Stop alle lampadine alogene: ecco quanto consumavano più del led

Stop alle lampadine alogene: ecco quanto consumavano più del led
5 (100%) 1 vote
di | 24-08-2018 | Energia

Settembre 2018: nel calendario dell’efficienza energetica, questa data sarà ricordata come quella in cui si celebra l’addio alle lampadine alogene in tutta Europa. In particolare, scompariranno dal mercato le lampade non direzionali con classe energetica D.

Il bando di questo tipo d’illuminazione energivoro risale al Regolamento n 244/2009 della Commissione Europea, che avrebbe dovuto entrare in vigore già nel 2016, ma che è stato posticipato di due anni. La decisione è stata dettata dall’attesa della maturazione del mercato delle lampadine a led e, dunque, dall’attesa per una loro maggiore diffusione e per un abbattimento del prezzo al dettaglio di questa tecnologia d’illuminazione.

Sommario

Quali lampadine alogene non possono più essere vendute

Dal 1° settembre 2018 scompariranno dagli scaffali di materiale elettrico a uso domestico le lampadine alogene. Tuttavia non è ancora l’addio definitivo alle lampade a incandescenza con gas alogeno. Le prime a scomparire sono quelle meno efficienti: quelle non direzionali con attacco a vite (E27 e E14) e quelle con attacco speciale (G4 e GY6.35). Le lampadine alogene con attacco R7 e G9 e con classe energetica minima di C continueranno ad essere commercializzate.

Fortunatamente, la produzione di lampadine a led, negli ultimi anni, si è evoluta a tal punto da produrre bulbi che possono sostituire le alogene bandite, senza dover intervenire troppo sui sistemi d’illuminazione che le impiegano.

Perché non si vendono più le lampadine alogene

La motivazione dello stop da parte dell’UE alla produzione e commercializzazione delle lampade alogene è semplice: in questo modo, i consumatori saranno costretti ad acquistare le tecnologie d’illuminazione a led. Una tecnologie che garantiscono un maggior risparmio energetico a parità di performance.

Continuate a leggere questo approfondimento per scoprire quanta energia si risparmia sostituendo il led all’alogeno.

Quanto si risparmia senza le lampadine alogene

Si tratta di una lampada a incandescenza. Ma, grazie all’utilizzo di gas alogeno (iodio o bromo) è in grado di aumentare l’efficienza luminosa, offrendo una luce più brillante e consumando il 20% in meno di una classica lampadina a incandescenza (già scomparsa dal mercato da qualche anno).

Per sviluppare 1.600 lumen, avremmo bisogno di una lampada alogena da 72 Watt. Con una lampadina a led ci bastano 15 Watt. Ipotizzando un’accensione di 2.000 ore in un anno, sostituendo una lampadina alogena con una lampadina a led risparmieremmo circa 25€ in bolletta.

Senza contare la vita media di ciascuna lampadina: le led possono durare fino a 25 volte in più rispetto alle oramai pensionate alogene.

0321.085995