Parental control su Android: cos’è e come impostarlo

Parental control su Android: cos’è e come impostarlo
4 (80%) 1 vote
di | 24-10-2017 | Cellulari, Telefonia

L’accesso ad Internet è ormai una consuetudine per quasi tutti coloro che possiedono uno smartphone (o un tablet) e anche l’età media di chi si connette alla Rete si è abbassata moltissimo, soprattutto negli ultimi anni. Ecco perché la protezione e la sicurezza dei minori sono diventate delle priorità, per evitare di esporre i più piccoli alle numerose minacce e insidie che si nascondono sul Web. Uno degli strumenti più utili in tal senso è senza dubbio il controllo parentale, presente praticamente su tutte le piattaforme software e/o facile da implementare con app terze: qui vediamo, ad esempio, come utilizzare il parental control su Android.

Cos’è il Parental Control

Il parental control è un vero e proprio filtro che può essere utilizzato e gestito dai genitori di minori connessi ad Internet sia per tenere traccia della navigazione, sia per bloccare alcuni siti e servizi considerati pericolosi o non adatti ad un’utenza in tenera età. Alcuni sistemi permettono, inoltre, di settare anche il tempo di navigazione per evitare eccessi di utilizzo o di “guidare” il bambino attraverso siti predefiniti, considerati “amici”.

Il parental control su Android può essere effettuato sfruttando diverse funzionalità e servizi presenti sul sistema operativo più diffuso del pianeta. Alcuni produttori di smartphone preinstallano all’interno dei terminali delle suite ad hoc che prevedono anche strumenti per limitare l’accesso ai minori. In passato oggetto di critiche e discussioni legate al suo livello di sicurezza, Android è ancora oggi la piattaforma più presa di mira da malware e attacchi, soprattutto a causa della sua enorme fetta di mercato: tuttavia negli ultimi anni, grazie al lavoro degli sviluppatori, possiamo dire che il sistema ha raggiunto un ottimo livello, con aggiornamenti continui sulla sicurezza e servizi sempre più efficaci e completi (pensiamo, ad esempio, al recente Google Play Protect).

Come attivarlo e come impostarlo

Ma torniamo al tema di questo articolo, il parental control su Android: cosa si può fare per proteggere i nostri bambini dalle minacce della rete? Ecco qualche consiglio.

Creare un secondo utente

Già dalla versione 5.0 Lollipop, la piattaforma Android offre la possibilità all’utilizzatore dello smartphone o del tablet di creare più utenti, un po’ come accade per il computer: per farlo basterà accedere sulle Impostazioni e sull’area Utenti, seguendo poi la procedura guidata. Tra le varie voci è presente anche l’opzione “Profilo con limitazioni”, che permetterà di controllare anche le applicazioni che l’utente potrà utilizzare.

Controllare il Play Store

Anche il marketplace per lo scaricamento delle applicazioni potrebbe essere considerato un accesso inadatto ai minori, per evitare di incappare in contenuti non permessi o in acquisti indesiderati. Per bloccare l’uso del servizio basterà accedere sulle impostazioni di Google Play e scegliere “Controllo genitori”, seguendo poi le istruzioni per configurare correttamente il sistema di protezione. Sarà possibile scegliere quali contenuti far visualizzare, anche in base all’età dell’utente.

Disattivare il download da origini sconosciute

Rispetto ad iOS, però, uno dei vantaggi/svantaggi (a seconda della situazione) di Android è la possibilità di scaricare app e altri contenuti da piattaforme differenti rispetto a quella ufficiale, esponendo l’utente a più minacce, soprattutto se si ha poca consapevolezza di ciò che si sta scaricando (su questo punto vi consigliamo di dare uno sguardo alla nostra guida sulla connessione Internet sicura su smartphone).

Nelle ultime versioni di Android, però, è quasi sempre attiva di default la funzione per il download da fonti non ufficiali. Se volete verificare la presenza del blocco o per gestire questa opzione potete entrare su Impostazioni, Sicurezza e Altre Impostazioni (la voce a cui facciamo riferimento si chiama “Origini sconosciute”).

DNS con Parental control su Android

Se la vostra maggior preoccupazione è la navigazione su Internet, sappiate che è possibile utilizzare dei DNS dedicati che implementano dei filtri pensati proprio per i più piccoli, facendo cosi da barriera digitale durante l’uso del browser per evitare portali e servizi non adatti.

Il noto servizio OpenDNS prevede, ad esempio, dei DNS specifici (detti FamilyShield) per avere il parental control durante la navigazione. Gli indirizzi sono i seguenti:

208.67.222.123

208.67.220.123

Questo sistema di controllo può essere fatto per le connessioni WiFi in modo semplice, mentre per la rete dati è necessaria una conoscenza più avanzata. Per impostare i DNS con parental control su Android basterà accedere nelle Impostazioni del WiFi, Modifica rete e configurazioni di rete, entrando nelle opzioni avanzate e sostituendo i DNS presenti con quelli sopraccitati.

Applicazioni terze

L’uso del parental control su Android, come abbiamo visto, è molto semplice e può interessare funzionalità differenti dello smartphone o del tablet dotato di questa piattaforma. Tuttavia è possibile affidarsi anche ad applicazioni esterne, scaricabili direttamente sul Google Play, alcune gratuite e altre a pagamento.

Tra le più note abbiamo Spazio Bimbi Parental Control, Kaspersky SafeKids, Blocco App & Verifica Genitori, Qustodio Parental Control, etc… È praticamente impossibile poter riassumere tutti i programmi presenti sullo store e le funzionalità di ognuno: il nostro consiglio è quello di affidarsi alle app più diffuse e utilizzate, con una votazione alta o medio-alta, cercandole direttamente su Google Play con la parola “Parental Control”.

Anche Android, quindi, può essere utilizzato dai minori con un alto livello di sicurezza: le funzionalità e i servizi sopraccitati possono sicuramente fare la differenza ma è importante sopratutto che l’utente, anche se bambino o adolescente, impari ad avere una consapevolezza profonda dei pericoli nascosti su Internet, fin dai primi utilizzi. Solo in questo modo Android, così come gli altri sistemi operativi, possono essere davvero degli strumenti sicuri.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.