Umidità in casa: come sconfiggere l’umidità di risalita

Umidità in casa: come sconfiggere l’umidità di risalita
Il post ti è stato utile?
di | 17-11-2015 | Energia

L’umidità in casa è davvero una cosa fastidiosa, si verifica purtroppo non di rado. L’umidità coinvolge i nostri ambienti in una miriade di modi, attacca le pareti dei nostri locali non sempre alla stessa maniera. Per questo quando si tratta di umidità di risalita sappiamo con certezza che è una situazione alla quale dobbiamo porre rimedio velocemente prima di incorrere in brutte sorprese.

Abbattere il fenomeno dell’umidità nella nostra abitazione è di fondamentale importanza per poter avere una temperatura giusta in casa che non sia dannosa per la nostra salute. Il nostro corpo non a caso è un recettore di temperatura e deve stare in un ambiente salubre oltre che ben acclimatato, specie se la stagione presenta tutta una serie di condizioni climatiche alquanto sfavorevoli.

Cos’è l’umidità di risalita?

Vi sarà capitato diverse volte di vedere alcune macchie di umido coinvolgere le pareti di un edificio come “onde orizzontali” provenienti dal basso, con aloni umidi che sembrano quasi fuoriuscire dal suolo e dunque galleggiare a pochi metri dal terreno, questa è l’umidità di risalita. In pratica l’umidità di risalita la si deve senza dubbio attribuire alla risalita capillare dell’acqua proveniente dal terreno, che agisce attraverso i pori e alcuni minuscoli canali che si stagliano tra i materiali e i leganti da costruzione. Una volta che il fenomeno corrosivo attacca il muro l’intonaco tende a sfaldarsi e l’interno della parete ad inumidirsi, bisogna immediatamente intervenire!

Come intervenire

Per bloccare il flusso di risalita dell’acqua bisogna mettere un ostacolo orizzontale all’interno della muratura. In più si deve permettere a quest’ultima di asciugarsi perfettamente. Occorre poi trattare in modo opportuno i sali depositati sulle pareti, per impedire loro di sciogliersi in acqua e di ricreare problemi.

Come venirne a capo, ecco tre rimedi possibili:

  • barriera chimica (iniettando nelle pareti colpite dei prodotti specifici)
  • barriera meccanica (tagliando il muro)
  • elettrosmosi attiva (attraverso l’applicazione di elettrodi)

Questi metodi funzionano diversamente, si distinguono inoltre per i materiali impiegati nel metodo di risanamento. Un tecnico soltanto può valutare concretamente quale sistema adottare, i fattori che incidono nella scelta sono: il volume del danno, la posizione del danno e il materiale con cui è realizzata la costruzione. Affidatevi dunque a tecnici specialisti e fate attenzione, il fenomeno umidità non deve mai essere sottovalutato.

L’inverno è alle porte, è il momento di trovare l’offerta luce e gas adatta alle tue esigenze.
Risparmia con ComparaSemplice.it, il comparatore online di tariffe che rende tutto semplice ed efficace con un solo clic del mouse!

 

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV