Sharing economy: risparmiare e guadagnare grazie alla condivisione

Sharing economy: risparmiare e guadagnare grazie alla condivisione
Il post ti è stato utile?
di | 22-03-2016 | Come risparmiare

La “sharing economy”, in italiano economia collaborativa, ha trasformato radicalmente le logiche economiche moderne e si basa sulla creazione di legami sociali come fondamento per lo scambio economico e per la cooperazione. Considerata come fenomeno emergente nei primi anni 2000, la “sharing economy” è oggi un trend consolidato che permette alle persone di risparmiare e guadagnare grazie alla condivisione di beni, servizi, attività e conoscenze.  

Sommario

Cos’è la “sharing economy”?

Partiamo dalla definizione: la “sharing economy” si propone come un modello economico collaborativo costruito intorno alla condivisione di risorse umane e materiali; si basa sulla partecipazione di diverse persone e organizzazioni nei processi di  creazione, produzione, distribuzione, commercio e consumo di beni e servizi.

Nata dalle sfide imposte da uno scenario economico sempre più competitivo, questo modello collaborativo risponde efficacemente alla crisi economica promuovendo forme di consumo consapevoli basate sul riutilizzo, sulla fiducia, sulla flessibilità e sulla condivisione. Forme di consumo sostenibili dal punto di vista ambientale, e socialmente utili perché permettono agli individui di risparmiare attraverso pratiche come lo scambio e il baratto.

Gli elementi comuni alla base della “sharing economy” sono:

  • condivisione di una stessa risorsa – oggetti, servizi, conoscenza, denaro, attività, spazi, etc
  • relazione peer to peer – relazioni che nascono tra pari
  • presenza di una piattaforma tecnologica – app per lo scambio delle relazioni

È proprio grazie alla rete e all’evoluzione tecnologica che queste pratiche collaborative si sono diffuse e differenziate. Infatti oltre alle piattaforme digitali (applicazioni, community e siti internet), che favoriscono la socializzazione fra gli individui, fanno parte dell’universo collaborativo anche forme come il coworking, il cohousing, il cofarming, ovvero fenomeni che, seppur diversi fra loro, sono accomunati da sistemi relazionali basati sul networking.

Internet è il veicolo capace di mettere in contatto tutte le persone che vogliono condividere qualcosa con coloro che, attraverso nuovi canali e nuovi modi di consumo, sono alla ricerca del risparmio senza però rinunciare alla qualità. La “sharing economy” permea tutti i settori e permette agli individui di acquistare e consumare beni e servizi attraverso molteplici applicazioni, community e siti web a prezzi decisamente più contenuti rispetto ai touch point tradizionali.

Anche in Italia il fenomeno della “sharing economy” registra una crescita sostenuta rispetto al panorama mondiale. Grazie alla mappatura delle piattaforme collaborative italiane realizzata da Collaboriamo (laboratorio di ricerca e sperimentazione per l’analisi dei fenomeni economico collaborativi), sappiamo che alla fine del 2015 le piattaforme attive nel nostro Paese erano più di 90.

Dall’analisi è emerso che la condivisione avviene a livello trasversale e riguarda diversi ambiti come:

  • beni, servizi e oggetti generici (20%) – Barattofacile, Ebay, Kijiji
  • strutture turistiche ricettive (10%) – AirB&B, CouchSurfing, Scambiocasa
  • carsharing (12%) – Car2go, Enjoy, Autolib
  • crowdfounding (30%) – Kapipal, Eppela, Starteed
  • social eating (5%) – Gnammo, Newgusto, Ploonge

Le ragioni che spingono gli individui a ricorrere alle pratiche collaborative sono riconducibili a valori quali i legami sociali, la necessità di risparmiare in un momento socio-economico difficile e la voglia di sperimentare forme di consumo considerate intelligenti e innovative.

Risparmiare e guadagnare grazie alla “sharing economy”

Dopo aver capito cos’è la “sharing economy” e quali sono gli ambiti di applicazione, una domanda sorge spontanea: come è possibile risparmiare, ma sopratutto guadagnare con l’economia collaborativa? Sfruttando e condividendo le risorse a nostra disposizione.

Molte sono infatti le persone che riescono a ricavare denaro dallo sfruttamento delle “risorse” che possiedono (si pensi all’automobile nel caso di BlablaCar, la casa in quello di AirB&B oppure dei propri talenti culinari in quello di Gnammo).

In Italia, come in Europa e in America, i servizi offerti grazie all’economia collaborativa rappresentano per gli individui un’interessante fonte di reddito. Ciò che sorprende è che questi individui non sono rampanti imprenditori inseriti nell’alta società, bensì persone comuni che utilizzano questo reddito per raggiungere serenamente la fine del mese; come gli imprenditori gestiscono autonomamente il proprio tempo decidendo se e quando accettare un lavoro, mettendo a disposizione il proprio talento, la propria macchina oppure il proprio appartamento.

Un ulteriore metodo per guadagnare, ottimizzando il proprio tempo compatibilmente con le attività quotidiane, è quello di utilizzare 6Semplice.it: la piattaforma online realizzata da ComparaSemplice.it che ti offre la possibilità di guadagnare e risparmiare svolgendo semplici attività (ad esempio scrivere articoli, diffondere link, presentare altri amici).
Partecipare e guadagnare con 6Semplice.it è facile, basta infatti iscriversi nella Homepage e scaricare la guida che, passo per passo, spiega come cominciare a guadagnare.

In queste righe abbiamo dato una definizione della “sharing economy” e mostrato alcune delle opportunità che l’economia collaborativa mette a disposizione per coloro che cercano nuovi modi per risparmiare e guadagnare attraverso questo nuovo modello economico.

Per partecipare alla condivisione e cominciare a guadagnare basta essere in possesso di una connessione Internet oppure mobile. Noi di ComparaSemplice.it ti consigliamo di comparare le migliori offerte Internet e telefono e di cominciare ad usufruire delle opportunità di condivisione!

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.