Rapporto Terna: settembre 2018, consumi energia elettrica +3,6%

Rapporto Terna: settembre 2018, consumi energia elettrica +3,6%
5 (100%) 1 vote
di | 23-10-2018 | Energia

Il 2018 è stato un anno che ha posto sotto particolare stress tutta la filiera del mercato energetico globale. In Italia, gli aumenti di prezzo sui mercati d’approvvigionamento dovuti a questioni geopolitiche internazionali e alle contingenze climatiche, si sono sommati a un aumento della domanda interna, così come evidenziato anche dal rapporto mensile di Terna (l’operatore di reti per la trasmissione dell’energia elettrica). In Italia, a settembre 2018, si è registrato un +3,6% dei consumi di elettricità rispetto a un anno fa.

Sommario

Settembre chiude i primi nove mesi 2018 di maggiore domanda energetica

I primi nove mesi del 2018 si sono caratterizzati per un incremento della domanda energetica dello 0,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un trend che è stato senz’altro influenzato dalle temperature record di questa lunga estate: a settembre 2018, la temperatura media mensile è stata di 2°C più alta della media di settembre 2017. Il maggiore ricorso alla climatizzazione, sia in ambito residenziale che in ambito industriale, ha impattato sul consumo lungo tutto lo stivale (+2,9% al Nord, +4% al Centro e +4,7% al Sud).

Si tratta del terzo mese consecutivo di crescita congiunturale, che ha portato i consumi dei primi nove mesi del 2018 a raggiungere quota 242,2 miliardi di kWh.

88,8% di domanda soddisfatta dalla produzione nazionale

La produzione energetica interna è riuscita a soddisfare l’88,8% della domanda di energia elettrica di settembre. L’offerta nazionale è aumentata del 6,2% rispetto a settembre 2017, con una crescita marcata della produzione fotovoltaica (+14,4%), mentre sono in flessione le altre FER (Fonti energetiche rinnovabili): -2% dall’idrica, -30,1% dall’eolica. Rimane stabile la fonte geotermica. In generale, c’è da segnalare una flessione della produzione da FER rispetto a settembre 2017 di -2,6%.

In aumento anche l’energia prodotta da fonte termica: +10,4% (di cui biomasse -3,4%).

Importazione energia -18,5%, export -57,6%

A settembre 2018, a fronte di una maggiore domanda di energia, il sistema energetico italiano ha risposto con una maggiore produzione interna (+6,2%), ricorrendo meno all’import. Le importazioni sono, infatti, calate del 18,5% rispetto a settembre dell’anno precedente. Il trend dell’import sui primi nove mesi dell’anno, invece, risulta in aumento (+12,1%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’export, d’altra parte, risulta essere in calo (-57,6%), andando nel senso del trend annuale (-43,3%).

Chi ha consumato di più, chi di meno

A livello territoriale, come si è visto, l’aumento della domanda, a settembre, è stato generalizzato: più contenuto al Nord (+2,9%) e più pronunciato sul resto dell’Italia (+4% al Centro, +4,7% al Sud). Nello specifico, quali sono state i grandi centri urbani che hanno assorbito più energia elettrica per soddisfare il proprio fabbisogno?

La differenza percentuale rispetto all’anno precedente, vede in testa alla classifica Roma, con un +5,9%. Segue Cagliari, con +5,6%. La differenza minore, anno su anno, c’è stata a Torino, con il -1,3% e Venezia, con il 3,1%. La domanda energetica di Milano è aumentata del 3,5%.

In termini di volumi di giga watt assorbiti, invece, in testa rimane Milano, con 5.823 GWh. In seconda posizione c’è Firenze, con 4.268 GWh. La Capitale, a settembre 2018, ha assorbito 3.735 GWh di energia elettrica.

Chi siamo


Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.