Quanto è aumentata la luce elettrica?

di | 22-11-2021 | Energia, News e Varie

L'aumento delle bollette della luce è stato un tema ricorrente di qualche mese fa. Qual è la situazione attuale? È veramente aumentata l'energia elettrica?

Quanto è aumentata la luce elettrica?
Confronta

A fine estate, diverse dichiarazioni provenienti da fonti istituzionali hanno fatto scattare l’allarme dei consumatori: con l’ultimo trimestre 2021 c’era da attendersi un’impennata dei prezzi dell’energia elettrica. A trimestre inoltrato, possiamo vedere se e cosa è cambiato effettivamente e quanto è aumentata la luce nelle nostre bollette, analizzando i costi effettivi che si stanno sostenendo.

Sommario

Quanto è aumentata la corrente elettrica

Andamento prezzo bolletta al kWh

Fonte: ARERA – Andamento prezzo dell’energia elettrica in bolletta (c€/kWh)

Vedendo i dati riportati da Arera, rimangono pochi dubbi: il prezzo dell’energia elettrica è aumentato. Ad oggi, un consumatore medio (3 kW di potenza, 2.700 kWh di consumo annuo) sul mercato tutelato spende circa il 29,75% in più sul prezzo al kWh finito in bolletta rispetto al trimestre precedente. Vale a dire 6,81 centesimi di euro in più da sostenere per ogni kWh consumato.

Si tratta del prezzo più elevato dal 2013 a oggi.

Andamento prezzo materia energia in bolletta al kWh

Fonte: ARERA – Andamento prezzo della materia energia in bolletta (c€/kWh)

 

Andando ad analizzare le componenti di prezzo della bolletta, possiamo renderci conto di cosa ha effettivamente impattato sugli aumenti di questo autunno.

Spesa per la materia energiaSpesa per trasporto e gestione contatoreSpesa per oneri di sistemaImposte

 

III trim 2021IV trim 2021III trim 2021IV trim 2021III trim 2021IV trim 2021III trim 2021IV trim 2021
13,55 c€/kWh22,18 c€/kWh4,01 c€/kWh4,01 c€/kWh2,44 c€/kWh0 c€/kWh2,89 c€/kWh3,51 c€/kWh
+63,69%0%-100%+21,45%

Grazie all’intervento di Arera, le spese per gli oneri di sistema sono state annullate per questo trimestre, così come è stata congelata la spesa per il trasporto e la gestione del contatore (anche se rimane la più elevata sostenuta negli ultimi otto anni). Dalla tabella qui sopra, è facile capire qual è la voce di costo della bolletta alla quale imputare l’aumento della luce: la spesa per la materia energia. Un incremento che si riflette proporzionalmente anche sulle imposte.

Andamento spesa trasporto e gestione contatore in bolletta

Fonte: ARERA – Andamento spesa trasporto e gestione contatore in bolletta (c€/kWh)

Perché è aumentata la luce?

Il rincaro della bolletta della luce, come si è visto, è da far risalire all’aumento della spesa per la materia energia. Per capire il perché di questo incremento, bisogna guardare ai mercati delle materie prime.

La ripresa della domanda di gas naturale che ha seguito i lockdown 2020/2021 e l’aumento dei costi dei certificati energetici hanno contribuito a innalzare il costo della produzione di energia elettrica.

Per rispondere, dunque, alla domanda: “Chi ha deciso l’aumento delle bollette?”, si può dire che paghiamo di più la luce per “colpa” delle dinamiche di mercato. Tuttavia, non c’è da rassegnarsi al fatalismo dell’andamento dei prezzi sui mercati all’ingrosso, perché è lo stesso libero mercato che può fornire un’occasione di risparmio.

Come risparmiare sull’energia elettrica

Ad oggi siamo tutti consumatori attenti. Grazie all’educazione contro lo spreco energetico e la disponibilità sul mercato di elettrodomestici ad alta efficienza, possiamo ridurre i consumi elettrici, senza rinunciare ai comfort domestici.

Il mercato libero dell’energia ci ha insegnato un’altra cosa: accanto all’attenzione ai consumi, il risparmio in bolletta arriva anche da un contratto conveniente con il fornitore. Grazie alle molteplici offerte luce, si può cogliere l’occasione di tariffe scontate e bloccate o su sconti una tantum che alleviano il peso dell’energia elettrica sul bilancio familiare.

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.