Il Conto Termico può farti risparmiare?

Il Conto Termico può farti risparmiare?
Il post ti è stato utile?
di | 08-09-2014 | Come risparmiare, Leggi Norme Regole

[img-left]conto termico e risparmio in bollette[/img-left]Dopo trent’anni che abito la mia casa mi sono reso conto che sto sprecando dei soldi per riscaldarmi e per poter avere l’acqua calda, ma che in effetti mi riscaldo molto poco, proprio perchè la mia casa non è più nuovissima; e, quindi, tra caldaia che funziona non perfettamente (hai fatto il bollino blu?) ed infissi che chiudono si, ma che non sigillano dagli spifferi, la temperatura dentro casa non è proprio piacevole e le bollette sono abbastanza onerose.

Ho cominciato allora a girare per negozi e rivenditori specializzati per cercare una soluzione a questo problema; i prezzi dei vari prodotti non è che siano proprio bassi, ma siamo comunque tutti convinti che la qualità fa il prezzo, quindi meno costa, meno vale; e noi vorremmo sempre fare un acquisto una volta per tutte, per evitare fra pochi anni di doverci rimettere le mani.
Poi ho incontrato un amico che ha ristrutturato completamente casa qualche mese fa, e, parlando, siamo entrati nel discorso di quanto sono aumentate le bollette di gas e luce, e lui mi ha spiegato che ha notato che il costo del metano e della corrente elettrica è aumentato, ma che non se ne è accorto più di tanto, anzi, le sue bollette sono diminuite e non di poco.
E così mi sono reso conto che è possibile usufruire di vari incentivi statali per il risparmio energetico, così ho deciso di approfondire l’argomento; vediamo quali sono gli incentivi a cui è possibile accedere.

Possiamo sostituire gli infissi, coibentare il tetto e le pareti della nostra abitazione usufruendo degli incentivi che prevedono un recupero pari al 65% dell’importo speso; ma la cosa più importante è che dall’inizio dello scorso anno, più precisamente dal 3 gennaio 2013, è possibile accedere agli incentivi previsti dal Decreto Ministeriale del 28/12/12, che viene chiamato Conto Energia.
Allora ho cercato di approfondire l’argomento per vedere se era possibile migliorare l’efficienza energetica della mia abitazione, e quindi risparmiare, senza dover richiedere un prestito alla mia banca. Cercherò di condividere con voi quanto ho ricavato dalle mie ricerche, e dai miei acquisti.

Il Conto Energia Termico prevede che vengano incoraggiati la produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed i piccoli interventi per lo sviluppo della capacità dell’abitazione stessa di sfruttare tale energia per riscandare; l’incentivo del Conto Termico non è legato al valore dell’IRPEF dovuta per l’anno in questione, e viene riconosciuto per 2 o per 5 anni, però non tiene conto della spesa sostenuta, ma si basa su particolari requisiti, formule e coefficienti.
In altre parole, se vogliamo installare un pannello solare per la produzione di acqua calda, oppure cambiare la caldaia con una avente determinati requisiti, possiamo chiedere di accedere a questo incentivo.
Ovviamente c’è un iter burocratico da seguire, ma la maggior parte delle aziende che vendono questo tipo di impianti, forniscono un servizio “chiavi in mano” occupandosi di tutto l’iter burocratico, dallo studio energetico al riconoscimento della tariffa incentivante.

Ma vediamo quali sono i benefici effettivi derivanti dall’installazione degli impianti previsti dal Conto Termico: per il montaggio del pannello solare, che tecnicamente viene chiamato collettore solare termico, il rimborso varia dai 340 €/mq se la superficie lorda dell’impianto stesso è inferiore o uguale a 50 mq, da riprendere in 2 anni, ai 275 €/mq per le superfici superiori, frazionate in 5 anni; il pannello solare consente di risparmiare subito sulla bolletta del gas o dell’energia poiché permette di produrre acqua calda per usi sanitari e di integrare il riscaldamento dell’abitazione sfruttando l’energia del sole, aumenta il valore della tua casa dandole prestigio, rendendola autonoma ed aumentandone la classe energetica; da non sottovalutare anche la riduzione dell’uso dei combustibili e la conseguente diminuzione di produzione di CO2, con un notevole miglioramento dell’ambiente in cui viviamo ed in cui dovranno crescere i nostri figli.

L’installazione di una caldaia a pellet, oppure a legna, ci consentirà ovviamente un risparmio maggiore sulle bollette rispetto a quello che avremmo con il pannello solare, poichè andrebbe a sostituire quasi totalmente l’utilizzo del gas per il riscaldamento, dal momento che non avrebbe bisogno della presenza di un sole limpido e di un cielo libero da nuvole; anche in questo caso avremmo una riduzione dell’uso dei combustibili con conseguente beneficio per l’ambiente.

Tra gli incentivi del Conto Termico per i privati è prevista anche l’installazione di una caldaia a condensazione, chiamata così perchè in grado di ottenere un rendimento termodinamico superiore al 90% del combustibile utilizzato, grazie al recupero del calore latente di condensazione del vapore acqueo contenuto nei fumi di combustione; in altre parole, evita di disperdere il calore con i fumi di combustione espulsi con il camino, ma riesce a recuperarlo tutto; anche in questo caso abbiamo una notevole riduzione della produzione di CO2, sempre a beneficio dell’ambiente. Se poi abbassiamo di qualche decimo di grado la temperatura per trovare quella migliore per la nostra casa… è ancora meglio. 🙂

Dopo tutte queste ricerche e tutti questi studi, mi sono recato in un negozio specializzato, anzi, veramente ne ho visitati almeno quattro, ed ho richiesto ad ognuno i preventivi per la fornitura ed il montaggio di un pannello solare e di una stufa a pellet, in sostituzione della vecchia stufa a legna che ho utilizzato fino ad ora.
Questa cosa non l’avevo ancora detta: per accedere agli incentivi del Conto Termico legati all’acquisto di una stufa o di una caldaia è necessario che questa sostituisca una stufa oppure una caldaia già presente nell’abitazione; altrimenti niente incentivi.

Ho considerato i vari preventivi, ma soprattutto i servizi offerti da ciascun rivenditore ed installatore: in linea di massima, tutti forniscono quello che abbiamo già chiamato servizio chiavi in mano, ma non tutti i pacchetti proposti sono uguali, ed ho optato per una certa azienda.

Proprio dodici mesi fa ho acquistato e fatto installare un sistema solare termico ed una stufa a pellet; oltre al risparmio avuto sugli importi delle bollette, in parte utilizzato per l’acquisto dei sacchi di combustibile, che si aggirava intorno al 45-50% di quanto speso negli anni precedenti, posso usufruire di un incentivo statale che è di circa 800 € l’anno, per i primi due anni, e di 460 € l’anno per i successivi tre anni.

Prezzi gas, tutte le offerte

0321.085995