Bonus Energia 2016: a chi e come richiederlo

Bonus Energia 2016: a chi e come richiederlo
Il post ti è stato utile?
di | 23-04-2016 | Energia, Gas, Leggi Norme Regole

bonus energiaScopriamo oggi insieme cos’è il bonus Energia, capiamo bene in cosa consiste, chi può richiederlo, quando e in che modo. Il Bonus Energia è una sovvenzione che aiuta tutti coloro che non superano una certa soglia di reddito al fine di sostenere in maniera autonoma le spese inerenti sia la bolletta della luce, sia la bolletta del gas naturale.

Cos’è il bonus Energia

Come abbiamo visto in apertura, il bonus energia è una sovvenzione che lo Stato fornisce alle famiglie meno abbienti con il preciso scopo di far fronte alle spese inerenti alla bolletta dell’energia. E’ dunque uno sconto che viene percepito in bolletta dal cittadino e dunque compensato con le spese energetiche. Il bonus energia vale solo per le utenze domestiche/residenziali.

Richiedere il Bonus Energia

Una volta capito cos’è il bonus Energia, cerchiamo di capire chi di fatto può richiederlo. Possono ottenere il bonus Energia queste categorie di persone:

  • un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 7.500€;
  • un nucleo familiare con più di 3 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000€;

bonus energiaAttenzione, chi richiede il bonus Energia può richiedere anche il Bonus Gas, che è l’equivalente supporto fornito dalle istituzioni per quanto concerne la bolletta del gas, ovviamente il bonus è calcolato per un nucleo familiare, ma viene intestato ad una persona fisica che fa parte di quel nucleo familiare.

Tipologie e importo Bonus Energia

Ricordiamo che il Bonus Energia rappresenta uno sconto, dunque una riduzione delle spese inerenti la bolletta della luce. In ogni caso i bonus vengono classificati per tipologia e caratteristiche. Il bonus energia per disagio economico dipende dai parametri ISEE che abbiamo appena visto, quello inerentie al disagio fisico può essere invece richiesto nei casi in cui il nucleo famigliare in stato di bisogno è composto dalla presenza di un soggetto che deve utilizzare necessariamente macchine elettromedicali per il mantenimento in vita.

  • Bonus luce disagio economico: la somma del bonus energie dipende dal numero dei componenti della famiglia: 1-2 componenti € 71,  3-4 componenti € 90, famiglie numerose che superano i 4 componenti € 153.
  • Bonus luce disagio fisico: l’importo annuale si basa esclusivamente sulla potenza contrattuale impiegata dunque fino o oltre i 3 kw e eventuali apparecchiature elettromedicali salvavita utilizzate: potenza contatore fino a 3 kW extra consumo rispetto a utente medio (2700/kWh/anno) fino a 600 kWh/anno € 173,  tra 600 e 1200 kWh/anno € 286 e oltre 1200 kWh/anno € 414. Attenzione anche ai parametri contatore da 4,5 kW in poi: fascia minima € 407, fascia media € 515 e fascia massima  € 623.

Dove Richiedere il bonus energia

E’ possibile richiedere il bonus energia presso:

  • il Comune di Residenza;
  • la Comunità Montana di appartenenza;
  • il Caf a cui si è registrati.

Documentazione da presentare

I documenti da presentare per attivare la richiesta del bonus Eenergia 2016 sono:

  • documento di identità;
  • Un eventuale allegato D  che rappresenta una delega (nel caso in cui la domanda è presentata da un delegato e non dall’intestatario della fornitura);
  • modulo A già compilato. Attenzione, se stiamo richiedendo un solo bonus è comunque sufficiente compilare i riquadri relativi alla sola fornitura (elettrica o gas) per la quale si sta facendo la domanda di agevolazione;
  • attestazione ISEE, obbligatoriamente in corso di validità;
  • allegato CF con i nomi dei componenti del nucleo ISEE al quale di vuole ascrivere l’agevolazione;
  • l’allegato FN che concerne il riconoscimento di famiglia numerosa, nei casi in cui l’ISEE è superiore a 7.500€ (ma entro i 20.000);

Il valore del bonus Energia 2016

In base ai componenti della famiglia viene valutato economicamente il bonus, l’importo è aggiornato annualmente dall’Autorità.
Per l’anno 2016 questi sono i valori.
  • Numerosità familiare 1-2 componenti 80 €
  • Numerosità familiare 3-4 componenti 93 €
  • Numerosità familiare oltre 4 componenti 153 €
Il bonus energia viene corrisposto in modo da essere scontato attraverso la bolletta, la corresponsione del bonus verrà erogatalampadina con mondo - energia elettrica e dunque suddivisa tramite tutte le bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda.
Come si può verificare tramite la bolletta di ricevere correttamente il bonus energia? E’ semplicissimo, all’interno del documento dovete guardare la voce “totale servizi di rete – quota fissa”, lì dovreste vedere nel dettaglio l’applicazione della compensazione e dunque la rilevanza del bonus.

