Il GPS consuma Internet sullo smartphone? Ecco cosa c’è da sapere

Il GPS consuma Internet sullo smartphone? Ecco cosa c’è da sapere
Il post ti è stato utile?
di | 01-01-2019 | Cellulari

Gli smartphone sono da tempo i dispositivi mobili più diffusi al mondo: i cellulari di oggi vengono utilizzati non solo per chiamare e inviare messaggi, ma anche per navigare su Internet, mantenere i propri profili social aggiornati, lavorare, guardare video e ascoltare musica in streaming. I terminali, inoltre, possono essere utilizzati anche come veri e propri navigatori e per geolocalizzarsi. Tuttavia sono molti gli utenti che si pongono la seguente domanda: il GPS consuma Internet?

Sommario

Cos’è il GPS e come funziona

Il GPS (Global Positioning System) è lo standard per la navigazione civile e già da anni il chip che permette di ricevere questo segnale viene integrato negli smartphone. Di per sé, il GPS non consuma dati e può funzionare anche offline: tuttavia, con l’introduzione del cosiddetto A-GPS (il GPS assistito), il sistema di localizzazione dello smartphone sfrutta le reti mobili e l’aggancio alle celle per rendere il segnale più preciso ma soprattutto per velocizzare l’aggancio stesso, altrimenti più lento ed esoso di energia. Grazie all’A-GPS, quindi, è possibile sfruttare il collegamento delle offerte Internet mobile quasi sempre attive sulla sim per avere in pochi secondi la localizzazione e per utilizzare i servizi connessi ad essa.

Quali app usano il GPS

Oggi, infatti, molte applicazioni utilizzano la posizione geografica per offrire contenuti più personalizzati e per automatizzare alcune operazioni: non solamente le classiche app per la navigazione (Google Maps, Apple Maps, Here Maps, Maps.me, etc…), ma anche i social network per geolocalizzare gli utenti e convidere tali informazioni con amici e contatti, il meteo per avere le previsioni aggiornate in tempo reale a seconda del luogo in cui si si trova, il browser per offrire risultati più mirati in base alla posizione geografica, etc…

Il GPS consuma dati?

Il GPS consuma Internet, quindi? Come abbiamo visto, il mero sistema di localizzazione non ha alcun bisogno della rete dati per funzionare: ad esempio, è possibile utilizzare un’app per la navigazione satellitare, scaricando le mappe o porzioni di esse sul proprio smartphone, senza avere la necessità di connettersi alla rete durante il tragitto.

Tuttavia il GPS assistito (A-GPS) e le app che necessitano della localizzazione consumano dati, seppur non in modo massiccio: il traffico dati generato può dipendere da diversi fattori, come ad esempio il tempo di utilizzo di un’app, la frequenza di aggiornamento della posizione, etc…

Se, però, avete paura che il GPS possa consumare il vostro traffico dati mensile, non vi dovete preoccupare: il numero dei GB a disposizione oggi è talmente alto che non vi accorgerete nemmeno dei KB o dei MB scaricati.

GPS sempre acceso: conviene?

Nonostante quanto abbiamo detto, il GPS acceso continuamente su uno smartphone ha risvolti ben più importanti che il consumo dati: mantenerlo sempre attivo, infatti, nonostante sia comodo e renda l’esperienza utente su telefonino ancora più completa e personalizzabile, potrebbe incidere negativamente sull’autonomia del cellulare, facendo durare meno la batteria. Un altro aspetto, spesso sottovalutato, è relativo alla privacy: la raccolta dei nostri dati da parte di app e servizi sullo smartphone, come sappiamo bene, è continua, ma perché rendersi localizzabili con il GPS in qualsiasi momento, anche quando non è ecessario?

Che ll GPS non consumi internet o consumi ridotte quantità di dati con la tecnologia assistita, quindi, è un dato di fatto, ma se volete far durare maggiormente la batteria del vostro smartphone o o volete limitare durante la giornata la raccolta dei vostri dati, soprattutto per quanto riguarda gli spostamenti e la posizione geografica, è consigliabile comunque spegnerlo quando non si usano app che lo necessitano.

Chi siamo


Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.