Nuovo conto termico approvato: ecco cosa cambia

Nuovo conto termico approvato: ecco cosa cambia
Il post ti è stato utile?
di | 28-01-2016 | Energia

conto-termico1Il nuovo conto termico è stato approvato dalla Conferenza Stato Regioni: quali saranno i cambiamenti in merito? È innanzitutto importante ricordare che manca la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che segnerà l’entrata in vigore a 90 giorni “dell’Aggiornamento del sistema di incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni”. Così è infatti chiamato il nuovo conto termico, che andrà a sostituire il vecchio conto in vigore dal 2012.

A disposizione ci sono 900 milioni di euro annui, dei quali 700 milioni sono destinati ai privati e alle imprese e 200 milioni alle pubbliche amministrazioni, alle cooperative di abitanti o sociali e alle società che hanno il patrimonio pubblico.

Per le sole pubbliche amministrazioni si tratta di interventi mirati alla trasformazione in edifici ad energia quasi zero, i cosiddetti NZEB, alla sostituzione dei sistemi di illuminazione con dispositivi dalla natura efficiente e all’installazione di tecnologie che interessano la gestione e il controllo virtuosi degli impianti termici ed elettrici, nonché la contabilizzazione del calore e i sistemi di termoregolazione.

Riscaldare casa con il gas oppure... quali altri sistemi per risparmiare?

Per quanto riguarda i privati, il nuovo conto termico interessa la sostituzione di impianti di climatizzazione invernali che sono in essere con impianti per la produzione di acqua calda che siano dotati di pompe di calore, la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di serre alimentate a biomasse e l’installazione di impianti solari termici destinati alla produzione di acqua calda sanitaria ad integrazione degli impianti di climatizzazione invernale, anche se essi sono abbinati a sistemi di solar cooling.

Sono interessati anche i sistemi relativi alla produzione di energia termica per processi produttivi e le immissioni in reti di teleriscaldamento o teleraffrescamento. La manovra interessa anche la sostituzione di scaldacqua elettrici con equivalenti a pompe di calore e la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con corrispettivi alimentati a pompa di calore.

L’incentivo, che di base può coprire il 40% della spesa, sale al 50% se si tratta di una zona termica E oppure F e se l’isolamento è accompagnato dall’installazione di nuovi impianti. In alcuni casi l’incentivo può raggiungere il 55% della spesa totale. Se l’edificio è mutato in un “edificio ad energia quasi zero”, la percentuale sale al 65%, anche per quanto riguarda l’installazione di sistemi di illuminazione efficienti.

Anche le spese per le diagnosi energetiche e per la redazione dell’Ape, qualora vi fosse l’idea di convertire l’edificio in uno a “energia quasi zero”, sono incentivabili al 100% per le PA e al 50% per i privati. I termini per ricevere le somme variano infine da 180 giorni a 90 giorni.

Riscaldare casa con il gas oppure... quali altri sistemi per risparmiare?

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.