Costi sulle ricariche: AGCOM diffida TIM, Vodafone e Wind Tre

di | 20-12-2019 | Cellulari, Telefonia

I lettori meno giovani ricorderanno ancora molto bene il periodo in cui gli operatori applicavano dei costi aggiuntivi sulle ricariche: sono passati ormai diversi anni e la Legge 40 del 2007 (meglio conosciuta come Decreto Bersani) aveva posto fine a queste vere e proprie tasse da parte delle compagnie. A distanza di quasi 13 anni, però, le principali società telefoniche hanno ricominciato a proporre delle ricariche particolari con costi aggiuntivi mascherati da “bonus” di servizi, tanto che l’AGCOM ha deciso di diffidarle.

Sommario

Cosa sono le ricariche “speciali”

Ma andiamo con ordine e vediamo innanzitutto di che si tratta: già da qualche tempo gli operatori TIM, Vodafone e Wind Tre hanno cominciato a proporre delle ricariche speciali che permettono al cliente di avere dei servizi in più, ma rinunciando ad una parte della ricarica effettuata. Ecco le formule “incriminate”:

  • TIM Ricarica +: su alcuni tagli (5, 10, 17 e 22 euro) il cliente otterrà 1 o 2 euro in meno dell’importo e avrà minuti e GB in più rispetto all’offerta attiva sulla propria sim (spesso illimitati), per 24 o 48 ore;
  • Vodafone Giga Ricarica: come TIM, anche Vodafone offre dei tagli di ricarica speciale (5 e 10 euro) con cui avere un certo numero di GB in più per un mese, sottraendo 1 euro dal taglio scelto;
  • Wind Ricarica Special: come per i concorrenti, anche Wind Tre propone Giga e minuti illimitati per un giorno a fronte del pagamento di 1 euro rispetto alle ricariche effettuate da 5 o 10 euro.

Fin qui non vi è nulla di sbagliato o di illegale: gli operatori hanno senza dubbio il diritto di rendere più variegata l’offerta sui servizi proposti, comprese le ricariche: il cliente, quindi, potrebbe in teoria scegliere tra una ricarica “classica” e una “speciale”, a seconda delle proprie preferenze.

Ricariche normali da 5 e 10 euro introvabili

In realtà, secondo i controlli effettuati da AGCOM in questo periodo, pare che le ricariche maggiormente richieste dall’utenza siano diventate praticamente introvabili nella versione standard, soprattutto nei punti Lottomatica, Sisal e nei punti vendita autorizzati.

I tagli da 5 e 10 euro non sono solamente i tagli più richiesti da quella fascia di clientela (giovani, studenti, disoccupati, etc…) che hanno un potere d’acquisto limitato, ma sono l’importo ideale per il rinnovo della maggior parte delle attuali tariffe smartphone tutto compreso.

Come si legge sulla diffida, “non è rinvenibile nessuna ragione economica/commerciale per l’eliminazione dei tagli da 5 e 10 euro da determinati punti vendita, se non quella di convogliare la domanda di ricarica da 5 e 10 euro verso l’attivazione dell’offerta Ricarica Special, con conseguente pregiudizio di un numero considerevole di utenti condizionati nella scelta da una limitata disponibilità economica ed con evidente violazione delle disposizioni legislative sopra richiamate in termini di trasparenza dei prezzi e di non discriminazione tra le varie categorie di utenti”.

Scarsa trasparenza sulle ricariche “speciali”

Non solo: quando un cliente richiede una ricarica da 5 e 10 euro presso un rivenditore autorizzato, non è possibile capire prima se si tratta di una “ricarica speciale”: ci si accorge di ciò soltanto dopo averla effettuata ed essersi trovato senza 1 o 2 euro di traffico. Una pratica commerciale, quindi, che l’AGCOM definisce poco trasparente sulla lettera di diffida inviata ai tre operatori coinvolti nella vicenda.

L’Autorità aggiunge, inoltre, che “non è possibile rinvenire ragioni di ordine commerciale che giustifichino l’offerta, in abbinamento alla ricarica, di servizi – quali traffico voce e dati – che ben potrebbero essere acquistati, qualora fossero effettivamente d’interesse per 6 500/19/CONS l’utente, proprio con il credito ricaricato.

Tale considerazione, dunque, sembra confermare che la manovra commerciale descritta sia sostanzialmente finalizzata ad eludere il divieto di applicazione di costi fissi di ricarica, di cui all’articolo 1, comma 1, del decreto Bersani, facendo leva sulla inconsapevolezza degli utenti, al momento di effettuare la ricarica, circa la reale consistenza dei tagli da 5 e 10 euro. Inconsapevolezza, peraltro, alimentata dall’utilizzo del termine “ricarica”, comunque utilizzato per individuare le offerte in questione.

La situazione, quindi, si complica per gli operatori coinvolti e le associazioni dei consumatori si preparano per una battaglia su tutti i fronti: vedremo se le diffide dell’AGCOM sortiranno qualche effetto oppure le compagnie agiranno con delle contromosse per evitare sanzioni.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.