Maxi aumenti luce e gas per i clienti del mercato tutelato nel 2018

Maxi aumenti luce e gas per i clienti del mercato tutelato nel 2018
5 (100%) 1 vote
di | 10-12-2018 | Energia

Come alla fine di ogni anno, anche per il 2018 è giunto il momento di fare un bilancio per quanto riguarda luce e gas. Purtroppo, come si era già intuito da qualche mese, si tratta di un resoconto molto negativo: secondo il Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori) il 2018 è stato un anno all’insegna dei rincari sulle bollette dell’energia per le famiglie italiane del mercato di maggior tutela.

L’Associzione dei Consumatori ha elaborato uno studio sull’aumento della spesa subito dagli italiani nell’ultimo anno, evidenziandone le cause. Ma è possibile tornare a risparmiare sulle bollette dell’energia e del gas?

Cerchiamo di rispondere a questa domanda.

Sommario

La denuncia del Codacons:2018 all’insegna degli aumenti su luce e gas

Secondo l’analisi elaborata dal Codacons, nel 2018 le famiglie che hanno stipulato un contatto per la luce e il gas in regime di mercato tutelato hanno subito un maxi aumento sul prezzo delle forniture, del valore complessivo di 1,32 miliardi rispetto al 2017: dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018, le offerte per l’energia elettrica hanno registrato un aumento dell’11,12% e quelle per il gas metano 13,67%. Facendo qualche conto, in media una famiglia ha speso, quest’anno, circa 93€ in più per luce e gas (32€ per la luce e 61€ per il gas a lordo delle tasse).

Secondo l’Associazione Consumatori la maggiorazione sulla spesa energetica è stata causata dalle tensioni nel settore energetico e dagli aumenti delle tariffe luce e gas. Ma una larga parte della colpa, sempre secondo il Codacons, è da imputare all’elevata tassazione sulle bollette dell’energia: ogni intestatrio di una fornitura elettrica, ad oggi, paga il 38,68% tra imposte e oneri per le fatture del gas e il 27,62% su ogni bolletta della luce. “Ciò significa- si legge nel comunicato- che su una spesa media annua per l’elettricità pari a 552€, la famiglia “tipo” ha pagato 152,4€ di imposte”. “Per il gas- viene specificato- a fronte di una bolletta annuale media di 1,096€, la stessa famiglia ha versato addirittura 424€ di tasse”.

Complessivamente le famiglie del mercato tutelato hanno versato nel 2018, 5,4 miliardi di imposte sulla fornitura di gas e 2,6 miliardi di euro di tasse e imposte sull’elettricità.

L’eccessiva pressione fiscale porta l’Italia ai primi posti della classifica di Paesi dell’Unione Europea dove luce e gas costano di più: già solo per il gas, il nostro paese si colloca al 5° posto in Europa per il gas più caro. Rispetto alla media europea gli italiani pagano il gas il 20,8% in più.

Per questo l’Associazione dei Consumatori ha lanciato una campagna su “Stop rincari energia” promuovendo la creazione di un gruppo di acquisto per ottenere sconti sulle bollette.

Come passare al mercato libero con ComparaSemplice.it

Dal 2007 per rispettare le normative imposte dalla Comunità Economica Europea in materia di libero mercato e concorrenza è stato parzialmente liberalizzato, anche in Italia, il settore della fornitura di energia elettrica e gas metano per i privati. Pertanto, oggi i consumatori hanno la possibilità di scegliere se continuare a rimanere in regime di maggior tutela, oppure, passare al mercato libero beneficiando delle migliori condizioni economiche delle offerte, scaturite dalla libera concorrenza tra i fornitori. Questa libertà di scelta terminerà, secondo le ultime direttive del Governo Italiano, a luglio 2020 quando il mercato dell’energia e del gas sarà completamente liberalizzato.

Perché conviene passare al mercato libero?

Mentre nel mercato tutelato i clienti non hanno la possibilità di scegliere il prezzo delle tariffe che meglio si possa adattare alle proprie esigenze di consumo, dato che il costo della componente energia e del gas è sancito dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA) ogni tre mesi, nel mercato libero questo è possibile. Inoltre in regime di mercato libero, non esistono clausole di permanenza e di obblighi per il cliente, che può cambiare liberamente fornitore e offerta. Grazie la mercato libero, dunque, non si corrono rischi di aumenti inaspettati come quelli denunciati dal Codacons per l’anno 2018. Spesso le tariffe dei fornitori sono a prezzo bloccato: ciò permette ai clienti che hanno sottoscritto l’offerta di non subire le variazioni dovute agli andamenti di mercato.

Passa al mercato libero con ComparaSemplice.it

Grazie alla libera concorrenza esistono sul mercato tante offerte diverse per condizione economiche e vantaggi. Se questo aumenta le possibilità di scelta, è vero anche, d’altra parte, che non è facile per i consumatori districarsi tra le vari tariffe. Un aiuto importante per riuscire a valutare costi e promozioni per la propria utenza è il comparatore di tariffe online. ComparaSemplice.it può aiutarvi a analizzare solo le tariffe del mercato che davvero possono soddisfare il vostro stile di consumo in base ai dati relativi alla vostra utenza, che potete fornire negli appositi spazi sul sito. Inoltre, potete ricevere una consulenza senza impegno da parte di un consulente esperto del settore energetico di ComparaSemplice.it che vi potrà consigliare l’offerta giusta e aiutare nell’attivazione.

Vi ricordiamo, infine, che il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero è gratuito e non prevede interruzioni di servizio.

 

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.