Bonus luce e gas 2019: chi può usufruirne e come fare

Bonus luce e gas 2019: chi può usufruirne e come fare
Il post ti è stato utile?
di | 25-09-2019 | Energia

Sei interessato a sapere se hai diritto al bonus luce e gas 2019? Si tratta di un’agevolazione importante che può rivelarsi provvidenziale per molte famiglie che faticano a gestire tutte le spese richieste per le varie utenze, spesso soggette anche ad aumenti piuttosto rilevanti. La misura consente di usufruire di uno sconto in bolletta ed una mossa ormai consolidata voluta dal Governo e messa a disposizione dei cittadini da parte dell’Autorità con il supporto dei Comuni. Ecco quindi tutte le indicazioni utili su quali sono le categorie che possono averlo, a quanto ammonta e come fare per poterlo richiedere.


Sommario

Bonus luce gas 2019: un aiuto importante per tantissime famiglie

Avere la possibilità di usufruire sin da ora delle tariffe valide con il mercato libero è certamente un importante vantaggio. Finalmente se si è clienti di un fornitore che non ci soddisfa appieno per tariffe e supporto si può passare a una società concorrente senza la necessità di sostenere spese e scegliere così un’offerta che si ritiene possa fare maggiormente al caso nostro.

A volte, però, questo potrebbe non bastare. Nonostante gli sforzi per provare a ridurre i consumi (ecco alcuni errori da non commettere se desideri davvero risparmiare) e, di conseguenza, anche le spese, spesso gli importi in bolletta restano comunque piuttosto elevati. Una soluzione per chi si trova in questa situazione è comunque disponibile: provare a richiedere il bonus luce gas 2019, un’agevolazione che si traduce in uno sconto effettivo in bolletta e disponibile ormai dal 2009 grazie a un provvedimento ad hoc voluto dal Governo grazie al supporto di Autorità e Comuni.

Per poter avere accesso alla misura è ovviamente necessario possedere alcuni requisiti ben definiti. Il sostegno può essere garantito alle famiglie che lo richiedono e che manifestano situazioni di disagio economico  e/o per disagio fisico indipendentemente dalla società a cui si è deciso di affidarsi per la fornitura di luce e gas per la casa.

Bonus luce 2019 – Chi può averne diritto

Non basta essere in difficoltà nel pagamento delle varie bollette per poter ottenere il bonus. Per quanto riguarda il bonus luce, la richiesta può avvenire sia da parte di chi ha problemi economici, ma anche da chi vive situazioni di disagio fisico.

Per quanto riguarda la prima categoria queste sono le caratteristiche di cui si deve essere in possesso:

  • Nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.107,5 euro;
  • In caso di nucleo familiare che sia composto da più di tre figli a carico il tetto massimo dell’indicatore ISEE diventa pari a 20 mila euro.

Anche l’abitazione di residenza deve possedere determinati requisiti:

  • Fino a 3 kW, per un numero di persone residenti fino a 4;
  • Fino a 4,5 kW per un numero di persone residenti superiori a 4.

Qualora si abbiano invece particolari problemi di salute si deve dimostrare di essere legati a un apparecchio salvavita.

Bonus Gas 2019 – Chi può averne diritto

La situazione è invece parzialmente differente per quanto riguarda il gas. La misura viene destinata a clienti domestici diretti o indiretti. È quindi necessario essere titolari di un contratto (anche in questo caso non ha alcuna importanza il fornitore scelto) ed è valida anche per gli utenti indiretti, ovvero quelli serviti da un impianto condominiale.

Queste le caratteristiche richieste:

  • essere parte di un nucleo familiare con reddito non superiore a 8.107,5 euro;
  • essere appartenenti ad un nucleo famigliare con più di 3 figli a carico e reddito non superiore a 20.000 euro;
  • misuratore di gas di classe non superiore a G6 (questodato  fa riferimento alla portata del contatore e viene verificato dal distributore. In un appartamento tipo la classe del misuratore gas è di solito pari a G4).

Da questo tipo di provvedimento sono però esclusi gli utenti che hanno optato per il GPL e il gas in bombole all’interno della propria abitazione.

La misura può essere ottenuta sia da chi ha già effettuato sin da ora il passaggio al mercato libero (clicca qui di seguito per sapere quali sono le conseguenze a cui potresti andare incontro se non dovessi metterti in regola al momento dell’abolizione della maggior tutela), sia da chi è ancora con il mercato tutelato. Il provvedimento è anche cumulabile: il sostegno può essere ottenuto sia da chi ha problemi sul piano economico sia da chi vive situazioni di disagio fisico.

Bonus luce e gas a quanto ammonta – Ecco le cifre

L’entità dello sconto a cui hanno diritto i beneficiari del bonus viene calcolata ogni anno da parte dell’ARERA. Pur non trattandosi di importi particolarmente elevati, si tratta comunque di una cifra che può rivelarsi un sostegno importante: in linea di massima si tratta del 20% (al netto delle imposte) della spesa annua per l’energia elettrica.

L’importo finisce per essere condizionato dal numero di persone che compongono il nucleo familiare. Il principio alla base di questa scelta è facilmente immaginabile: più la famiglia è numerosa, maggiori saranno le spese da sostenere per la fornitura di luce e gas.

Questi sono i valori validi per il 2019 per il bonus elettrico:

  • 25 euro per le famiglie con uno o due componenti;
  • 153 euro per le famiglie di tre o quattro componenti;
  • 184 euro per le famiglie con oltre quattro componenti.

Diversa è la situazione se invece se ne fa richiesta per disagio fisico. L’importo finisce per essere condizionato da elementi quali potenza contrattuale, apparecchiature elettromedicali salvavita utilizzate e tempo giornaliero di utilizzo.

  • per contratti fino a 3 kW:
    • 193 euro per consumi fino a 600 kWh all’anno;
    • 318 euro per consumi tra 600 e 1200 kWh all’anno;
    • 460 €  per consumi oltre 1200 kWh all’anno;
  • per i contratti con potenza impegnata oltre 3 kW:
    • 452 € per consumi fino a 600 kWh all’anno;
    • 572 € per consumi tra 600 e 1200 kWh all’anno;
    • 692€  per consumi oltre 1200 kWh all’anno;

Il bonus gas 2019, invece, consente in media una riduzione delle spese pari al 15% rispetto alla spesa annua. Il valore del bonus sarà differenziato avrà un valore differente a seconda di alcuni precisi requisiti:

  • tipologia di utilizzo del gas (solo cottura cibi e acqua calda, solo riscaldamento, oppure cottura cibi, acqua calda e riscaldamento insieme);
  • numero di persone che vivono all’interno della casa;
  • zona climatica di residenza: al Nord, ad esempio, si ha maggiore necessità di usufruire del riscaldamento rispetto al Suc.

Per conoscere il valore preciso è necessario consultare il sito dell’Autorità nella sezione dedicata ed effettuare il conteggio in tempo reale sulla base di tipologia di utilizzo del gas e numero di componenti del nucleo familiare.

Bonus luce gas modulo – Come richiederlo

È lo stesso cittadino, una volta saputo di avere diritto all’agevolazione, a doversi muovere attivamente per fare richiesta del bonus. Una volta compilati i moduli, questi dovranno essere consegnati presso il Comune di residenza o un altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune, come ad esempio i Centri di assistenza fiscale e i CAF, Comunità Montane, ecc.).

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
02 20011111

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.