10 trucchi per risparmiare la benzina dell’auto

di | 25-07-2020 | Auto, Come risparmiare

Chi fa tanti, tantissimi chilometri con la propria auto, sa di cosa parliamo. I consumi di un’automobile possono essere una parte del budget famigliare piuttosto impegnativa. La differenza tra un’automobile che copre di media 23 km con un litro di benzina, o 12 km, può fare la differenza. Basta fare un calcolo della strada che ogni giorno compiamo per recarci sul posto di lavoro, moltiplicarlo per cinque giorni settimanali, per quattro settimane mensili, ed infine per dodici mesi. Quanto spendete in media in un anno di carburante? Avete fatto i conti? Paura eh! Beh, vediamo dieci semplici trucchi per risparmiare la benzina dell’auto…

Sommario

1 – Attenzione all’accelerazione

La fase in cui l’automobile brucia più benzina, è l’accelerazione. Se questa è brusca… tutte le volte, l’auto “berrà” di più! Il motore, infatti, sarà sottoposto ad un regime più alto, momento in cui, è più assetato di carburante. Ecco perché evitare le brusche accelerazioni consente di risparmiare. Vale poi per il carburante, ma anche per i pneumatici, che sono sottoposti a maggior stress.

2 – Velocità di crociera

Ulteriore fattore di consumo, è la velocità di crociera. Se alta, l’auto consumerà più carburante. Provate a vedere quanto consuma l’automobile in autostrada a 110/120 km/h, invece che a 130! I consumi caleranno vertiginosamente. Questo perché il motore “gira” ad un regime più alto, senza contare che aumentano le resistenze aerodinamiche. Andare piano poi, aumenta vertiginosamente il “fattore sicurezza”.

3 – Climatizzatore? Sì, consuma…

Avete mai pensato a quanto un climatizzatore in casa faccia aumentare i consumi di elettricità domestici se acceso? Perché non dovrebbe essere la stessa cosa con l’auto? Alcune automobili addirittura alzano il regime appena accendete il clima. Questo perché viene assorbita energia. Ecco perché non bisognerebbe, anche per un motivo di salute, tenere temperature troppo basse.

4- Sosta? Spegnete il motore

Il motore, anche quando si è fermi, se acceso, consuma! Ecco perché se dovete caricare o scaricare degli oggetti dall’auto, è il caso di spegnere il propulsore. State attendendo qualcuno che deve scendere dal palazzo? Spegnete il motore, tre, quattro minuti, possono fare la differenza. Pensate il doppio… Del resto, le auto di ultima generazione sono dotate di Start&Stop quando ci si ferma al semaforo.

5 – La pressione delle gomme

Altro fattore determinante nei consumi, è la pressione degli pneumatici. Questa deve sempre e comunque essere corretta. Controllatela spesso, poiché se le gomme sono sgonfie, i consumi aumentano. Il motivo? Semplice, la superficie di rotolamento è superiore. Volete levarvi lo sfizio? Prendete la stessa auto, stesso motore. Una che monta cerchi in ferro da 175, l’altra con cerchi in lega e ruote da 195. Indovinate quale consumerà di più?

6 – Finestrini chiusi

Fate caso alle auto da rally o da gran turismo. Perché in gara hanno i finestrini chiusi? Due motivi: aerodinamica e consumi. Le due cose sono ovviamente collegate. Con i finestrini chiusi il coefficiente aerodinamico migliorerà, perché non ci sarà (o meglio, ce ne sarà meno) resistenza. Se i finestrini sono chiusi, l’aerodinamica migliorerà ed i consumi scenderanno. Una curiosità: l’Audi e-tron ha degli specchietti digitali piccolissimi. E’ grazie a loro se il cx si riduce. Questo per farvi capire quanto sia importante il “fattore aerodinamica”.

7 – Cambia e consuma meno…

Quando il motore ha raggiunto il corretto regime, il propulsore “chiede” il rapporto successivo. Procedere “a 4.000 giri al minuto” in terza marcia, non ha senso. Messa la quarta, scenderà di 6/800 giri. Sarete a 3.200. Bene, mettete anche la quinta per scendere a 2.500. Se in piano, l’auto andrà senza problemi. Insomma, tenere i “giri bassi”, fa consumare meno. Provare per credere.

8 – La zavorra

Il peso dell’auto, più il passeggero. Avete controllato nel bagagliaio se avete oggetti pesanti che potreste lasciare a casa? Qualcuno oserebbe dire: “Tesoro [la moglie… ehm…] resta a casa, torno subito”. Oggi avete una scusa in più. Il suo peso farà consumare di più il mezzo! Scherzi a parte, tutto ciò che è superfluo, non andrebbe tenuto nell’automobile. Questo perché in accelerazione vengono richiesti “più giri” al motore.

9 – Avete considerato un’ibrida?

Al momento, i consumi e l’inquinamento sono il cruccio di ogni governo. Gli incentivi, sono sempre a favore dell’ibrido! Anche qui, ci sarà un motivo… Le ibride consentono di viaggiare ad inquinamento zero nel traffico, ed aiutano il propulsore nelle accelerazioni. Questo perché il motore ibrido viaggia in parallelo con il motore termico. Una simbiosi da non sottovalutare. Le stime, per le ibride, parlano di una media che va dal 5 all’8%. Fa riflettere, soprattutto se come accennato all’inizio, si moltiplicano le cose per settimane, mesi, anni…

10 – Usare la testa

Il buon Dio ci ha donato di gambe. Se queste funzionano e dovete fare un chilometro o due, senza problemi di tempo, fatevi una bella passeggiata! Camminare fa bene, e se l’auto resta in garage non consuma! Non si tratta della “scoperta dell’acqua calda”, quanto piuttosto dell’utilizzo del cervello. Infine, un ultimo consiglio che interessa l’acquisto del mezzo. Quando cercate la nuova automobile, che sia su internet, o in concessionaria, verificate bene… i consumi dichiarati. Cercate la voce WLTP. Trattasi di procedura di prova per veicoli leggeri armonizzata a livello mondiale. E’ qui che, grazie a questo indice, potrete individuare il veicolo più o meno parco nei consumi. Raccogliete dunque le informazioni corrette prima di effettuare un acquisto. Aggiungiamo che, una cilindrata superiore, non sempre è sinonimo di maggiori consumi, anzi.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.