Rinnovo patente 2022: cosa fare, quanto costa

di | 04-11-2022 | News Noleggio

Ecco una pratica guida per tutti coloro che devono rinnovare la propria patente nel 2022. Cosa fare, i costi e le eventuali sanzioni.

Rinnovo patente 2022: cosa fare, quanto costa

Sembra proprio che la patente di guida, non trovi pace. Sì perché la normativa sul rinnovo è in continua evoluzione. Parliamo dell’anno in corso, ovvero 2022, così da inquadrare, qualora vi sia scaduto il vostro documento, cosa dovrete fare. I documenti che vi servono, i costi da sostenere e ovviamente le sanzioni per chi guida con patente scaduta.

Sommario

Rinnovo patente: le date di scadenza

Dovete rinnovare la patente… ma non siete sicuri sulle date? Il discorso è molto semplice e segue uno schema. Diciamo che, i tempi e le scadenze, variano in base a due elementi: età e tipologia della patente. Il rinnovo della patente, può essere effettuato fino a 4 mesi prima della scadenza, così da essere sicuri. Ricordiamoci però, che la scadenza coincide con il giorno esatto del proprio compleanno.

Quali documenti servono per rinnovare la patente?

Chiaramente occorrono dei documenti per rinnovare la patente. E’ necessario il documento d’identità, la tessera sanitaria, la patente di guida scaduta, e la ricevuta di pagamento di due bollettini (uno da 16 euro ed uno da 10,20 euro). Occorrono poi due fototessere e le certificazioni per eventuali patologie e/o occhiali da vista. Per quanto concerne la visita medica, questa va sostenuta presso una autoscuola autorizzata, l’ACI, la ASL o la Direzione Sanitaria Ferrovie dello Stato. Per ricevere poi la patente nuova è facile. Questa sarà infatti spedita a casa, andrà a sostituire la vecchia ed avrà un costo di 6,80 euro (da pagare al postino).

Scadenze delle patenti

Come già accennato, il rinnovo della patente varia in base a due parametri, età e tipologia della patente posseduta. Con la Patente A e B, il rinnovo avviene ogni 10 anni fino ai 50 anni di età. Tra i 50 ed i 70, avviene ogni 5, e dopo i 70 anni, ogni 3. La Patente C, vede il rinnovo ogni 5 anni fino ai 65 anni di età, che scendono a 2 dopo i 65 anni. La Patente D, si rinnova ogni 5 anni fino ai 60 anni di età ed ogni anno dopo i 60 anni. Quelle tipo BE, CE, quindi di categoria E, hanno la stessa validità della patente a cui è associata. E’ importante sapere che se la patente di guida è scaduta da oltre tre anni, andrà rifatta! I patentati ultraottantenni devono rinnovare la patente ogni 2 anni. Se volete conoscere i costi, a questo link trovate tutto, mentre per le visite, a quest’altro link trovate costi e cosa comporta.

Visite in pillole

Come funziona la visita? Vediamolo in breve. Il dottore presente in loco, vi chiederà se avete problemi di salute. Verificherà la sua vista e l’udito,  e dato l’ok, il titolare della scuola guida avvierà le pratiche per il rinnovo della patente. Le tempistiche di rinnovo patente, variano in base a dove vengono effettuate. Dal Ministero dei Trasporti comunicano un periodo solitamente di 3-4 giorni, dal giorno in cui è stata effettuata la visita. Se non avrete ricevuto la patente entro 15 giorni dopo la visita, dovrete contattare i seguenti numeri: Poste Italiane (800979416) o il Ministero dei Trasporti (800.232.323).

Patente già scaduta: cosa cambia

Come detto più sopra, la patente può essere rinnovata a partire da 4 mesi prima della data di scadenza. Se è scaduta, non potrete circolare. Se è scaduta, avrete 3 anni per rinnovarla. Superato questo limite dovrete riprocedere con un nuovo documento.

Patente scaduta: le sanzioni del C.d.S.

Qualora dovessero fermarvi le Forze dell’Ordine, sarà applicato l’articolo 126 del Codice della Strada. Citiamo, parlando di sanzioni, il Comma 11: “Chiunque guida con patente o con altra abilitazione professionale di cui all’articolo 116, commi 8, 10, 11 e 12, scaduti di validità è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 158 euro a 638 euro. Alla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria del ritiro della patente, del certificato di abilitazione professionale di tipo KA o KB o della carta di qualificazione del conducente rilasciata ad un conducente titolare di patente di guida emessa da altro Stato, secondo le norme del capo I, sezione II, del titolo VI“. Vi ricordiamo poi, che in caso di sinistro stradale, l’assicurazione pagherebbe i danni causati a terzi ma potrebbe esercitare il diritto di rivalsa.

Rinnovo patente all’estero

Cosa succede se siete all’estero e dovete rinnovare la patente? A regolare la cosa è la circolare n.30/99 del Ministero dei Trasporti. Se siete in uno Stato membro dell’Unione europea, la patente scaduta potrà essere rinnovata presso gli uffici consolari. Se siete in uno Stato extra UE, e regolarmente iscritti all’ A.I.R.E., la cosa sarà gestita dalle autorità diplomatico-consolari.

Rinnovo e revisione: cosa cambia

Attenzione poi, a non confondere il rinnovo, con la revisione della patente. Parliamo di pratiche decisamente diverse. Abbiamo parlato praticamente sin dall’inizio del rinnovo della patente. La revisione è una pratica differente. La revisione della patente, infatti, interessa quei conducenti verso i quali le autorità hanno dubbi. Dubbi di che tipo? Sui requisiti fisici o psichici, ed attenzione, poiché questo, scatta anche in caso di perdita di tutti i punti della patente. Per questi casi sopraccitati, il conducente sarà soggetto a visita medica e/o prova di idoneità tecnica.

Ci sono degli specifici casi naturalmente, che ora andiamo a vedere. La visita medica è d’obbligo, dunque, qualora il il conducente abbia una durata di coma superiore a 48 ore. La stessa cosa, vale per chi è stato trovato alla guida in stato di ebbrezza grave o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. La cosa interessa anche i minorenni che hanno commesso infrazioni gravi. Sono poi interessate le persone, in seguito ad un sinistro stradale che ha provocato lesioni gravi a persone. Infine, qualora i punti siano terminati sulla patente.

Compila il modulo!

Sarai contattato gratuitamente da un nostro operatore per una consulenza sulle migliori offerte

  • Servizio Gratuito Nessuna commissione
  • Nessun obbligo Nessun impegno
  • Le migliori offerte Prezzi bassi

Richiedi Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.