Come controllare i bambini su Internet

di | 30-10-2020 | Cellulari

Internet è un mezzo sempre più radicato nella nostra vita quotidiana, attraverso cui è possibile accedere ad una miriade di siti e servizi, dai giornali alle piattaforme di gaming, dallo streaming alle app per le chat e le videochiamate. Con questo strumento possiamo lavorare, giocare, rimanere in contatto con amici e colleghi di lavoro, acquistare prodotti, etc... Tuttavia, come qualsiasi altro servizio, anche il Web ha i suoi lati oscuri, nasconde insidie che mettono a rischio dati personali e, in casi più estremi, anche l’incolumità stessa delle persone.

Tra i soggetti più esposti alle minacce nascoste dietro i display di computer e smartphone vi sono senza dubbio i bambini: molti di essi si ritrovano ad utilizzare quasi ogni giorno questi dispositivi connessi alla rete, in alcuni casi senza alcun tipo di monitoraggio da parte dei genitori. Eppure oggi abbiamo a disposizione una serie di software che possono aiutarci a controllare i bambini su Internet senza dover necessariamente essere presenti fisicamente durante le sessioni di navigazione dei più piccoli: vediamo come funzionano e quali sono le soluzioni migliori.

Sommario

Dialogo e consapevolezza le armi migliori

Tuttavia, prima di scoprire quali app sono più utili a tale scopo, sarebbe consigliabile parlare con i propri figli, far capire gradualmente come funziona il Web e quali sono le possibili minacce, senza infondere paure o, al contrario, minimizzarne i rischi. Se non si ha un’adeguata conoscenza potrebbe essere utile farsi aiutare da qualcuno che ha maggiori conoscenze in merito, ma anche leggere qualcosa prima da siti autorevoli. Ecco alcuni esempi:

Mantenere aperto un dialogo con loro, discutere su quali servizi sono soliti utilizzare online e consigliarli su come comportarsi durante l’uso di Internet sono azioni che possono avere effetti maggiori rispetto ad un semplice antivirus o parental control. In particolare i minori dovrebbero fare attenzione a:

  • social network (ad esempio Facebook, Instagram o TikTik), molto popolari tra i giovanissimi ma minacce potenziali per la privacy e il contatto con sconosciuti;
  • chat e servizi di messaggistica (come WhatsApp, Messenger e Telegram), anch’essi servizi in cui potrebbero nascondersi malintenzionati;
  • link ricevuti su chat o mail da mittenti sconosciuti: spesso viene utilizzato questo stratagemma per attivare malware, spyware oppure per diffondere contenuti non adatti ai più piccoli;
  • siti con contenuti non adatti a minori;
  • richieste di amicizia su social o su servizi di chat/videochat da parte di utenti sconosciuti;
  • servizi che prevedono acquisti “in-app”.

La lista potrebbe essere ancora lunga, ma rendere i bambini vigili su questi primi punti è già un ottimo punto di partenza.

Parental Control: cosa significa

Per “Parental Control” si intende solitamente un filtro software che i genitori possono configurare per evitare che i bambini accedano a contenuti inappropriati online, utilizzino app non adatte, etc…. Spesso viene già integrato su alcuni dispositivi (ad esempio sui modem) o nei sistemi operativi dei computer/smartphone.

Esistono, inoltre, app e programmi di Parental Control scaricabili direttamente dagli store Android e iOS o dai marketplace per PC e Mac. Nei prossimi paragrafi vi segnaleremo alcuni di questi servizi, completamente gratuiti e molto facili da utilizzare, anche se non ne avete mai utilizzato uno.

Come controllare i bambini su Internet da Android

Android è il sistema operativo mobile più diffuso al mondo e, di conseguenza, anche le minacce sono molto maggiori rispetto alla controparte Apple. Tuttavia è possibile affidarsi ad app molto utili per controllare i piccoli utenti e ridurre al minimo i rischi. Come potete immaginare, i servizi a disposizione sono numerosissimi, ma ve ne segnaliamo 5 tra i migliori:

  • Google Family Link: app per il controllo parentale sviluppata da Google che permette ai genitori di seguire i figli durante le loro sessioni su internet, di gestire gli acquisti e i download, di monitorare la posizione o di esaminare le app già installate sullo smartphone;
  • Controllo Genitori Screen Time: è una delle app più apprezzate dagli utenti Android grazie alla semplicità di utilizzo. Consente anche in questo caso di gestire e controllare il tempo passato dai propri figli su smartphone e tablet, bloccare o consentire app, vedere le ricerche fatte, monitorarne l’utilizzo, etc….;
  • Spazio Bimbi Parental Control: un altro programmino per monitorare l’attività dei bimbi online. La versione gratuita permette di limitare le app utilizzabili sul dispositivo, attivare l’app su un numero illimitato di dispositivi e avere un’assistenza 24 ore al giorno. La versione Premium, invece, consente di avere funzioni avanzate, come la creazione di profili personalizzati, il blocco delle dinsinstallazioni delle app, l’impostazione di timer per limitare l’utilizzo del telefono o di singole app;
  • Kaspersky SafeKids: l’azienda leader nel settore antivirus è presente sul Play Store Android con questo servizio di parental control avanzato, che permette ai genitori di bloccare contenuti pericolosi, gestire l’uso delle app, localizzare i bambini su una mappa, stabilire l’area di sicurezza, monitorare la batteria del telefono del piccolo, bloccare o limitare ricerche su motori di ricerca e YouTube, etc…. Alcune di queste funzionalità sono disponibili nella versione Premium, ma già quella gratuita offre delle interessanti funzionalità;
  • Norton Family Parental Control: anche un altro brand leader per la sicurezza informatica, Norton, offre ai genitori un’app molto utile che consente di monitorare l’attività dei minori online da smartphone o tablet (ricerche effettuate, siti visitati, app scaricate, etc…), impostare limiti temporali e di utilizzo dei contenuti per ridurre le insidie che arrivano dal Web.

