L’IVA sull’energia elettrica: aliquota e cose da sapere

L’IVA sull’energia elettrica: aliquota e cose da sapere
5 (100%) 1 vote
di | 22-11-2018 | Energia

Quando si apre una bolletta della luce quello che si va immediatamente a leggere è l’importo fatturato. Tuttavia è importante sapere che, tale importo, scaturisce da una serie di spese sommate tra loro. Per conoscere tutte le voci della bolletta dell’energia elettrica potete leggere il nostro apposito approfondimento: Cosa si paga nella bolletta della luce? Tutte le voci di costo.

Oggi, dopo aver analizzato la differenza tra i costi variabili e fissi delle bollette, i servizi di vendita e gli oneri di sistema, vogliamo approfondire la sezione che riguarda le imposte obbligatorie e, in particolare, l’Iva sui servizi di energia elettrica.

Sommario

Bolletta della luce: le imposte

Nel dettaglio della bolletta della luce si trovano le imposte sulla fornitura dell’energia elettrica. Esse si dividono in:

  • Imposta erariale di consumo (accisa)
  • Imposta sul valore aggiunto (IVA)

Nel primo caso, l’imposta erariale di consumo, viene applicata alla quantità di energia consumata dal cliente indipendentemente dal contratto e dal fornitore scelto. Essa varia a seconda del consumo di energia in kWh: a parità di energia consumata si avranno importi identici stabiliti dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente .

Gli utenti domestici con contratto di fornitura usufruiscono di un’agevolazione sull’importo dell’imposta in caso di bassi consumi (fino a 1800kWh annui).

Al costo dell’accisa va aggiunta l’IVA, calcolata come percentuale sul valore di un kW di elettricità e dipende dal valor economico del servizio.

L’IVA sull’energia elettrica

L’imposta sul valore aggiunto, IVA, è applicata al costo complessivo del servizio. Attualmente l’aliquota applicata per la fornitura luce a uso domestico ammonta al 10% mentre per tutti gli altri usi al 22%.

Purtroppo però, sembra che a partire dal 2019, l’IVA sia destinata a aumentare.

Infatti, la Legge di Stabilità del 2015 (art. 45) ha introdotto un piano di salvaguardia dei conti dello Stato Italiano, puntando sull’aumento graduale dell’IVA. Qualora non si riusciranno a trovare le coperture per neutralizzare le clausole di salvaguardia, l’attuale IVA dal 1° gennaio 2019, al 24,2%, subirà aumenti importanti:

  • IVA aliquota ordinaria 22% > 24,2%
  • IVA aliquota ridotta 10% > 11,5%

Se dovesse scattare la clausola IVA nel 2019, gli aumenti dei prezzi colpirebbero tutte le famiglie e non esistono esenzioni per l’IVA sulle bollette della luce per utilizzo domestico.

Infine, è bene sottolineare che come i servizi di rete, anche le imposte riportate nella bolletta, non subiscono variazioni nel passaggio al mercato libero. Si tratta di costi stabiliti per legge e pagati indistintamente da tutti i consumatori in quanto necessari alla gestione del sistema elettrico nazionale.

Bonus sociale luce

Se, come abbiamo detto, non esistono agevolazioni sull’IVA per i clienti domestici, esistono, tuttavia, nel nostro Paese misure per aiutare le famiglie in difficoltà economica: si tratta del Bonus sociale per la fornitura di energia .

Il bonus luce è un’agevolazioni attiva da gennaio 2009, introdotta dal Governo Italiano e resa operativa dall’Autorità come misura sociale, per ridurre la spesa in energia elettrica delle famiglie in condizione di disagio economico e di quelle numerose e può essere richiesto al proprio Comune. Il bonus è previsto anche per i casi di disagio fisico cioè quando nel nucleo familiare è presente una persona in gravi condizioni di salute che richieda l’uso di apparecchiature salvavita alimentate a energia elettrica.

Si tratta, dunque, di uno sconto sulla bolletta della luce e del gas che può essere richiesto da tutti i clienti domestici possessori di un contratto di fornitura elettrica appartenenti:

  • A un nucleo familiare con ISEE non superiore a 8.107,5 euro.
  • A un nucleo familiare con più di 3 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro.
  • Se in casa vive un soggetto in gravi condizioni di salute che costringono la famiglia a fare uso costante di macchinari medici.

Nei primi due casi, si può richiedere il bonus per disagio economico. Nell’ultimo caso, invece, si può richiedere il bonus per il disagio fisico.

Nel caso in cui sussistano i requisiti per entrambi i bonus, le agevolazioni sono cumulabili.

Risparmia in bolletta con ComparaSemplice.it

Al mese, l’aumento dell’IVA ridotta che porterebbe l’aliquota dal 10% all’11,5%, comporterebbe un aumento di circa 0,69 centesimi al mese. Una spesa apparentemente irrisoria che, però, nell’anno costerebbe circa 8,25€ . La soluzione per trovare un buon risparmio in bolletta è scegliere trale migliori offerte sul Mercato Libero per abbattere il costo al kWh.

Con ComparaSemplice.it potrai confrontare a colpo d’occhio tutte le tariffe luce del mercato e avvalervi di una consulenza senza impegno dei nostri esperti specializzati nel settore energia, tramite chat nel sito o telefonicamente chiamando il numero 0321.085995.

 

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.