Forno elettrico o forno a gas? Ecco quale conviene

Forno elettrico o forno a gas? Ecco quale conviene
Il post ti è stato utile?
di | 18-07-2018 | Come risparmiare, Consigli per gli acquisti

Scegliere gli elettrodomestici per la propria casa non è un’operazione facile come si potrebbe immaginare, soprattutto in termini di risparmio energetico. Al momento dell’acquisto, presi dalla foga, spesso ci dimentichiamo che poi gli apparecchi che stiamo comprando, consumeranno energia e continueranno a avere un costo continuo. Essere informati sui consumi dei vari apparecchi che utilizziamo può facilitare la scelta anche in vista del futuro consumo dell’elettrodomestico.

Se poi sul mercato esistono tante tipologie diverse di uno stesso elettrodomestico, allora la scelta si fa davvero complicata. È questo il caso del forno della cucina. È meglio un forno elettrico o un forno a gas per risparmiare in bolletta?

Cerchiamo di analizzare insieme i consumi di queste due diverse tipologie di forno, per cercare di capire quale conviene acquistare.

Sommario

Differenze tra forno elettrico e forno a gas: funzionamento e consumi

Il forno elettrico

In commercio si possono trovare diversi tipi di forni a alimentazione elettrica che si possono raggruppare in due diverse categorie, a seconda del meccanismo di funzionamento:

  • Forno elettrico tradizionale: è la tipologia più diffusa in commercio. I cibi si cuociono grazie alla presenza di resistenze elettriche collocate sia nella parte superiore che inferiore del forno.
  • Forno elettrico multifunzione: consente di cuocere i cibi attraverso le tradizionali resistenze elettriche e grill, ma anche attraverso la circolazione di aria grazie alla presenza di una ventola.

Inoltre i forni elettrici si distinguono in statici e ventilati: nel forno elettrico statico la cottura avviene in maniera più lenta e meno uniforme, pertanto è indicato per tutti i cibi che contengono il lievito come il pane, la pizza, le torte e così via. Mentre la cottura attraverso in un forno ventilato è più veloce e di conseguenza, omogenea. Essa è perfetta per la cottura della carne, dell’arrosto, del pollo, del pesce, della pasta al forno, delle crostate e dei biscotti.

Il forno a gas

I forni a gas si differenziano da quelli elettrici per il fatto che il calore viene generato da un bruciatore che si trova nella parte inferiore dell’apparecchio. Il calore viene distribuito all’interno del forno per irraggiamento e convezione, ossia, i cibi si cuociono in quanto esposti al calore che si propaga dalle pareti e grazie all’aria calda che tende a salire, continuando a investire i cibi attraverso un passaggio di calore continuo.

Per la cottura dei cibi, il forno a gas, a differenza di quello elettrico, mantiene un livello alto di calore solo dopo che si è raggiunta la temperatura desiderata, mentre il forno elettrico garantisce una temperatura costante dall’accensione allo spegnimento.

I consumi

I forni a gas generalmente, al momento dell’acquisto, costano di più rispetto ai modelli elettrici. Anche se dal punto di vista dei consumi, il forno a gas permette di risparmiare dato che la materia prima gas ha un costo inferiore rispetto a quello dell’elettricità.

Tuttavia il grande vantaggio dei forni elettrici è quello di riuscire a mantenere la temperatura costante durante il periodo di utilizzo. L’energia che viene consumata, infatti, non è fissa durante la cottura del cibo. Una volta acceso il forno si avrà il picco di consumo, dato che l’apparecchio deve impiegare più energia per il riscaldamento. Ad esempio se il forno viene impostato a 180°C, può arrivare a consumare fino a 800 Wh nei primi venti minuti di accensione. Ma passata un’ora, il forno consumerà solo 1000 Wh, e 1500 kWh dopo un’ora e mezza. Possiamo quindi dire che in termini di costi, è fondamentale considerare la variabile tempo di utilizzo del forno: il forno elettrico, infatti, per i cibi che impiegano più tempo a cuocersi, è da preferire al forno a gas.

L’energia che viene consumata da un forno elettrico varia in base a quattro fattori fondamentali:

  • alle dimensioni del forno
  • alla potenza
  • alla classe energetica
  • al tempo di utilizzo

I consumi variano anche in base al tipologia di forno elettrico che si sceglie: quello ventilato consente di risparmiare un terzo dell’energia rispetto a un modello statico, questo perché quello ventilato permette la circolazione continua dell’aria riducendo quindi i tempi di cottura.

In linea generale un forno elettrico per cuocere i cibi a 200°C per un’ora consuma tra 0,9 kWh e 1,5 kWh che va moltiplicato per il costo del singolo chilowattora che ci viene addebitato in bolletta.

Come risparmiare energia con il forno: 7 consigli

Risparmiare sulla bolletta della luce anche attraverso il forno è possibile attraverso piccoli accorgimenti. Eccone alcuni:

  1. Pulire regolarmente il forno, in modo che il calore si distribuisca in modo più uniforme.
  2. Una volta inseriti i cibi nel forno, è consigliabile non aprire continuamente lo sportello per verificare la cottura, poiché questo causerebbe un inutile spreco di energia.
  3. Usare un termometro da forno per cuocere i cibi, può contribuire a cuocere alla giusta temperatura e non rischiare di bruciare i cibi.
  4. Quando è possibile cuocere più alimenti contemporaneamente può contribuire a risparmiare tempo e energia.
  5. Preriscaldare il forno solo quando si è già pronti a mettere a cuocere i cibi. È importante ricordare, inoltre, che non tutti i cibi hanno bisogno di essere preriscaldati.
  6. Usare il grill solo 5 o 10 minuti per dorare i cibi, ma non per cuocerli: questa modalità consuma il doppio di energia rispetto al riscaldamento tradizionale.
  7. Ricordate sempre di spegnere il forno qualche minuto prima della fine della cottura dei cibi, mantenendo chiusa la porta: il calore accumulato contribuisce a completare l’opera

Infine avere una buona offerta luce può sicuramente influire molto anche sul consumo del forno e degli altri grandi elettrodomestici della casa. Sceglierla, tuttavia, non è mai semplice. Ecco perché comparare le varie tariffe sul mercato energia può essere non solo utile, ma può far risparmiare anche molto tempo in ricerche. Visitate il sito ComparaSemplice.it, oppure telefonate al numero verde 800.709993 per avere a vostra disposizione, tutta l’esperienza di esperti nel campo energia che potranno aiutarvi a scegliere l’offerta che più si conforma alle vostre esigenze.

0321.085995