Canone Rai 2019 in bolletta: disdetta o voltura per decesso

Canone Rai 2019 in bolletta: disdetta o voltura per decesso
5 (100%) 1 vote
di | 14-11-2018 | Canone RAI

Il Canone per l’abbonamento alla televisione pubblica Radiotelevisione Italiana (RAI) che, dal 2016 si trova nella bolletta dell’energia elettrica, sembra essere stato riconfermato anche per il 2019, stando alle ultime indiscrezioni emerse dalla bozza della nuova Legge di Bilancio 2019.

Come negli anni passati, dunque, anche nel 2019 l’importo verrà addebitato a ogni famiglia, indipendentemente dal numero di televisori posseduti, suddiviso in 10 rate mensili da gennaio a ottobre.

Ma cosa accade in caso di decesso dell’intestatario dell’abbonamento? È possibile procedere con la disdetta o con voltura del Canone Rai?

Scopriamolo insieme.

Sommario

Cos’è il canone RAI e perchè si paga in bolletta

Il canone Rai è un tributo che deve essere versato da tutte le famiglie che posseggono un televisore in casa, secondo l’Art. 1 del R.D.L. del 21/02/1938 n.246, come previsto dalla legge di stabilità 2016 che ha introdotto il concetto di “presunzione di possesso” di un apparecchio televisivo, ovvero, di ogni dispositivo capace di ricevere, decodificare e trasmettere il segnale televisivo, per tutti gli intestatari di un contratto di fornitura elettrica. Nonostante, infatti, il canone sia una tassa obbligatoria già dal 1938, il tasso di evasione era altissimo e per ridurre i casi di mancato pagamento è stato deciso di renderlo una tassa automaticamente addebitata nella bolletta della luce. In altre parole se un cittadino italiano ha intestato a suo nome un contratto di fornitura per l’energia, si presuppone che abbia anche un televisore, quindi, a prescindere che lo usi o meno, deve assolvere al pagamento del canone RAI nella bolletta, sia che riceva la fattura in formato cartaceo, sia in formato digitale.

Il canone Rai deve essere pagato una volta soltanto per tutti gli apparecchi televisivi detenuti nell’abitazione in cui si è indicata la residenza. Quindi, se si è in possesso di più televisioni all’interno del proprio appartamento, il canone Rai è dovuto solo una volta.

Costo del Canone nel 2019

Il costo del Canone Rai ha subito nel corso degli anni, già dei cambiamenti: se nel 2016 il costo della tassa era pari a 100€, nel 2017 grazie al comma 40, legge 232/2016, il prezzo è stato ridotto di 10€ per un totale di 90€ e nel 2018 il costo del Canone Rai si è mantenuto di 90€.

A quanto emerge dal testo della Legge di Bilancio 2019 anche nel 2019 la tassa da versare è pari a 90€  l’importo rimane suddiviso in 10 rate mensili nelle bollette (gennaio-ottobre), per un totale di 9€ ciascuna. Qualora il fornitore con il quale si è stipulato un contratto di fornitura, preveda una fatturazione bimestrale, l’importo da saldare sarà 18€.

Canone Rai disdetta e voltura per decesso

Nel caso in cui si sai verificata la spiacevole esigenza di dover provvedere a un abbonamento di una persona defunta, è possibile procedere con la disdetta del suddetto abbonamento Rai o con la voltura, ossia, con il passaggio dell’abbonamento della televisione pubblica a un erede.

Nel primo caso, dato che, oramai, il canone si paga nella bolletta della luce, è possibile fare la disdetta dal servizio, insieme alla disdetta del contratto relativo alla fornitura dell’energia elettrica con il gestore.

Oppure, è possibile richiedere all’Agenzia delle Entrate, la disdetta dall’abbonamento al Canone, attraverso la dichiarazione sostitutiva (Modulo).

In questo caso, l’erede è tenuto a compilare il Quadro B del modulo con il codice fiscale dell’intestatario dell’utenza su cui il canone è addebitato, anche se non fa parte della stessa famiglia anagrafica del soggetto deceduto. Mentre nel campo “data inizio” deve essere riportata la data del decesso.

Per la corretta compilazione del modulo, l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione sul proprio sito un modulo fax simile che potete trovare anche cliccando su questo link:modulo fax simile dichiarazione sostitutiva Canone Rai.

Una volta compilato il modulo con le informazioni richieste potete stamparlo e spedirlo al seguente indirizzo:

Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino

L’invio dovrà avvenire tramite raccomandata senza busta, mentre per la data fa fede quella di presentazione che risulta dal timbro postale.

O ancora, la domanda può essere inoltrata via posta elettronica certificata (PEC). L’indirizzo al quale spedire il tutto (modulo di dichiarazione sostitutiva di esenzione e copia di documento d’identità valido, entrambi firmati digitalmente) è il seguente:

cp22.sat@postacertificata.rai.it

La consegna dell’esenzione può anche avvenire a mano presso qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

Nel caso in cui, invece, l’erede risieda nella stessa abitazione del soggetto defunto, oppure, l’abitazione gli sia stata già intestata, anziché procedere con  disdetta del Canone è possibile richiedere la variazione d’intestazione a nome di un erede, qualora questi non sia già abbonato, tramite voltura. In questo caso non sarà necessario effettuare alcuna dichiarazione sostitutiva dato che sarà lo stesso sportello SAT a procedere con il passaggio del canone TV.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.