Bonus elettrico 2016: agevolazioni tariffe luce e gas

Bonus elettrico 2016: agevolazioni tariffe luce e gas
Il post ti è stato utile?
di | 23-03-2016 | Come risparmiare, Energia

Buone notizie per le famiglie a basso reddito: anche nel 2016 arriva il bonus elettrico, cioè il bonus luce e gas, quel complesso di agevolazioni riconosciuto a tutte le famiglie aventi un reddito basso, per ottenere uno sconto sulla bolletta di luce e gas. Vediamo però, nel dettaglio, quali sono i requisiti per poter accedere a questo bonus, i documenti che serve compilare, e dove presentare la richiesta per ottenere l’agevolazione luce e gas 2016.

Il bonus sociale luce e gas è una agevolazione per famiglie che si trovino in situazioni di disagio economico; può essere richiesta direttamente ai CAF. Il beneficio in questione è stato introdotto dal Governo nel 2009 come sostegno al reddito di persone in difficoltà economica.

Lo sconto viene applicato solamente alle famiglie che presentino un ISEE che risponda ai requisiti di legge. La domanda del bonus deve essere presentata ai CAF previa compilazione dei moduli appositi, e poi il CAF invia i documenti al Comune. La domanda del bonus sociale tariffa luce e gas, infine, viene gestita dallo SGAte, il Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle Tariffe Energetiche. Questo rappresenta, in estrema sintesi, l’iter procedurale che è necessario seguire per potersi veder riconosciuto il bonus elettrico e gas. Vediamo i requisiti necessari per accedere.

 

Possono ottenere il bonus luce e gas 2016 le famiglie che presentino un ISEE pari a 7.500 euro, che sale a 20mila euro per le famiglie con più di tre figli a carico. Il figlio a carico significa che il figlio è fiscalmente a carico dei genitori, che non abbia un reddito IRPEF superiore a 2840,51 euro al lordo, a prescindere da età, studi, tirocinio, ed a prescindere che conviva o noi coi genitori. Il bonus elettrico 2016 è usufruibile da tutti i clienti domestici che hanno installato nella propria abitazione un contatore elettrico fino a 3kw per nuclei fino a 4 persone, e fino a 4,5 kw per nuclei maggiori di 4 persone; che abbiano un ISEE secondo i canoni visti prima, vale a dire pari a 7.500€ o 20mila euro se con più di 3 figli a carico.

Il bonus luce per disagio fisico è previsto invece per tutti i clienti domestici aventi in casa una persona con malattia grave che deve necessariamente utilizzare apparecchiature elettromedicali per sopravvivere. Bisogna avere in questo caso la documentazione dell’ASL, l’indirizzo di installazione e l’inizio dell’uso da parte della famiglia. I bonus comunque sono cumulabili. Gli sconti della bolletta vengono aggiornati ogni anno, ed il bonus ha durata di 12 mesi, rinnovabili con richiesta al CAF. Bisogna presentare la domanda con la documentazione richiesta.

 

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995