Verifica corresponsione del bonus Energia

L’autorità governativa mette inoltre a disposizione del consumatore tutta una serie di possibilità per poter controllare l’avanzamento della domanda di ricezione del bonus, il cittadino potrà dunque verificare lo stato di avanzamento della sua domanda presso:
  • gli enti dove lo stesso utente ha fatto richiesta, Comune di provenienza, Comunità Montana: Caf, recandosi semplicemente presso questi uffici con la ricevuta della domanda stessa;
  • chiamando il numero verde 800.166.654 fornendo il codice fiscale o il numero identificativo della richiesta;
  • sul sito www.bonusenergia.anci.it, nella sezione riservata “Controlla on line la tua pratica“, alla quale si accede con il proprio codice fiscale e le credenziali di accesso. Le credenziali di accesso al sito di cui sopra vengono fornite all’utente in sede di presentazione della domanda.

Tempistiche bonus Energia

Bonus EnergiaNon esiste un tempo massimo in cui viene erogato il bonus energia. La domanda una volta effettuata passa attraverso un iter burocratico che prevede il controllo effettuato  da parte del Comune e di SGAte (Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle Tariffe Energetiche), il medesimo sistema informativo online che gestisce l’intero iter necessario. Il bonus una volta erogato ha una durata di 12 mesi e può essere rinnovato.

Potete verificare l’avanzamento della richiesta attraverso il sito ufficiale del  Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle Tariffe Energetiche

Rinnovo del bonus Energia

Una volta scaduto il bonus energia lo si può rinnovare? Sì. Il bonus Energia può essere però rinnovato solo se sussistono le condizioni di ammissione come descritto in apertura della guida, qualora il soggetto richiedente si dovesse trovare nella medesima situazione di indigenza allora è possibile rinnovare il bonus Energia facendo apposita domanda di rinnovo.

La domanda di rinnovo dev’essere espletata presso gli uffici comunali o i CAF circa un mese prima della scadenza dell’agevolazione in corso (in pratica se avete beneficiato di un anno di agevolazione, immaginiamo il 2013, il bonus energia scadrà il 31 dicembre del 2013, la domanda di rinnovo dev’essere effettuata dunque durante il mese di Novembre 2013).

A questo punto il sistema Sgate invia un’apposita comunicazione a tutti i clienti che sono beneficiari del bonus in prossimità della scadenza. Se ci fossero variazioni (reddito e componenti famiglia) questi sono i moduli da utilizzare:

  • Rispetto alla domanda già presentata (ad esempio è cambiata la composizione della famiglia) ecco il modulo A;
  • In caso di variazioni di reddito rispetto alla precedente domanda il modulo RS (rinnovo semplificato).

Variazioni Famiglia Reddito Fornitore

Cosa succede se alcune condizioni del vostro status famigliare cambiano? Se aumenta il reddito? Se cambiate fornitore energia?bonus energia Procediamo con ordine. Qualora un membro del nucleo famigliare che ha beneficiato del bonus dovesse ad esempio cambiare residenza, l’intestatario della bolletta deve prontamente avvisare l’autorità presentandosi presso il Comune di residenza o CAF presentando il modulo per la variazione della residenza (modulo VR).

E’ l’unica situazione in cui bisogna presentare in anticipo un modulo specifico, nei casi di cambiamento della situazione reddituale o aumento/diminuzione dei componenti del nucleo, è solo la domanda di rinnovo infatti il documento utile (vedi i documenti al paragrafo appena precedente). Il cambio del fornitore invece non dev’essere comunicato dall’intestatario della bolletta luce.

Cause di interruzione dell’erogazione del bonus Energia

Qui le cause che possono portare l’autorità garante ad interrompere l’erogazione del bonus:

  • I dati anagrafici sono stati dichiarati non correttamente;
  • Falsa dichiarazione ISEE;
  • Il contratto di energia elettrica da “uso residente” è divenuto “non residente”;
  • Il contratto di energia elettrica è stato intestato ad altro soggetto (voltura o subentro);
  • La tariffa da “uso domestico” diventa “uso non domestico”.

Confronto offerte luce e gas - Tariffe energia

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.