Quando accendere un frigo nuovo: consigli per non sbagliare

Quando accendere un frigo nuovo: consigli per non sbagliare
5 (100%) 1 vote
di | 09-11-2018 | Energia

Un utilizzo consapevole e il più possibile corretto degli elettrodomestici di casa è raccomandabile non solo per non evitare sprechi di energia (ecco alcuni consigli utili da seguire), ma anche per non incorrere in guasti non previsti, a volte anche costosi. Non tutti lo sanno, ma sapere quando accendere un frigo nuovo è fondamentale per non provocare possibili inconvenienti e non generare problemi all’apparecchio già prima del suo utilizzo.

Ogni prodotto, indipendentemente dal marchio, ha certamente caratteristiche differenti, ma le accortezze da rispettare sin dall’arrivo a casa sono praticamente le stesse. Una volta fatto questo, è altrettanto utile capire come regolare al meglio la temperatura e riporre i cibi all’interno in maniera ben precisa se si desidera davvero trarre benefici al proprio portafoglio. Ecco quindi alcuni consigli utili per fare il possibile per non sbagliare.

Sommario

Quando accendere un frigo nuovo: cosa fare al momento della consegna

Il momento della scelta di un elettrodomestico nuovo per la casa è certamente importante e comporta spesso un miglioramento delle proprie abitudini più o meno quotidiane. A influire sulla decisione finale non deve essere solo il prezzo, di sicuro un elemento non da poco, ma anche le varie funzioni in dotazione. Si deve infatti partire dal presupposto di voler facilitare le varie attività da compiere quando ci si trova in cucina. Praticamente tutti i modelli disponibili sul mercato garantiscono un consumo di energia ridotto rispetto al passato e a beneficiarne non può che essere il portafoglio. Questo può essere possibile anche con una manutenzione periodica che può servire a diminuire il livello di usura.

Per non andare incontro a situazioni spiacevoli ed eventuali malfunzionamenti c’è un aspetto fondamentale che non deve essere dimenticato. Ogni acquirente deve innanzitutto conoscere quanto tempo aspettare prima di accendere un frigorifero. L’operazione, infatti, non deve avvenire in maniera immediata non appena l’apparecchio viene consegnato a casa. Ogni venditore, non appena l’acquisto è stato portato a termine, darà al cliente una raccomandazione indispensabile: aspettare almeno qualche ora prima di metterlo in funzione.  Questo deve valere anche per altri apparecchi quali il congelatore, sia a pozzo che verticale, il climatizzatore d’aria, per il deumidificatore, l’asciugatrice in pompa di calore, oltre che per tutti gli strumenti che lavorano utilizzando gas refrigerante. La sostanza lavora in combinazione con l’olio: grazie alla presenza di un circuito e di un compressore lo strumento può funzionare in modo regolare.

La posizione verticale, quella più naturale, favorisce il passaggio dell’olio all’interno del propulsore per consentire il tempo necessario per raggiungere la temperatura frigo. Fatto questo, sarà possibile iniziare a inserire i vari alimenti che si desidera conservare all’interno.

Si può coricare un frigorifero?

La normale collocazione di un frigorifero in casa (a meno che non si decida di puntare su un modello a pozzetto) è in verticale, ma può capitare che in fase di trasporto questo venga messo in una posizione differente. Qualora questo dovesse accadere è un bene o può provocare danni o possibili episodi di malfunzionamento?

La risposta a questo interrogativo non può essere del tutto positiva. In orizzontale, infatti, l’olio contenuto all’interno del motore può finire, in maniera pressoché automatica, nel circuito dell’elettrodomestico. Inevitabilmente la sostanza si mischia con il gas refrigerante. Si tratta di una questione non da poco: è proprio per questo motivo che è raccomandabile attendere qualche ora prima di accendere il dispositivo e iniziare a scoprirne le sue potenzialità.

Cosa accade in caso di accensione immediata

Per evitare di sbagliare e di incorrere in disagi non previsti può essere altrettanto utile sapere quali possono essere le conseguenze in caso di comportamento non adeguato. Se ho acceso subito il frigo nuovo, infatti, l’olio, anche solo in minima parte si sarebbe ormai spostato dal motore, sua collocazione naturale. Il rischio addirittura che il motore possa fondere è dietro l’angolo.

Al momento dell’arrivo dell’apparecchio a casa è quindi fondamentale informarsi (soprattutto se la consegna viene effettuata tramite un corriere) sulle modalità di trasporto. In caso di viaggio in verticale non dovrebbero esserci grandi rischi. La prima operazione che dovremmo compiere è quindi quella di dare una pulita al dispositivo; successivamente, se tutto appare in regola, si potrebbe anche provvedere nell’arco di pochi minuti all’accensione vera e propria.

Se invece ci viene comunicato che il trasporto è avvenuto integralmente in orizzontale la precauzione deve essere maggiore. È raccomandabile attendere quindi qualche ora prima di procedere con l’accensione per far sì che possa refrigerare in modo adeguato. Le accortezze che si devono mantenere non sono però finite qui. È infatti altrettanto utile collocarlo su un lato e non sul dietro o sul davanti per evitare di danneggiare l’evaporatore esterno. Se dovesse verificarsi un guasto di questo elemento il danno sarebbe tutt’altro che irrilevante: questo infatti provocherebbe la perdita di almeno parte del gas refrigerante, indispensabile per un regolare funzionamento. Mettendo invece il frigorifero sul davanti l’ammaccatura sarebbe dietro l’angolo già prima di poterlo utilizzare.

È poi necessario anche non mettere l’apparecchio a testa in giù per evitare che i circuiti possano danneggiarsi.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995