Seat Leon: le caratteristiche della spagnola, anche plug-in

di | 02-02-2020 | Auto

Finalmente è arrivata la nuova Seat Leon, berlina che si fa più grande, ma che soprattutto vede delle innovative motorizzazioni mild hybrid e plug-in. Siamo alla quarta generazione, per un totale di oltre due milioni di autovetture vendute. Numeri molto importanti per un’auto che arriva subito dopo la presentazione della Volkswagen Golf, mezzo dal quale, ovviamente, deriva e con cui condivide tanti particolari “dentro”. Scopriamo insieme come è fatta.

Sommario

Aumenta di dimensioni

Se la cugina tedesca è rimasta la medesima a livello di misure, non si può dire la stessa cosa della spagnola che ora misura 4,36 metri, ovvero 86 mm in più della precedente versione. Il passo segna un +50 mm per arrivare a 2,68 metri, mentre è confermata la capacità di carico di 380 litri. Stessa sorte è toccata alla versione station wagon, che ora ha il nome di Sportstourer che segna i seguenti dati: lunghezza 4,64 (+93 mm) e passo 2,68 metri. L’altezza scende a 1,44 metri (-3 mm) al pari della larghezza, di 1,8 metri (-16 m). Il bagagliaio segna invece 617 litri, 30 in più rispetto al modello 2019.

Terraco? Non proprio

La nuova Seat Leon cambia molto esternamente, soprattutto grazie all’anteriore, di chiara derivazione Seat Tarraco, con delle luci full LED da ben 22 diodi luminosi per ogni fanale. I fanali sono come “inseriti” nella carrozzeria, mentre la mascherina, di forma esagonale, è più ampia e sita in posizione inferiore. Se lateralmente non cambia molto, dietro notiamo un nuovo design. La voce grossa, la fa la sottilissima linea luminosa rossa che va ad unire le luci LED. Sotto questa linea, troviamo il logo Seat e la scritta del nome dell’auto in corsivo.

Interni curati

Saliti a bordo, non si possono non notare i particolari come la linea luminosa orizzontale che trova posizione non solo sulla plancia, ma anche sulle portiere anteriori. All’interno, troviamo poi una illuminazione molto leggera, con tanto di monitor touch centrale (da 8 o 10 pollici a seconda dell’allestimento), che hanno praticamente sostituito i classici bottoni. Non manca la connessione grazie alla eSIM, che consente di “aggiornare” la vettura e permette la fornitura dell’hotspot. Da remoto, tramite smartphone e l’app Seat Connect, si possono poi gestire diverse cose. La compatibilità è Apple CarPlay, anche wireless, e l’Android Auto. Ovviamente è presente l’assistente vocale.

C’è poi un altro monitor, dove troviamo la strumentazione. Da ben 10,25 pollici, vanta una grafica rinnovata. Altra novità per gli interni, è il minimalista selettore del cambio automatico. Trova spazio chiaramente sul tunnel centrale e gestisce il nuovo DSG doppia frizione “shift by wire”. Tutto avviene dunque tramite elettronica, abbandonando gli organi meccanici. Grazie a questo, c’è un ampio vano per riporre le proprie cose.

ADAS: non mancano

Sulla nuova Seat Leon, non potevano certo mancare gli ADAS di ultima generazione. I sistemi di assistenza alla guida sono quelli che troviamo su auto di categoria superiore. Iniziamo dal cruise control adattivo, che, in collaborazione con i dati del GPS, può riconoscere la posizione della Leon ed adattare la velocità da tenere in base alle condizioni del traffico. Parliamo di guida assistita di Livello 2, ed infatti non mancano il Lane Assist (pacchetto Travel Assist). Tutto funziona fino ai 210 km/h, gestendo anche i sorpassi in autostrada: attivando l’indicatore di direzione, l’auto effettuerà il sorpasso in totale autonomia.

Le motorizzazioni della Seat Leon

La nuova Seat Leon, vanta praticamente tutte le motorizzazioni utili: benzina, diesel, mild hybrid, plug-in e metano. Per la benzina, abbiamo l’entry level 1.0 a tre cilindri da 90 o 110 CV, il 1.5 quattro cilindri da 130 o 150 CV (con sistema di disattivazione dei cilindri) ed il più grosso e potente 2.0 da 190 CV. Venendo al gasolio, troviamo il nuovo 2.0 TDI da 115 o 150 CV, che, abbinato alla Leon Sportstourer, prevede la trazione integrale 4Drive. Il cambio, è manuale a sei rapporti o automatico DSG a sette marce.

C’è poi la versione a metano, che sfrutta il propulsore 1.5 TGI da 130 CV. Sono ben tre i serbatoi previsti, per un totale di 17,3 kg di capacità. L’autonomia dichiarata è di 440 km con il solo metano, al quale va poi aggiunto, ovviamente, il serbatoio di benzina di dimensioni più contenute.

Veniamo ora alle motorizzazioni elettrificate che sfruttano la tecnologia mild hybrid e plug-in. Su questa Seat Leon, l’elettrificazione leggera è a 48V con batteria agli ioni di litio. Si distingue per la sigla eTSI, ed è disponibile per il motore 1.0 TSI da 110 CV e il propulsore 1.5 da 150 CV. Di serie, è abbinata al cambio DSG doppia frizione. La versione ibrida plug-in, vede come protagonista dal lato termico, il 1.4 TSI, mentre per l’elettrico, un motore alimentato da un pacco batterie da 13 kWh. A conti fatti, questa simbiosi frutta la bellezza di 204 CV totali. L’azienda spagnola, dichiara una percorrenza in modalità elettrica di 60 Km. Per questa versione, l’unica trasmissione disponibile è la automatica a sei marce.

Allestimento della Seat Leon e arrivo sul mercato

La nuova Seat Leon vanta i classici e soliti allestimenti: la Reference, la Style, la Xcellence e la FR. Per vederla nelle concessionarie, e dunque per strada, bisognerà attendere aprile o maggio per la versione a cinque porte, mentre per la “più lunga” Sportstourer, si dovrà attendere il mese di giugno. Non sono stati infine ancora comunicati i prezzi di listino.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.