Connessione GPON: cos’è e come verificare la copertura

Connessione GPON: cos’è e come verificare la copertura
5 (100%) 3 votes
di | 27-08-2018 | Fibra, Internet ADSL e Fibra

Molti di voi in questo periodo avranno sentito parlare di connessione dati ad altissima velocità e in particolare del GPON: che cos’è e come verificare la copertura? Vediamo nel dettaglio di cosa stiamo parlando, ricordandovi prima che su ComparaSemplice.it potete in qualsiasi momento effettuare un confronto tariffe fibra per trovare le soluzioni più interessanti del periodo, in modo tale da risparmiare sulla bolletta Internet per la casa.

Sommario

Cos’è la connessione GPON e come funziona

GPON è un acronimo di Gigabit Passive Optical Network, una tecnologia molto interessante che permette di diffondere la fibra ottica FTTH in modo più flessibile e a meno costo rispetto ai sistemi più “tradizionali”. Il funzionamento è molto semplice: anziché una connessione “uno a uno”, decisamente più dispendiosa, viene adottato un sistema “uno a molti”, ad albero, dove vengono connessi in un’unica centrale fino a 64 clienti diversi.

Per quanto riguarda il download, attraverso l’uso dei ripetitori ottici passivi (i cosiddetti POS o semplicemente “splitter”), i segnali provenienti dalla centrale vengono moltiplicati permettendo delle velocità molto alte: attualmente si arriva ad un massimo di circa 2,4 Gigabit al secondo, ma sono molte le sperimentazioni che superano ampiamente tali velocità. In upload, invece, i dati inviati dai clienti vengono ordinati dai POS in ordine temporale, per passare poi dalla centrale alla rete Internet.

Questo tipo di tecnologia, oltre ad un abbattimento dei costi relativi a scavi, pose, etc… permette sia di risparmiare sull’energia elettrica, sia di avere la massima efficienza possibile, aumentando contemporaneamente le prestazioni della connessione Internet, pur non avendo una centrale vicina (è possibile sfruttare al massimo una rete FTTC con la tecnologia GPON anche se ci si trova a 40 km di distanza dalla centrale).

Il sistema punto-multipunto, quindi, è importantissimo per usufruire delle connessioni in fibra ottica più performanti attualmente disponibili sul mercato, ad esempio per le reti a 1000 Mega o 1 Gbps in download e a 200 Mega in upload. Grazie al GPON, oltre alla rete Internet “standard”, è possibile trasmettere altri servizi, come ad esempio la TV, con la massima affidabilità.

Come abbiamo accennato in precedenza, i test e gli aggiornamenti sono numerosi e presto la tecnologia GPON a livello commerciale potrà fornire prestazioni molto più alte rispetto a quelle attuali (ci sono sperimentazioni con connessioni da ben 40 Gigabit al secondo). È già possibile, inoltre, utilizzare un sistema di splitter per far accedere ad un unico punto il doppio degli utenti, quindi 128, pur mantenendo altissime le performance.

Il Gigabit Passive Optical Network, quindi, è uno strumento cruciale per permettere di risparmiare km di fibra e riuscire comunque a raggiungere il maggior numero di utenze possibili, grazie ad una flessibilità e una convenienza in termini di costo davvero importanti.

Come verificare la copertura

Sul mercato, come saprete, sono molte le compagnie che offrono tariffe in fibra ottica ad altissima velocità attraverso la cosiddetta fibra FTTH, fino a 1 Gbit al secondo in download e 200 Mbps in upload. Se volete verificare la copertura GPON, quindi, controllate quali sono le aree raggiunte dalla fibra a tali velocità (potete utilizzare anche il nostro servizio gratuito per la verifica della copertura fibra e ADSL, che vi fornirà un elenco dei provider presenti nella vostra zona e il tipo di servizio offerto a seconda dell’indirizzo digitato).

Purtroppo l’accesso in Italia della rete FTTH a banda ultralarga è ancora limitato a poche città, in particolare in alcuni principali centri della Penisola, ma i lavori sono in corso e nel giro di qualche anno la situazione sarà sicuramente differente, tenendo anche conto degli obbiettivi che l’UE si è prefissata in materia di connessione ad alta velocità.

0321.085995