Chiamate e sms meno cari in UE e non solo: nuove norme dal 2019

Chiamate e sms meno cari in UE e non solo: nuove norme dal 2019
5 (100%) 2 votes
di | 15-11-2018 | Cellulari

È passato più di un anno dall’addio al roaming UE: già dal giugno 2017, infatti, i cittadini dell’Unione possono utilizzare le proprie tariffe anche all’estero, senza costi aggiuntivi (con alcuni limiti di utilizzo, in particolare per quanto riguarda il traffico dati), all’interno dei Paesi membri. Tuttavia restava il nodo relativo alle comunicazioni tra Stati quando ci si trova all’interno dei propri confini: chiamare o inviare un sms dall’Italia ad un amico, un parente o un collega di lavoro all’estero, seppur all’interno dell’UE, potrebbe incidere negativamente sulla spesa mobile, soprattutto quando non si hanno piani tariffari adeguati per parlare con l’estero.

Sommario

Tetto massimo su chiamate e sms in UE

In questi giorni, però, il Parlamento Europeo ha deciso di porre rimedio anche a questo punto, applicando un tetto massimo sui costi di chiamate e sms tra gli Stati dell’UE: a partire dal 15 maggio 2019, infatti, queste saranno le tariffe previste:

  • chiamate a 19 cent al minuto;
  • sms verso tutti a 6 cent l’uno.

La tariffazione con tetto massimo non verrà imposta soltanto a livello mobile, ma si estenderà anche agli altri servizi che permettono di chiamare e/o inviare sms a pagamento verso i fissi e i mobili nazionali e internazionali: pensiamo, ad esempio, alla piattaforma VOIP Skype che, oltre alle telefonate (video e audio) e le chat gratis verso tutti gli utenti del servizio prevede anche la possibilità di chiamare numeri “tradizionali” a tariffe agevolate. Per le comunicazioni verso i paesi UE, quindi, la nuova tariffazione varrà anche per Skype e servizi simili.

Questa novità riguarderà, almeno inizialmente, i soli Paesi membri e non quelli legati all’UE da altri rapporti, come ad esempio la Norvegia, l’Islanda e la Svizzera. Non è chiaro, invece, se la tariffazione verrà applicata anche per il Regno Unito, ancora in bilico per la questione Brexit.

In Italia alcuni operatori hanno già introdotto da qualche tempo delle tariffe agevolate per parlare con l’estero: tra i più attivi su questo fronte abbiamo Iliad e Fastweb.

Quali paesi posso chiamare con Iliad

Quali paesi posso chiamare con Fastweb Mobile

Come abbiamo detto, l’entrata in vigore delle nuove tariffe mobili UE è prevista per la primavera del prossimo anno e gli Stati dovranno recepire la normativa a livello nazionale entro 24 mesi. Gli operatori, invece, dovranno applicare la nuova tariffa fin da subito, a partire dalla data stabilita dal Parlamento.

Altre novità: sicurezza, protezione per gli utenti e 5G

Il nuovo pacchetto di norme votato dal Parlamento Europeo prevede anche altre novità sul tema telecomunicazioni, oltre ai nuovi costi per chiamate e sms. Tra le più interessanti troviamo:

  • l’attuazione di un sistema sms unificato di emergenza, che possa avvisare i cittadini in tempo reale riguardo emergenze, catastrofi naturali, etc… (gli Stati membri avranno tempo 3 anni per attivarlo);
  • la possibilità di mantenere il proprio numero di telefono per un mese dalla disdetta di un contratto;
  • l’obbligo dell’operatore a rimborsare il credito residuo ai clienti che decidono di disdire un contratto mobile;
  • una copertura senza interruzioni nelle aree urbane e nei principali centri europei della rete 5G (almeno una delle città più importanti di ogni Paese dell’Unione Europea dovrà avere la copertura di nuova generazione entro il 2020);
  • una connessione dati in grado di consentire una velocità di almeno 100 Mbps;
  • l’obbligo di implementare degli adeguati sistemi di crittografia sulle comunicazioni scambiate attraverso le app e i servizi di messaggistica e chiamata.

Insomma, le novità previste a partire dalla primavera del prossimo anno sono tante e molte di esse sono già in fase di attuazione: vedremo se il nostro Paese riuscirà ad adeguarsi in tempi brevi a tutte le novità e a porsi come punto di riferimento per l’evoluzione delle reti mobili di nuova generazione, tenendo anche conto del successo dell’asta 5G in Italia.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.