Quando accendere la lavatrice: consigli utili per risparmiare

Quando accendere la lavatrice: consigli utili per risparmiare
5 (100%) 2 votes
di | 31-10-2018 | Energia

Risparmiare nella gestione della casa (clicca qui per scoprire i consigli sulla gestione degli elettrodomestici) è ormai diventato un vero e proprio imperativo per molte famiglie. Forse non tutti lo sanno, ma bastano poche accortezze per raggiungere effettivamente questo obiettivo. È innanzitutto fondamentale capire quando accendere la lavatrice per non andare incontro a brutte sorprese in bolletta. I comportamenti devono essere modulati sulla base dell’offerta a cui si è deciso di aderire. Essere in possesso di un apparecchio con una classe di efficienza specifica è importante, ma è altrettanto consigliabile sfruttare l’elettrodomestico nelle fasce orarie in cui il consumo è minore.

Non si devono comunque dimenticare anche altre accortezze nell’utilizzo. Altrettanto utile può essere scegliere in fase di acquisto un dispositivo che garantisce un consumo di energia più basso. Tutto questo non farà che generare un risparmio che, alla fine dell’anno, sarà davvero tangibile.

Sommario

Quando accendere la lavatrice: risparmia con una tariffa bioraria

La lavatrice è un elemento indispensabile praticamente in tutte le case. A utilizzarla non sono solo le famiglie numerose che hanno la necessità di lavare i vestiti che vengono indossati nell’arco della settimana, ma anche i single che hanno poco tempo da perdere e costretti a dover gestire una quotidianità spesso davvero frenetica.

Un uso consapevole di questo elettrodomestico può avere notevoli benefici anche per il nostro portafoglio. Non è infatti sufficiente scegliere di puntare su un dispositivo caratterizzato da una classe energetica a basso consumo, pur con la consapevolezza di come la differenza possa essere notevole (un apparecchio A++ consuma fino al 50% di energia in meno rispetto a uno A).

Anche per chi trascorre diverse ore della giornata tra le mura di casa può essere consigliabile puntare su una tariffa bioraria per l’energia (scopri qui le differenze tra una soluzione monoraria e bioraria). Questa infatti consente di poter usufruire di un prezzo ridotto in alcune specifiche fasce orarie, in modo particolare la sera e durante weekend e festivi. Basta insomma qualche piccola accortezza per avere importanti benefici al proprio bilancio personale, programmando l’utilizzo dei grandi elettrodomestici nelle fasce più convenienti.

L’offerta luce bioraria, garantisce un risparmio in alcuni momenti ben specifici della giornata senza grosse differenze per i principali operatori. Il prezzo viene differenziato a seconda dei momenti di utilizzo dell’energia, che sono suddivisi in fasce definite dall’Autorità per l’energia. I costi differenti sono invece generati da un principio ben preciso. Di giorno, quando la domanda è maggiore, si paga di più.

La Fascia 1 è quella che prevede i costi maggiori e va solitamente dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19. Chi lavora difficilmente si trova a casa in questi orari e preferisce quindi utilizzare la lavatrice (ma anche l’asciugatrice, per chi ne è in possesso., e gli altri elettrodomestici) una volta terminati gli impegni quotidiani. Esiste poi una fascia intermedia, che solitamente va dalle 7 alle 8 e dalle 19 alle 23: in questo momento può essere utile utilizzare un programma di media durata della lavatrice. La Fascia 2 è invece quella che garantisce il maggiore risparmio e si colloca dalle 19 alle 8 nei giorni feriali, durante il weekend e nei festivi, indipendentemente dal giorno della settimana in cui cadono. Può quindi essere ideale dedicarsi alla gestione del bucato non appena si ha più tempo libero: a beneficiarne è innanzitutto il nostro portafoglio.

Un vantaggio economico è possibile anche in fase d’acquisto. L’obiettivo può essere raggiunto scegliendo una lavatrice programmabile. Questo consente di sfruttarla e impostare un lavaggio anche quando non si è a casa o si ha la necessità di andare a dormire prima. In alternativa, se la funzione non è disponibile si può optare per un timer elettrico pensato per lo stesso scopo. Sul manuale di istruzioni spesso è possibile trovare alcune raccomandazioni che possono rivelarsi utili.

Per una casalinga, che trascorre gran parte del proprio tempo tra le proprie mura domestiche, si finisce per pensare possa essere più utile puntare su una tariffa monoraria, che prevede un costo univoco per il consumo di energia. Ma è opportuno valutare se sia davvero la soluzione più conveniente. Il libero mercato spinge l’utente a informarsi costantemente sulle varie proposte disponibili e a scegliere le soluzioni più vantaggiose.

L’orario non è tutto

Concentrare l’utilizzo di un elettrodomestico così fondamentale in un determinato momento della giornata può essere certamente utile per il bilancio familiare, ma non è l’unico aspetto da prendere in considerazione se si desidera ridurre le spese.

È infatti altrettanto fondamentale sfruttare questo dispositivo solo quando è effettivamente necessario. Qualora non si abbiano esigenze particolari diventa infatti superfluo avviare l’apparecchio se non risulta a pieno carico. È inoltre consigliabile anche evitare di avviare il lavaggio a temperature eccessivamente elevate per un duplice motivo: non solo perché questo garantisce una maggiore delicatezza in caso di vestiti con tessuti o applicazioni particolari, ma anche perché in questo modo si finisce per consumare meno energia.

Mai dimenticarsi di effettuare una manutenzione periodica della lavatrice. Si tratta di un’azione fondamentale per allungare la durata del dispositivo, ma anche per evitare che il calcare che si deposita sul fondo possa danneggiare il bucato. Lo spreco di corrente anche in questo caso è praticamente dietro l’angolo.

Molti, più per abitudine piuttosto che per reale necessità, scelgono di impostare la fase di prelavaggio, operazione che può essere utile soprattutto per smacchiare le situazioni più difficili. In realtà, questa porta a un consumo eccessivo di acqua e di elettricità, ma è indispensabile solo in caso di sporco davvero difficile da cancellare.

Insomma, risparmiare energia elettrica senza rinunciare all’uso della lavatrice è davvero possibile. Basta sapere quando accenderla e come programmarla.

 

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995