Come scegliere la migliore offerta per la fornitura gas?

Come scegliere la migliore offerta per la fornitura gas?
5 (100%) 1 vote
di | 10-04-2016 | Come risparmiare, Gas

icon-gasOggi noi di Compara Semplice vogliamo fornirvi una guida dettagliata per scegliere la migliore offerta per la fornitura del gas. Iniziamo col dire che la liberalizzazione del mercato ha permesso l’ampliarsi ed il diversificarsi delle offerte senza più il solo gestore locale a cui dover sottostare.

La troppa pubblicità e le tante compagnie oggi presenti sul mercato italiano possono però rendere complicata la scelta, e per facilitarvi il compito abbiamo quindi creato apposta questa guida: se ad esempio utilizzate il gas anche per il vostro riscaldamento casalingo, cambiare fornitore potrebbe infatti farvi risparmiare anche 250 euro all’anno, mica noccioline.

Consigli per Risparmiare

La prima informazione che dovete assolutamente conoscere per iniziare a studiare le migliori soluzioni per risparmiare sulla bolletta del gas, è quella che riguarda il vostro consumo annuo, appunto di gas, espresso in metri cubi. Potete trovare il dato relativo al vostro consumo annuo in una qualsiasi vostra bolletta, sotto la voce “Consumo annuo”.

A questo punto potete già cominciare da subito a confrontare i prezzi applicati dalle varie compagnie fornitrici. Come fare però di fronte a tanta pubblicità ingannevole? Dovrete girarvi tutti i siti internet ufficiali della varie aziende e segnarvi le caratteristiche di ogni singola offerta? No, ci vorrebbero dei giorni interi (e magari nel frattempo che vi segnate 1 offerta, essa sarà cambiata quando avrete visionato tutte quelle delle altre compagnie), quando invece in pochi click potete fare la stessa cosa grazie ad un comparatore di tariffe online come il nostro:

confronta offerte gas

Oltre alle tariffe generali, gli elementi su cui porre la massima attenzione nel confronto tra compagnie sono i seguenti 2 :

    1. il prezzo al metro cubo, che è la componente che incide maggiormente nel calcolo dei servizi di vendita.
    2. I servizi di vendita, che comprendono la quota variabile del prezzo del gas, e cioè l’unica componente del prezzo dell’energia che dipende dal fornitore di gas.

Torneremo sull’argomento confronto tariffe alla fine di quest’articolo, nelle conclusioni. Nel frattempo vi diciamo che un altro strumento da adoperare nella ricerca della migliore offerta per la fornitura del gas è senz’altro la scheda di confrontabilità, un documento che permette di confrontare le tariffe del gas applicate in regime di libero mercato rispetto a quelle della maggior tutela: è reperibile sui siti internet di tutti i fornitori di gas sul mercato libero, ma viene anche inviata a casa entro 10 giorni dalla stipula di un nuovo contratto, insieme al contratto stesso ed alla nota informativa (tutto questo perchè i fornitori di gas sono obbligati per legge a fornirla). Studiate la scheda di confrontabilità e ne trarrete senz’altro diverse informazioni preziose per la vostra scelta.

Passare dal pagamento delle bollette tramite bollettini postali a quello con RID bancario, anche se più difficoltoso per le vecchie generazioni, è sempre preferibile. Il RID infatti è gratis, vi fa risparmiare quindi in media 18 euro all’anno solo sulle commissioni sui bollettini postali, in più sempre più offerte o promozioni disponibili sono dedicate esclusivamente a chi scglie il RID come metodo di pagamento e poi, infine, tale sistema di pagamento vi fa risparmiare sul deposito cauzionale, cioè su quello strumento che le compagnie utilizzano come garanzia per prevenire eventuali non pagamenti delle bollette da parte dei propri clienti, facendo versare a chi utilizza ancora i bollettini postali per il pagamento delle spese (quindi senza poter fornire alcuna garanzia di solvibilità preventiva), una somma di denaro che resta ferma a garanzia dei pagamenti futuri.

Altra abitudine moderna, tecnologica e conveniente da mettere tutti in pratica, consiste nella scelta della bolletta elettronica da ricevere via e-mail, in sostituzione di quella cartacea. Per l’invio di quest’ultima infatti, viene invece richiesto un contributo mensile che fa aumentare l’importo della bolletta in media di 12 euro all’anno.

Nella scelta dell’offerta sul gas più conveniente, non trascurate eventuali promozioni e servizi aggiuntivi: spesso fanno la differenza, come nel caso di forniture combinate di gas ed elettricità, caldaie di ultima generazione con rate in bolletta o sistemi di pagamento via tablet e smartphone. Alcune aziende prevedono infatti bonus aggiuntivi e pacchetti speciali per chi cambia fornitura contemporaneamente di luce e gas.
Famiglie povere o con tanti figli possono inoltre usufruire del Bonus Gas. Si tratta di uno sconto in bolletta di importo variabile introdotto dal Governo e riservato a:
  • Famiglie con ISEE non superiore a 7.500 euro
  • Famiglie con più di 3 figli a carico e ISEE non superiore a 20.000 euro.

Informatevi in proposito presso il vostro comune di residenza o presso un Caf abilitato.

Scegliete poi tra

  • Prezzo bloccato: il fornitore stabilisce un prezzo che rimane invariato per tutta la durata del contratto, in genere di uno o due anni.
  • Prezzo indicizzato: il prezzo del gas cambia al variare del costo della materia prima.
  • Offerte tutto compreso: viene pagata una cifra fissa, mensile o annuale, che permette di consumare una quantità prestabilita di gas, stabilita in metri cubi. I gestori mettono a disposizione degli utenti diverse taglie tra cui scegliere, a seconda dei consumi stimati.

L’opzione preferita dipenderà ovviamente solo dalle vostre esigenze di consumo.

Per i possessori di Partita Iva, le varie aziende di gas ed energia elettrica forniscono delle speciali offerte, dedicate appunto ad aziende e liberi professionisti. Spesso le esigenze e le tipologie di consumo si differenziano molto tra clienti residenziali e business: per tale motivo sono state studiate e realizzate delle offerte ad hoc, a seconda di quale interlocutore si voglia interpellare a livello commerciale.

Lo sapevate che da tanti anni sono disponibili delle percentuali interessanti e molto elevate di detrazione sulle spese che effettuate in ambito di lavori di ristrutturazione per ottenere un risparmio energetico, a casa vostra o nel vostro condominio?

I lavori detraibili sono numerosi, ovviamente tutti quelli che mirano a migliorare l’efficienza energetica del vostro edificio, ed a ridurre gli sprechi e, di conseguenza, i vostri consumi. Gli interventi volti a contenere il fabbisogno di riscaldamento invernale sono detraibili fino all’importo massimo di 100.000 euro per ogni immobile. Anche quando si decide di installare degli impianti di calore, come una caldaia o una pompa di calore, si possono detrarre tutte le spese per la realizzazione dell’impianto e l’acquisto degli apparecchi stessi.

Conclusioni

Ora sapete bene quello che dovete fare per iniziare a risparmiare sulla bolletta del gas. Mettete in pratica i consigli di questa guida e confrontate i prezzi di tutte le compagnie cliccando sul pulsante verde qui in basso (il servizio è totalmente gratuito). Promozioni, offerte e tariffe delle varie compagnie vengono da noi aggiornate ogni 24 ore. Non perdete altro tempo allora 😉

confronta offerte gas

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995