Citroen C4 Cactus: con un deciso restyling, alla ricerca del massimo comfort

Citroen C4 Cactus: con un deciso restyling, alla ricerca del massimo comfort
4 (80%) 1 vote
di | 14-11-2017 | Auto, Come risparmiare

Citroen con la C4 Cactus m.y. 2018 ha realizzato, a differenza del progetto iniziale, una auto che punta tutto sulla comodità, ed un pizzico di tecnologia che ormai abbiamo su tutte le autovetture. Arriva dunque un restyling che, più che sul vero e proprio design, spinge sul comfort. Le novità più importanti sono le sospensioni con smorzatori idraulici progressivi, lo spostamento dei caratteristici AirBump più sotto rispetto a prima ed una imbottitura speciale delle sedute.

A questo, vanno aggiunte le motorizzazioni, con propulsori in grado di erogare fino a ben 130 CV, ma non sono da sottovalutare altre importanti caratteristiche quali nuove tecnologie/dispositivi di assistenza alla guida e tre tipologie di connettività. Insomma c’è tanta carne al fuoco per un’auto che resta in ogni caso tra le più personalizzabili ex-fabbrica sul mercato (sia per gli interni che per gli esterni). Naturalmente appena l’auto sarà disponibile, la troverete anche a noleggio a lungo termine.

Citroen C4 Cactus: “più vicina alla C4 standard”

I francesi hanno nei loro piani, quello di far prendere alla Citroen C4 Cactus, il posto della C4. Va da sé che andranno via via ad abbandonare quello che può essere tranquillamente chiamato un Crossover, per avvicinarsi strada facendo ad una più classica berlina. Vero, più compatta, ma sempre di berlina si parla. Ecco che dunque con questo nuovo modello, le dimensioni diventano di 4,17 per quanto concerne la lunghezza, mentre la larghezza è ora di 1,71 metri.

Citroen C4 Cactus: restyling per gli esterni

La prima cosa che salta all’occhio sono i nuovi esterni, con un frontale decisamente massiccio, ma più vicino al family feeling delle altre vetture del marchio. Decisamente uniche le luci diurne a LED ed i fanali, che offrono forme decisamente “schiacciate”. A rendere la C4 Cactus più “leggera” allo sguardo laterale, le superfici vetrate, particolarmente ampie. Questo ha “causato” lo spostamento degli AirBumb verso la parte inferiore, a protezione delle portiere quando all’apertura si presentano marciapiedi o altre vetture intorno. Quanto al posteriore, ora abbiamo dei fari 3D, sempre a LED.

Citroen C4 Cactus: restyling per gli interni

Chiaramente i designer della Casa del Doppio Baffo hanno dedicato importanti attenzioni anche agli interni. Si è deciso di riprendere anche per questi, le medesime linee orizzontali proposti fuori, sugli esterni del veicolo. Sotto lo sguardo del guidatore, abbiamo la plancia, che ospieta un grande schermo Touch Pad da ben 7 pollici. Si può dunque dare l’addio ai comandi classici, in favore di una digitalizzazione, visto che dal Touch Pad si possono comandare tutti i sistemi di bordo e l’infotainment.

Citroen C4 Cactus: nuove sospensioni e nuove sedute

Sulla Citroen C4 Cactus, come dicevamo nell’introduzione, gli ingegneri hanno investito molto tempo sul fattore comfort. Arrivano infatti le sospensioni con smorzatori idraulici progressivi: in sostanza niente più smorzatori di fine corsa meccanici che sono colpevoli del classico “colpo” quando si prendono grosse buche all’improvviso. Il sistema idraulico dunque, migliora il comfort di guida generale e permette di allungare l’escursione delle sospensioni, altro fattore che incrementa il “relax” di guida, soprattutto cittadino.

Altro fattore che renderà la guida più “morbida”, saranno i sedili Advanced Comfort. Realizzati con una nuova schiuma poliuretanica ad alta densità, consentono un comfort superiore rispetto ai normali sedili e lo mantengono nel tempo, visto che questa schiuma non solo evita i classici affondamenti causati da tante ore alla guida, ma anche l’invecchiamento del classico materiale, che va schiacciandosi con il passare dell’utilizzo.

Citroen C4 Cactus: motori da 82 a 130 CV

Le motorizzazioni previste per questa nuova Citoren C4 Cactus vanno da 82 a 130 CV. La novità è rappresentata proprio da quest’ultimo: il nuovo Pure Tech. Parliamo di un propulsore a benzina, abbinato ad un cambio manuale a sei marce. Le altre motorizzazioni a benzina previste saranno due, un 82 ed un 110 CV, con quest’ultimo che potrà essere equipaggiato anche con il cambio automatico EAT6. Non mancano naturalmente i propulsori diesel, due. Il primo è il classico Blue HDi da 100 CV. Il secondo, che arriverà più avanti, sarà il 110 CV con cambio automatico EAT6.

Citroen C4 Cactus: gli… assistenti alla guida

Concludiamo, per questa nuova Citroen C4 Cactus, con gli ormai indispensabili sistemi di assistenza alla guida. Ne possiamo contare ben dodici, ma del resto, la Casa francese era rimasta indietro rispetto alla concorrenza e quindi, si è dovuta per forza di cosa allineare. Possiamo citare il Park Assist, il sistema di sorveglianza dell’angolo morto, ma anche la frenata automatica di emergenza denominata Active Safety Brake. Aggiungiamo poi, l’avviso di superamento involontario della linea di carreggiata, tecnologia che ormai pare sia diventata indispensabile.

0321.085995