali o presso l’Agenzia delle Entrate. Il codice attribuito è il 3500, quindi fate attenzione che vi sia riportato questo numero, insieme al numero di telaio del veicolo. Ricordatevi poi che l’Ecotassa deve essere pagata entro il giorno di immatricolazione dell’auto. Può essere pagata dall’acquirente o da “chi richiede l’immatricolazione in nome e per conto dell’acquirente”. La concessionaria, su delega dell’acquirente, potrà versare l’importo anticipatamente.

Quali auto pagano? Qualche esempio

Ci servirebbero pagine e pagine per dirvi quali modelli pagano la tassa. Del primo scaglione, quello dei 1.100 euro, ne fanno parte la Ford Kuga 2.0 TDCi, la Opel Insigna 2.0 CDTI, la Volkswagen Tiguan 2.0 TSI, la Jeep Cherokee 2.2 Mjt, la Volvo XC40 T4, la Mercedes-Benz GLC  250d, la BMW Serie 3 330dA Gran Turismo, l’Alfa Romeo 4C, L’Opel Mokka X 1.4T, il Land Rover Velar 2.0 D e molte altre ancora.

Del secondo scaglione, dei 1.600, troviamo Land Rover Evoque 2.0, Volvo V90 T5, BMW Serie 5 540i, Opel Zafira 1.6 Turbo, Porsche Panamera 4, Hyundai i30N 2.0 T-GDI, Audi Q7 3.0… Del terzo scaglione, da 2.000 euro, ci sono auto come la Porsche 911, BMW Serie 4 xDrive M40i, Jeep Grand Cherokee V6 3.0 CRD, Jaguar F-Type 2.0… Infine, lo scaglione da 2.500 euro, dove troviamo mezzi come Chevrolet Camaro, la Maserati Ghibli, le Ferrari, l’Audi R8, Lamborghini Huracan e così via.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
0321.085995

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.