Servizio Elettrico Nazionale chiude? Ecco cosa avverrà

di | 15-12-2021 | Luce e Gas

Con il Decreto mille proroghe si ha una data definitiva: dal 1 Gennaio 2023 il Mercato Tutelato cesserà di esistere. Coinvolti nel passaggio al mercato libero 16 milioni di utenze domestiche e 200.000 PMI

Servizio Elettrico Nazionale chiude? Ecco cosa avverrà
Confronta

Se hai un’utenza nel Mercato di maggior tutela, saprai che il Servizio Elettrico Nazionale chiude, a meno che non ci siano ulteriori rinvii, dal 1 gennaio 2023. Sarà, dunque, necessario il passaggio a fornitori di luce che operano nel mercato libero. Vediamo passo passo come avverrà la fine del mercato tutelato e come migrare le proprie utenze, sia domestiche che aziendali, a fornitori in libera concorrenza.

Sommario

Altri approfondimenti che potrebbero interessarti:

Servizio Elettrico Nazionale chiude: le tappe

Con il Decreto Mille Proroghe emanato nel febbraio 2021, si è giunti ad una data (sembra) definitiva per la chiusura del Mercato Tutelato. Il servizio di maggior tutela, sarà garantito ancora per tutto il 2022. Dal primo gennaio 2023 tutti i fornitori che operano in questo mercato, chiuderanno i battenti. Di conseguenza, gli utenti si troveranno nella condizione di dover cambiare fornitore di elettricità.

La fetta di mercato è molto ampia: 16 milioni sono infatti le utenze domestiche che usufruiscono della fornitura nel mercato di maggior tutela, mentre circa 200.000 sono le PMI.

La proroga del febbraio scorso, è la quarta che posticipa la chiusura del mercato tutelato. Difatti già nel 2017 si era tentato di accelerare i tempi. Risultiamo tra gli ultimi paesi europei che ancora hanno due mercati dell’energia: uno a maggior tutela e l’altro libero.

La chiusura del Mercato Tutelato non deve spaventare gli utenti. 

Seppur l’aggettivo ‘Tutelato’ crea rassicurazione, la libera concorrenza, anche per un prodotto non tangibile come la corrente elettrica, propone delle offerte decisamente convenienti. Vediamo nel dettaglio come effettuare il passaggio ai nuovi fornitori.

Le utenze domestiche

Se apprendi ora la notizia che il Servizio Elettrico Nazionale chiude e sei un cliente, ti starai chiedendo che cosa accadrà. Come già riportato all’inizio dell’articolo, dal 1 gennaio 2023 il Mercato Tutelato vedrà la sua fine. Le utenze domestiche dovranno migrare verso il mercato libero, quindi sarà obbligatorio sottoscrivere un nuovo contratto. Il passaggio potrà essere effettuato in qualsiasi momento e la scelta sarà completamente libera.

Il tempo a disposizione è ampio ma è fondamentale scegliere in tempo e, soprattutto, una soluzione il più possibile vicina alle tue reali esigenze.

Innanzi tutto il passaggio è totalmente gratuito. Senza alcun costo si può richiedere la disdetta dal Servizio Elettrico Nazionale e passare ad un operatore del libero mercato.

Per chi non facesse in tempo a cambiare operatore entro la data stabilità, avrà a disposizione 6 mesi di proroga, quindi fino al 1 luglio 2023. Difatti come si legge nella delibera 497/2020/I/eel intitolata:

Parere in merito allo schema di decreto del Ministro dello Sviluppo Economico che definisce le prime modalità per favorire l’ingresso consapevole dei clienti finali nel mercato libero dell’energia elettrica

a tutti gli utenti che non hanno effettuato il cambio, verrà assegnato un fornitore provvisorio con un’offerta PLACET (Prezzo Libero a Condizioni Equiparate di Tutela). In questo arco di tempo, non ci sarà alcun obbligo contrattuale e l’eventuale passaggio non prevede more o penali.

Qualora si superasse anche la proroga, il contratto di fornitura sarà assegnato automaticamente ad un fornitore selezionato tramite delle procedure concorsuali.

Le utenze delle PMI e microimprese

La questione riguarda anche le PMI e le microimprese. Dal primo gennaio 2021, le imprese con determinati requisiti, hanno già affrontato il passaggio al libero mercato. I requisiti rispondenti al passaggio obbligatorio sono i seguenti:

  • Un numero di dipendenti tra 10 e 50
  • Un totale di bilancio annuo o un fatturato annuo compreso tra i 2 e i 10 milioni di euro
  • Almeno un punto di prelievo connesso in bassa tensione
  • Senza tutti i precedenti requisiti ma con una potenza impegnata superiore ai 15kW

Dal 1 gennaio 2023, ciò riguarderà anche le microimprese.

La procedura del passaggio sarà dunque la medesima che è stata applicata per le PMI che rientravano nei requisiti appena elencati.

Di seguito una tabella riassuntiva dei vai passaggi procedurali:

Dal 1° gennaio 2023 al 30 giugno 2023Per i primi 6 mesi tutte le imprese che non sono passate al libero mercato, rimarranno con il vecchio fornitore in via del tutto temporanea. Le condizioni contrattuali risulteranno coincidenti con le offerte PLACET già esistenti.Il prezzo di mercato della componente energia sarà variabile e legato al PUN, il Prezzo Unico Nazionale.
Dal 1° luglio 2023Tutte le imprese che ancora non saranno passate al libero mercato, verranno assegnate a fornitori selezionati tramite una gara nazionale che si aggiorna ogni tre anni.Il prezzo di mercato della componente energia sarà variabile e legato al PUN, il Prezzo Unico Nazionale.

La bolletta cambierà?

Assolutamente no. Le voci al suo interno saranno le stesse. Resterà sempre il dettaglio dei consumi, il grafico a torta che rappresenta la sintesi degli importi fatturati, le comunicazioni al cliente e ovviamente i dati della tua fornitura. 

Chiaramente il cambio non prevedrà la sostituzione del contatore. Resterà tutto invariato tranne, ovviamente, il costo al kWh o il costo del Smc se si tratta di una fornitura di gas.

Voci di spesa, queste ultime, non più determinate dall’ARERA, l’autorità che stabilisce il regime tariffario  proprio per il mercato tutelato, ma dal fornitore stesso di energia.

Cosa fare se il Servizio Elettrico Nazionale chiude

L’utente, sia domestico che aziendale, può effettuare il passaggio in qualsiasi momento. Esso ha la piena libertà di poter scegliere il fornitore del servizio nel libero mercato. Il nostro consiglio è quello di consultare il comparatore di offerte luce e gas di ComparaSemplice.it, in cui potrai trovare le migliori offerte energia sul mercato, senza trascurare le tue reali esigenze, sia economiche che qualitative.

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.