Quanto pesano le rinnovabili sul fabbisogno energetico

Quanto pesano le rinnovabili sul fabbisogno energetico
Il post ti è stato utile?
di | 06-06-2014 | Energia Rinnovabile

pannelli20solari Le fonti di energia rinnovabile coprono oggi circa il 36% della domanda elettrica degli abitanti dell’Italia.

Cala l’apporto dal termoelettrico, mentre il fotovoltaico copre il 7,36% della domanda di energia elettrica.

L’energia pulita è ormai un contributo fondamentale per il fabbisogno del nostro Paese e dovrà rimanere nell’agenda dei governi perchè sappiamo quanto siano pessimiste molte previsioni sulla durata dell’attuale “economia basata sul petrolio”.
Lo dicono i dati forniti da Terna, la società che gestisce la rete di trasmissione elettrica lungo tutt’Italia.
Sebbene la domanda di energia per il mese di luglio 2013 sia diminuita del 3,6% rispetto allo stesso periodo del 2012, il peso dell’energia da fonti rinnovabili è sempre più elevato.

Offerte energia elettrica

 Per dare alcuni numeri utili a meglio comprendere i rapporti e i pesi, il contributo mensile delle rinnovabili elettriche nel complesso risulta del 40,5 per cento e sulla domanda del 35,9 per cento.
Quella del fotovoltaico in particolare è stata la quota più consistente: da solo, l’energia solare ha contribuito sulla offerta del mese per l’11,1% e sulla domanda per il 9,8%.

Il termoelettrico, invece, è in forte calo con un -14,1% rispetto al luglio 2012.
Se si considera un periodo più lungo, nei sette mesi che vanno da gennaio a luglio di quest’anno (rispetto allo stesso periodo del 2012) la produzione di energia da fonti rinnovabili nel complesso è stata del 39,9 per cento. In particolare, quella da fotovoltaico ha segnato un aumento del 19,8 per cento (quasi 3,3 TWh in più).
In grande crescita anche la produzione idroelettrica, +34% , e quella di energia eolica, con un aumento del 25,5 per cento!

Per quanto riguarda il computo dell’import-export, l’Italia è riuscita a soddisfare il proprio fabbisogno per l’88,2 per cento con produzione nazionale e per la quota restante con le importazioni.

La differenziazione su base macro-regionale infatti è stata molto netta: di 1,9 punti percentuali al Nord, di 4,3 al centro e di 5,3 al Sud.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.