Ricordiamo che su Android, tra le impostazioni del sistema, è già possibile impostare dei profili ad accesso limitato o avere delle app preinstallate per il parental control. Tali funzionalità potrebbero variare in base al modello e al produttore: vi consigliamo di leggere le istruzioni relative al vostro dispositivo o dare un’occhiata alle impostazioni e ai servizi già presenti.

Come controllare i bambini su Internet da iOS

In modo simile a MacOS, su iPhone e iPad è possibile agire su Impostazioni/Tempo di utilizzo per rendere il dispositivo più adatto all’uso di un bambino. All’interno di quest’area su iOS, infatti, è presente addirittura l’opzione “Questo dispositivo appartiene a un bambino”: in questo modo si avrà accesso ad una serie di funzionalità avanzate per gestire le restrizioni dei contenuti e le informazioni sulla privacy. Si possono, inoltre, impedire acquisti sull’App Store, consentire o impedire l’accesso ad app specifiche, limitare l’accesso a contenuti inadatti ai minori e tanto altro.

Se, invece, volete affidarvi ad applicazioni terze, su App Store potrete trovare comunque delle interessanti soluzioni. Ecco 5 tra le migliori opzioni:

  • Google Family Link: la controparte per iOS del software per il parental control sviluppato da Google e disponibile anche su Android;
  • Controllo Genitore Kidslox: un pacchetto per la sicurezza dei minori che permette di impostare restrizioni, bloccare o autorizzare app, impostare limiti giornalieri di utilizzo e gestire i contenuti a cui i bambini possono o non possono accedere;
  • Controllo Genitori Kroha: è una delle app di parental control per iOS più interessanti e complete. Grazie a questo software si potranno bloccare e limitare applicazioni e siti Web, monitorare e impedire l’accesso ai video su YouTube, controllare la distanza dello schermo dagli occhi del bambino e molto altro;
  • Qustodio Controllo Parentale: è un’app pluripremiata di parental control, in grado di monitorare l’attività dei propri figli su Internet, bloccare app non adatte, geolocalizzare il telefono, avere report dettagliati sull’utilizzo del dispositivo, etc…;
  • Safe Family Protezione Figli: applicazione sviluppata dalla nota azienda McAfee per gestire e controllare l’uso di Internet da iPhone e iPad da parte dei più piccoli. Tra le funzionalità principali di questo programma troviamo il blocco di app e siti inadatti, la localizzazione della posizione, il blocco degli acquisti in-app e della rimozione dei programmi già installati.

Come controllare i bambini su Internet da Windows 10

Se avete un computer con sistema operativo Windows 10 avete la possibilità di creare un gruppo Famiglia da cui compiere diverse azioni di controllo, ad esempio:

  • impostare limiti di tempo nel l’uso del computer;
  • filtrare i contenuti in base all’età;
  • avere i rapporti sulle attività svolte dai minori durante l’uso del computer;
  • attivare un meccanismo di richiesta ad un genitore prima di un acquisto da parte del minore.

È possibile creare un gruppo famiglia utilizzando il proprio account Microsoft e seguendo le istruzioni che troverete sulla pagina dedicata del sito Microsoft.com.

Come controllare i bambini su Internet da MacOS

Su MacOS è possibile creare un nuovo utente “Standard” (da Preferenze di sistema/Utenti e gruppi/Pulsante “+” sotto “Opzioni login”) , senza privilegi di Amministratore. In questo modo il piccolo accederà con un suo profilo e potrà usare il computer con programmi e configurazione gestiti dal genitore, senza possibilità di poterle modificare.

Sempre su MacOS, su Preferenze di sistema/Tempo di utilizzo, è possibile configurare ulteriormente il dispositivo, ad esempio:

  • impostando delle pause di utilizzo;
  • limitare l’accesso ad una o più applicazioni installate;
  • limitare l’uso dei programmi di comunicazione come FaceTime, Messaggi e Telefono;
  • consentire o inibire l’uso di servizi e app installati sul Mac;
  • limitare l’accesso a contenuti su Internet, sullo store o su alcune funzionalità del computer.

Ecco quindi, come controllare i bambini su Internet, sia da smartphone che da tablet e computer. Ovviamente questi non sono gli unici strumenti che potete trovare: le app e i software sul mercato sono tantissimi e, inoltre, come abbiamo accennato all’inizio, alcuni sono già integrati su dispositivi per la connessione ad Internet (router e modem) o vengono addirittura proposti in abbinamento con alcune offerte Internet casa.

Il nostro consiglio è di provare diverse soluzioni e scegliere in base alla semplicità di utilizzo, puntando come sempre su software e servizi sviluppati da aziende o professionisti affidabili. Ricordate, però, che il dialogo e la consapevolezza di ciò che si sta facendo online rimangono i sistemi più efficaci per tenere lontane molte delle minacce digitali: partite da questi due punti per proteggere davvero i vostri bambini.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.