Si puo guidare la moto con le cuffie auricolari? Cosa dice la legge

Si puo guidare la moto con le cuffie auricolari? Cosa dice la legge
4.6 (91.43%) 7 votes
di | 20-10-2019 | Auto

Qual è il mezzo che sa darti un senso di libertà infinito e che costa poche migliaia di euro? Ovvio, la moto! Una due ruote può darti delle emozioni difficilmente paragonabili ad altro. Snocciolare le marce, una dietro l’altra, fa battere forte il cuore. Una sensazione paragonabile, a livello emotivo, a quella di suonare uno strumento. Entrambe le cose non si possono fare, ma si può ascoltare la musica in moto, o sullo scooter che sia con le cuffie? Ancora, possiamo stare al telefono con gli auricolari mentre guidiamo? Cerchiamo di capire cosa si può e cosa non si può fare mentre si è alla guida.

Sommario

Art. 173 del Codice della Strada

Iniziamo come sempre con il vedere cosa dice la legge, in questo caso, regolata dall’art. 173 del Codice della Strada, che citiamo, in particolare per il comma 2: “È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore, fatta eccezione per i conducenti dei veicoli delle Forze armate e dei Corpi di cui all’articolo 138, comma 11, e di polizia. È consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie (che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani)”.

La legge non è chiarissima, ma non va nemmeno troppo interpretata. Quanto descritto sopra, vale sia per le auto che per le moto, gli scooter e le biciclette. Veniamo subito al dunque: andare in moto con le cuffie è vietato! Non si può fare dunque. Si può invece utilizzare un solo auricolare o il viva voce, che nel casco prende il nome di interfono (o intercom se preferite). Andiamo per gradi.

Quant’è la multa per i trasgressori?

Se vi “beccano” con entrambi gli auricolari, è ancora l’art. 173 a fare chiarezza, più precisamente nel comma 3 bis, che citiamo: “Chiunque viola le disposizioni di cui al comma 2 è soggetto alla sanzione amministrativa da pagamento di una somma da euro 165 a euro 661. Si applica la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi, qualora lo stesso soggetto compia un’ulteriore violazione nel corso di un biennio“. Guidatore avvisato, guidatore mezzo salvato.

Non dimentichiamoci della sicurezza

Perché non si possono utilizzare le cuffie durante la guida in moto? La spiegazione è semplicissima. Il motivo, è la sicurezza. Gli auricolari sono pericolosi per diversi motivi. “Isolano” il guidatore dai suoni esterni, che possono essere le sirene di emergenza, così come i clacson delle autovetture. Ascoltare la musica così come parlare al telefono, è fonte di distrazione. Il, anzi, i cavi delle cuffie, possono interferire con i movimenti delle braccia. Infine, in caso di impatto, gli auricolari potrebbero causare dei traumi alle orecchi o peggio, dei traumi celebrali.

Interfono bluetooth, la soluzione

La soluzione, esiste! Se proprio non potete fare a meno si ascoltare la musica durante la guida, telefonare, ascoltare il navigatore e quant’altro, potete optare per l’interfono bluetooth. Alcuni caschi, solitamente modulari o jet, sono già in vendita, con questo sistema integrato. L’azienda capostipite di questa cosa è la Origine, che propone diverse soluzioni. Si va dai 100 euro in su per un jet e dai 130/140 euro in su per un modulare.

Se invece già possedete un casco, integrale, modulare o jet che sia, potete acquistare un bluetooth a parte. Ne esistono con centraline integrate ai pads, così come esterne (di qualità superiore), con prezzi che vanno dai 35 euro in su. Questi sistemi, vi daranno la possibilità di parlare anche con il passeggero o con gli altri amici motociclisti.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.