Bolletta Energia Sbagliata: come ottenere il rimborso

Bolletta Energia Sbagliata: come ottenere il rimborso
5 (100%) 2 votes
di | 29-10-2016 | Energia, Leggi Norme Regole

A volte può succedere che ci arrivi una bolletta dell’energia sbagliata. Se anche a voi è successo e non sapete come comportarvi per chiedere il rimborso, non dovete fare altro che leggere le righe che seguono: vi spieghiamo tutto noi! Una bolletta dell’energia può essere sbagliata in tanti modi diversi:

  • può avere un importo altissimo che non corrisponde agli effettivi consumi
  • può riportare i nominativi sbagliati
  • può avere dei dati non completi

Qualunque sia l’errore della vostra bolletta, la procedura per ottenerne il rimborso è una sola: leggete quanto segue e scoprirete tutto!

Bolletta energia sbagliata: tutti i passaggi del rimborso

Ottenere un rimborso dal proprio fornitore di energia elettrica a seguito di una bolletta sbagliata è un processo molto semplice che non richiede troppo dispendio di tempo.

Il primo passaggio è chiamare il servizio clienti della vostra compagnia fornitrice di energia. Il numero da chiamare è, solitamente indicato sulla bolletta, se così non fosse andate sul sito web della vostra compagnia.

Al momento della chiamata vi consigliamo di avere a portata di mano la seguente documentazione:

  • la bolletta sbagliata
  • da tre a quattro bollette precedenti quella sbagliata
  • il contratto che hai sottoscritto con la compagnia

Questa documentazione, e in particolare le bollette precedenti quella sbagliata, ti serviranno a dimostrare l’errore. Fai attenzione ad averle sottomano al momento della chiamata!

Una volta compiuto questo primo passaggio devi aspettare l’arrivo della bolletta successiva per scoprire se l’errore è stato corretto.
Se ciò non è avvenuto, il secondo passaggio prevede l’invio di un reclamo tramite raccomandata.

la raccomandata per chiedere il rimborso

L’invio di una raccomandata al tuo fornitore di energia elettrica è il secondo passaggio da compiere nel caso ti sia stata recapitata una bolletta dell’energia sbagliata e nel caso in cui la telefonata al servizio clienti non abbia avuto i risultati sperati.
Fai attenzione che – ufficialmente – la raccomandata con ricevuta di ritorno è l’unico mezzo formale per effettuare legalmente un reclamo.

Devi quindi inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno indicando i seguenti dati:

  • il tuo nome e cognome;
  • il tuo codice utente (lo trovi indicato in ogni bolletta)l’indirizzo al quale viene recapitata la bolletta sbagliata.

Inoltre nella raccomandata devi indicare le seguenti informazioni aggiuntive:

  • descrizione della bolletta sbagliata;
  • il pagamento in dettaglio;
  • l’errore;
  • il modo con cui vuoi ottenere il rimborso.

Ti consigliamo inoltre di allegare la fotocopia delle bollette corrette, in modo che servano da paragone con quella sbagliata.

A questo punto si aprono due vie:

1. Il gestore riconosce l’errore e effettua il rimborso secondo le seguenti modalità:

  • accredito in bolletta;
  • assegno;
  • pagamento su conto corrente

Se il rimborso avviene in un tempo superiore ai 90 giorni hai diritto alle seguenti indennità:

  • 20 euro tra 90 e 180 giorni;
  • 40 euro tra 180 e 270 giorni;
  • 60 euro oltre i 270 giorni

2.  Se, invece, il gestore non riconosce l’errore e non risponde alla raccomandata puoi ricorrere all’Autorità per l’energia elettrica e il gas che puoi contattare per posta mandando una raccomandata a:

  • Sportello per il consumatore di energia c/o Acquirente Unico via Guidubaldo Del Monte 72, 00197 Roma;

Se, purtroppo anche questa via non è praticabile, ti consigliamo di intraprendere vie legali e rivolgerti a un giudice di pace.

Non ti fidi del tuo fornitore e lo vuoi cambiare?Se hai avuto delle esperienze negative puoi votare il tuo fornitore e poi affidati ai nostri comparatori di tariffe, ti aiuteranno nella scelta giusta!

 

0321.085995