Enel fotovoltaico: nuova centrale nel deserto di Atacama in Cile

Enel fotovoltaico: nuova centrale nel deserto di Atacama in Cile
1.8 (35%) 8 votes
di | 21-09-2016 | Enel, Energia Rinnovabile, News e Varie

enel fotovoltaicoI lavori per una nuova centrale in Cile vedono coinvolta la divisione Enel fotovoltaico del gruppo italiano che controlla Endesa Cile, la maggiore società elettrica del paese. Si tratta di un progetto innovativo per l’America Latina, il primo impianto solare a concentrazione, e una volta ultimato sarà uno dei maggiori di tutto il mondo.

Il progetto che coinvolge Enel fotovoltaico

Il progetto, realizzato dalla società spagnola Albengoa, avrà una potenza di 110 MW e 10.600 eliostati disposti su una superficie di 700 ettari. Ciascun eliostato ha una superficie di 140 mq e concentrerà la luce solare su una caldaia posta a 220 metri di altezza. L’impianto potrà vantare inoltre un innovativo sistema a sali fusi per lo stoccaggio del calore, che garantirà quasi 18 ore di esercizio autonomo della centrale. In altre parole, l’impianto sarà in grado di fornire energia 24 ore su 24. I lavori, annunciati lo scorso maggio, dovrebbero prendere il via in queste settimane per completarsi a marzo 2017.

I costi dell’impianto

Per la realizzazione del progetto è stato investito un miliardo di dollari. A margine, si sta inoltre studiando un impianto-satellite da 120 MW, che si collocherebbe nella stessa zona di Cerro Dominador. Queste le dichiarazioni del responsabile di Albengoa, Manuel Sanchez:

“Stiamo costruendo una vera e propria miniera di sole, perché questo deserto è in effetti la più grande miniera di sole al mondo. L’1% del deserto di Atacama potrebbe consentire di installare 16.000 MW elettrici, che in termini energetici corrispondono a circa il 60% della potenza elettrica attualmente installata in Cile. Con 112 centrali come quella che stiamo realizzando il Paese sarebbe energeticamente indipendente”.

Il mercato cileno

Il progetto si inserisce nella politica energetica del paese sudamericano, sempre più orientato alle rinnovabili. È la scommessa del governo cileno per far fronte ai problemi di sussistenza energetica e abbattere dipendenza dalle importazioni e carenza di energia a basso costo. Inoltre il paese è considerato molto affidabile e vantaggioso in termini di legalità e apertura al mercato, favorendo gli investimenti stranieri.

Tra gli aspetti negativi va invece sottolineata l’economia ancora fortemente dipendente dal settore minerario, che da solo copre oltre il 35% dei consumi energetici nazionali. Pesa inoltre la carenza di elettricità e la complessità della rete elettrica, dovuta alla peculiare conformazione geografica.

Quest’ultimo fattore, del resto, finisce però per favorire lo sviluppo di progetti legati alle rinnovabili su scala locale, non solo nel solare (il deserto di Atacama detiene il record mondiale di scarsità delle precipitazioni), ma anche nella geotermia, nell’idroelettrico e nell’eolico.

La partecipazione di Enel fotovoltaico

La divisione Enel fotovoltaico del Gruppo Enel ha probabilmente fiutato le opportunità di questo paese, e al momento controlla la maggiore società elettrica, Endesa Cile. Inoltre Enel Green Power è molto attiva nel paese nei settori eolico, solare e geotermico.

Anche da noi il mercato delle rinnovabili è in forte espansione, come dimostrato anche dalle novità che vengono continuamente lanciate sul mercato dai maggiori fornitori. Il nostro portale ti permette di confrontare le offerte disponibili e individuare in pochi click la soluzione ideale per convenienza e rispetto dell’ambiente. Visita la nostra pagina!

offerte luce

0321.085995