Tethering: cos’è e come sfruttarlo

Tethering: cos’è e come sfruttarlo
5 (100%) 3 votes
di | 28-08-2017 | Cellulari, Telefonia

Sempre più spesso si sente parlare di tethering, soprattutto dopo il boom degli smartphone a livello globale e il perfezionamento delle principali piattaforme mobili, ma non tutti sanno ancora di che si tratta o magari conoscono la funzione ma con un altro nome: grazie a questo sistema è possibile condividere la rete dati della propria offerta Internet mobile con altri dispositivi, sfruttando diverse tipologie di connessione, come il Bluetooth, il collegamento tramite USB e il Wireless.

Quest’ultima è probabilmente quella più comoda e utilizzata, conosciuta anche come hotspot Wifi: in pratica lo smartphone (o il tablet) diventa un vero e proprio hotspot su cui collegare altri terminali in modalità senza fili, per usufruire della tariffa Internet attiva sulla sim. Praticamente è come avere un modem portatile disponibile in qualsiasi momento, da utilizzare non solo con altri smartphone o tablet, ma anche con dispositivi differenti come console da gioco, tv, etc…

Una comodità che, ovviamente, deve fare i conti con i consumi: più dispositivi connessi contemporaneamente alla stessa utenza genereranno più traffico dati, quindi i GB verranno consumati molto più rapidamente. Resta comunque una funzione interessante e ottima da avere, soprattutto quando non si è in casa o si vuole dare la possibilità ad un altro dispositivo non dotato di connessione di accedere alla Rete.

Come attivare il tethering su Android e iOS

Ma come bisogna fare per attivare il tethering? In questo paragrafo vedremo quali passaggi seguire per averlo sulle due piattaforme più diffuse al mondo, Android e iOS. Prima di continuare, però, vi consigliamo di dare uno sguardo al nostro speciale dedicato ai costi dell’hotspot Wifi su smartphone: è possibile, infatti, che un operatore decida di imporre dei costi aggiuntivi nell’uso di questa funzione a seconda della tariffa sottoscritta.

Attivazione su Android

Sugli smartphone e i tablet Android sarà sufficiente seguire il percorso seguente: Impostazioni/Wireless e Reti/Altro/Tethering-Hotspot portatile. Su questo menu troverete tutte le informazioni e i pulsanti per attivare la condivisione Internet con altri dispositivi sfruttando i collegamenti USB, Bluetooth e/o Wireless. Per quanto riguarda l’hotspot Wifi sarà presente anche una sezione Impostazioni dedicata che permetterà di personalizzare la connessione, dal nome alla rilevabilità, fino alla protezione con una password per rendere la rete dati ancora più protetta.

Attivazione su iPhone e iPad

Se, invece, siete possessori di un dispositivo iOS, il percorso di riferimento per il tethering è Impostazioni/cellulare/hotspot personale (è necessario avere la connessione dati attiva). Anche in questo caso potrete personalizzare la connessione Wifi e proteggerla con una password per evitare accessi indesiderati.

Come per Android, anche su iOS potrete connettervi sfruttando il Bluetooth, il Wifi o il cavo USB per il tethering.

Velocità Internet con il tethering

La velocità della connessione dati quando si effettua la condivisione del traffico dati è molto variabile: dipende dal tipo di utilizzo che viene fatto dai singoli dispositivi connessi e dal numero dei devices connessi. Con la funzionalità hotspot molti smartphone permettono di collegare 10 dispositivi contemporaneamente, quindi è facile immaginare che le prestazioni possono essere molto differenti da caso a caso. Per quanto riguarda la velocità della connessione dati in sé, in particolare sull’LTE, potete approfondire l’argomento con il nostro articolo dedicato a quanto è veloce il 4G in Italia.

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995