Bonus condizionatori 2018: quando richiederlo e cosa serve

Bonus condizionatori 2018: quando richiederlo e cosa serve
5 (100%) 1 vote
di | 23-04-2018 | Come risparmiare, Energia

Se avevate intenzione di cambiare il vostro impianto di climatizzazione di casa, il 2018 potrebbe essere l’anno giusto. Così come potrebbe essere il momento ideale per dotare di un climatizzatore l’appartamento che state ristrutturando. Il bonus 2018 sui condizionatori permette, infatti di detrarre parte delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione dei dispositivi di climatizzazione. Questa misura fiscale s’inquadra nell’ambito degli Ecobonus 2018 e interesserà le dichiarazione dei redditi 2018 da presentare il prossimo anno.

Sommario

Bonus condizionatori con ristrutturazione

Se le spese per l’acquisto e l’installazione dei dispositivi di climatizzazione rientrano nei costi per la ristrutturazione di un immobile, la detrazione prevista per gli interventi per migliorare l’efficienza energetica dell’immobile ammonta al 50% della spesa per l’acquisto del nuovo dispositivo ad alta efficienza energetica (a pompa di calore). Tale detrazione può ricadere sotto la voce delle ristrutturazioni o sotto la voce dell’acquisto dei grandi elettrodomestici  di classe minima A+.

  • Requisiti necessari: impianto di raffreddamento e riscaldamento (pompe di calore).
  • Tetto massimo di spesa edile: 96.000 euro (compreso condizionatore).

Bonus condizionatori senza ristrutturazioni

Il secondo caso nel quale si può usufruire della detrazione fiscale proposta dal bonus condizionatori 2018 è quello in cui si vada a sostituire il vecchio impianto di raffrescamento con un climatizzatore a pompa di calore più efficiente dal punto di vista energetico, sia per la climatizzazione estiva che per il riscaldamento invernale.

  • Requisiti necessari: sostituzione vecchio con nuovo impianto di raffreddamento e riscaldamento (a pompa di calore) ad alta efficienza energetica.
  • Tetto massimo di spesa: 46.154 euro.

L’Iva agevolata al 10% sull’acquisto del condizionatore

Oltre l’ecobonus e il bonus fiscale per la ristrutturazione, l’acquisto dei condizionatori può avvalersi anche dell’Iva agevolata al 10% (invece del 22%).

L’efficienza degli impianti a pompa di calore

Perché gli incentivi fiscali favoriscono i sistemi a pompa di calore? Questo tipo d’impianti per il condizionamento sono particolarmente efficienti, a livello energetico, sia per la climatizzazione estiva, che per quella invernale. Soprattutto quando impiegano il sistema con inverter per la modulazione della potenza, soluzione particolarmente indicata nel caso in cui l’impiego del climatizzatore sia protratto per molte ore consecutive.

Come richiedere il bonus 2018 per i condizionatori

Per poter richiedere la detrazione fiscale all’Agenzia delle Entrate per l’acquisto e l’installazione di un condizionatore secondo le condizioni sopra indicate, le spese devono essere documentabili e i pagamenti devono poter essere imputabili all’acquisto specifico.

Per tale motivo, sarà necessario il rilascio di una fattura da saldare con bonifico nel quale sia riportata la causale, il codice fiscale del contribuente interessato alla detrazione, la partita Iva e i riferimenti dell’azienda venditrice.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995